IL DIVENIRE ATELEOLOGICO

La prospettiva ermeneutica dalla quale in queste pagine si intende trattare il tema dell’inattualità in Nietzsche è quella contemporanea. Infatti, partendo dalla consapevolezza che Nietzsche si è posto fuori dagli schemi concettuali e di comportamento che hanno dominato la sua epoca, ci si è chiesto cosa del suo pensiero inattuale sia oggi attuale. La risposta che si dà a questa domanda, è: il metodo genealogico. Infatti, la genealogia nietzscheana è un modo di intendere la conoscenza e di descrivere il mondo. In particolare, vedremo che per Nietzsche questo mondo è qualcosa di molteplice, che diviene continuamente secondo un procedere ateleologico.

È proprio questa Weltanschauung intrinseca al metodo genealogico nietzscheano che cercherò di mostrare nella sua attualità. Infatti, l’elemento fondante del metodo genealogico nietzscheano è la distinzione tra origine e fenomeno attuale. Ciò significa che quello che oggi è un determinato fenomeno o il significato attuale di un termine è qualcosa di diverso e non legato teleologicamente a ciò da cui quel fenomeno o quel termine hanno avuto origine. Il lavoro dello storico genealogista è ciò che lo rende inattuale e soprattutto critico. Infatti, tale lavoro scardina l’idea della storia e della conoscenza in generale come ciò che procede progressivamente e teleologicamente per accumulazione.

È in questo senso che intendiamo mettere in evidenza come, grazie anche all’acquisizione da parte di Nietzsche del paradigma evoluzionista darwiniano, il metodo genealogico si mostra attuale sotto due aspetti, che a nostro avviso sono strettamente legati: 1) il rapporto tra conoscenza ed interesse vitale; 2) la negazione di un progresso nella conoscenza e nella storia e del raggiungimento di un fine ultimo. Riguardo al primo punto l’attualità di Nietzsche verrà messa in evidenza attraverso la chiave di lettura antistoricistica di Habermas che coglie lo stretto legame tra ‘teoria e prassi vitale’ nel pensiero di Nietzsche. Per il secondo punto si metterà in evidenza l’attualità del metodo genealogico in relazione alle teorie evoluzioniste contemporanee, in particolare in relazione al concetto di exaptation di Gould, rimodulando l’evoluzione in direzione chiaramente antiteleologica e antiadattazionista.

La prospettiva ermeneutica dalla quale in queste pagine si intende trattare il tema dell’inattualità in Nietzsche è quella contemporanea. Infatti, partendo dalla consapevolezza che Nietzsche si è posto fuori dagli schemi concettuali e di comportamento che hanno dominato la sua epoca, ci si è chiesto cosa del suo pensiero inattuale sia oggi attuale. La risposta che si dà a questa domanda, come si può evincere dal titolo di questo saggio, è: il metodo genealogico. Nelle pagine che seguono cercherò di motivare questa mia risposta mettendo in evidenza la particolarità e l’originalità del metodo genealogico nietzscheano.

A tale proposito, proprio perché metodo, vedremo come esso non riguarda soltanto uno scritto dell’opera nietzscheana, La genealogia della morale, o alcuni temi, come quelli legati alla moralità e alla critica al cristianesimo. Infatti, il metodo genealogico è un modo di intendere la conoscenza che porta con sé una particolare Weltanschauung. Quindi la mia analisi procederà su un duplice piano: gnoseologico/epistemologico ed ontologico, laddove ciò che avviene sul piano ontologico influenza ciò che avviene a livello epistemologico. Infatti, la descrizione di com’è la realtà determina anche il modo in cui l’uomo entra in relazione con questa realtà e quindi il piano gnoseologico/epistemologico. La genealogia nietzscheana è un modo di intendere la conoscenza, poiché è metodo conoscitivo, ma, proprio per questo, attraverso di essa Nietzsche ci fornisce una descrizione del mondo, ci dice come – secondo lui – il mondo è. In particolare, vedremo che per Nietzsche questo mondo è qualcosa di molteplice, che diviene continuamente secondo un procedere ateleologico. È proprio questa Weltanschauung intrinseca al metodo genealogico nietzscheano che è stata percepita come inattuale e che cercherò di mostrare, invece, come fortemente attuale.

1) Il metodo genealogico: origine e utilità attuale

L’elemento fondante del metodo genealogico nietzscheano è la distinzione tra origine e fenomeno attuale. Ciò significa che quello che oggi è un determinato fenomeno o il significato attuale di un termine è qualcosa di diverso e non legato teleologicamente a ciò da cui quel fenomeno o quel termine hanno avuto origine.

Proprio in La genealogia della morale Nietzsche intende smascherare, a proposito dell’origine e dello scopo della pena, quelli che lui chiama i «genealogisti della morale fino ad oggi» poiché essi hanno proceduto ingenuamente. In cosa consisterebbe questa abituale ingenuità? Nell’identificare proprio ciò che Nietzsche distingue: l’origine e lo scopo finale. Dice il filosofo inattuale riferendosi proprio ai genealogisti: «scoprono nella pena un qualsivoglia scopo, per esempio vendetta o intimidazione, e indi, ingenuamente, collocano questo scopo all’origine, come causa fiendi della pena». In tal modo questi ingenui genealogisti non avrebbero fatto la storia genetica del diritto perché non avrebbero rispettato l’unico principio che, invece, secondo Nietzsche, una storia degna di questo nome dovrebbe rispettare e cioè: «che la causa genetica di una cosa e la sua finale utilità, nonché la sua effettiva utilizzazione e inserimento in un sistema di fini, sono fatti toto caelo disgiunti l’uno dall’altro». Secondo Nietzsche tutto ciò che esiste viene continuamente e nuovamente interpretato in vista di nuovi propositi, di nuove utilità ed, in questo modo, lo ‘scopo’ ed il ‘senso’ attribuiti a qualcosa fino a quel momento, successivamente si offuscano, vengono abbandonati e sostituiti.

Vediamo, così, in che senso il metodo genealogico esprime una visione del mondo come qualcosa che evolve ateleologicamente. La genealogia nietzscheana, infatti, mostra come l’evoluzione di una cosa, di un uso, di un termine, di un organo, non è il suo progresso verso un fine da raggiungere, verso una meta, ma è il susseguirsi imprevedibile di interpretazioni e di scambi di volontà di potenza. In questo senso il modo in cui Nietzsche utilizza il termine evoluzione è tecnico e – a mio avviso – estremamente attuale, poiché egli si rifà consapevolmente al concetto darwiniano di evoluzione e, però, utilizza questo termine nella sua versione antiteleologica, per cui le cose evolvono nel senso che mutano continuamente la loro utilità, la loro funzione, senza alcun progresso lineare e senza un fine ultimo da raggiungere, ma soltanto in relazione alle singole diverse situazioni contingenti. Nietzsche, infatti, utilizza il concetto darwiniano di evoluzione in antitesi alla lettura che, invece, ne avrebbe dato Spencer; quest’ultimo, secondo Nietzsche, pose l’accento esclusivamente sul ruolo dell’adattamento finalistico a circostanze esterne riducendo il processo evolutivo soltanto a questo.

Allora, la strada che percorre il genealogista nietzscheano non è una strada dritta, semplice, che conduce direttamente dall’inizio, cioè dall’origine, alla fine, ma è piuttosto una strada tortuosa e faticosa, fatta di molteplici deviazioni che non si sa fin dall’inizio dove porteranno. Ecco perché Nietzsche afferma che il colore più importante per il genealogista non è il bianco, bensì il grigio che esprime tutta la miriade di interpretazioni che si susseguono in modo disordinato e che bisogna decifrare senza pretendere di riordinarle teleologicamente e linearmente.

Questo lavoro dello storico genealogista è ciò che lo rende inattuale e soprattutto critico. Infatti, tale lavoro scardina l’idea della storia e della conoscenza in generale come ciò che procede progressivamente e teleologicamente per accumulazione. La genealogia nietzscheana ci mostra che la conoscenza, i significati, i concetti mutano perché muta ciò che è utile per l’uomo, per il soddisfacimento e la piena realizzazione della sua vita, che non è un mero adattarsi reattivamente a ciò che lo circonda. Dunque la genealogia è critica, ma non nel senso – o almeno non soltanto – che distrugge e decostruisce una determinata descrizione del mondo come qualcosa di ordinato, lineare e progressivo, ma anche nel senso che essa ci mostra un altro modo di funzionare del mondo come imprevedibile, frammentario e molteplice. In questo senso, vediamo come l’impianto genealogico e critico ha il merito di liberare la filosofia nietzscheana dall’ombra di quel nichilismo con cui, invece, è stata spesso identificata fino a negarne una pars costruens.

La genealogia, dunque, è l’unico modo di fare storia. Infatti, per Nietzsche la storia genealogica è l’unica storia possibile perché, come dice in La genealogia della morale, essa si fonda su quel principio di distinzione tra l’origine e l’utilità finale che deve stare alla base di ogni storia. Dunque, non c’è storia che non sia genealogia nel senso in cui l’abbiamo fin ad adesso descritta.

In questo modo Nietzsche sembra proseguire ed esplicitare il discorso che egli aveva già iniziato nella famosa Seconda Inattuale. Parafrasandone il titolo, Nietzsche distingueva tra una storia utile alla vita e una storia dannosa alla vita, che consisterebbe in un eccesso di senso storico inteso come forte senso del passato da cui tutto dipende. Dice Nietzsche: «perché con un certo eccesso di storia la vita si frantuma e degenera, e alla fine a sua volta, a causa di questa degenerazione va perduta la storia stessa».

Dunque, un recupero della vita come espressione dei propri affetti, dei propri bisogni, della propria corporeità consente anche un recupero delle storia appunto come storia genetica di questi affetti, di questi bisogni, di questi corpi. La storia, che – come abbiamo visto – è sempre anche genealogia, non deve mai perdere il legame con la vita perché quando si perde questo legame la storia cessa di essere tale. Infatti ne deriva «un’abitudine a non prendere sul serio le cose reali, ne nasce la personalità debole secondo la quale il reale, l’esistente, lascia soltanto una scarsa impressione; alla fine si diventa all’esterno sempre più indulgenti e comodi». Da questa cattiva abitudine deriva, dal punto di vista di Nietzsche, una storia ‘non storia’ che si accontenta di memorizzare, archiviando tutto nel passato; essa manca di senso critico, tanto che ne deriva soltanto una personalità debole, comoda ed indulgente. Le cose reali sono, invece, proprio quelle che appartengono al mondo della vita. In questo senso, potremmo dire che il colore di questa vita non è il bianco di un ideale astratto universalizzante, bensì il grigio – per tornare alla metafora della Genealogia – di una relazione tra l’individuo e queste cose reali. Questa relazione è un prendere liberamente posizione rispetto alle cose reali a partire dagli interessi e dai bisogni vitali di ciascuno.

A tale proposito, è interessante notare come già in uno scritto ancora anteriore alla Seconda Inattuale e cioè Su verità e menzogna in senso extramorale Nietzsche ponga le basi – a mio avviso – per ciò che dirà poi nella Seconda Inattuale e anche successivamente nella Genealogia riguardo alla necessità di confrontarsi con il mondo delle cose reali, che è un mondo frammentato, molteplice e caratterizzato da un movimento ateleologico. Nietzsche, infatti, sostiene che la formazione del concetto nasce dal trascurare ciò che c’è di individuale e di reale.

Dunque, il reale è individuale e l’intelletto, per una forma reattiva di autoconservazione dell’uomo, tende a negare questa natura individuale e particolare della realtà costruendo i concetti. Ma il concetto «sorge con l’equiparazione di ciò che non è uguale» e, quindi, invece che servire a ricordare e mantenere l’esperienza primitiva che è individuale, non ripetuta e non ripetibile, il concetto lascia cadere ciò che c’è di disuguale, di molteplice, di individuale e di particolare. In questo senso, secondo Nietzsche, l’intelletto che concettualizza perde il contatto con le cose reali che, appunto, sono individuali e irripetibili.

L’uomo che pensa e conosce solo per concetti è quello che Nietzsche definisce astratto e a cui contrappone l’uomo intuitivo. Quest’ultimo, al contrario del primo, entra in relazione con le cose reali senza astrarre, ordinare ed annullare le diversità che costituiscono questa realtà, di cui egli stesso fa parte con la sua individualità e corporeità. In questo senso, penso si possa dire che il Nietzsche di Verità e Menzogna fosse già fortemente inattuale e, dunque, dal nostro punto di vista, attuale. Infatti, l’uomo intuitivo è propri colui che in maniera creativa e plastica prende posizione rispetto a ciò che lo circonda con «metafore inaudite e accozzamenti di concetti», ossia egli sperimenta uscendo dai confini rigidi dell’astrazione e della concettualizzazione. La storia genealogica e critica è, allora, la storia di queste prese di posizione, di queste molteplici interpretazioni che non guardano solo al passato che fagocita il nuovo, ma anche e soprattutto al presente e al futuro fuori, però, da un’ottica finalistica. Tornando alla Seconda Inattuale, dice Nietzsche: «L’eccesso di storia ha intaccato la forza plastica della vita, essa non è più capace di servirsi del passato come un robusto nutrimento».

È proprio contro questo eccesso di storia che, invece, si pone la genealogia nietzscheana a difesa della forza plastica della vita; questa è la stessa – a mio avviso – che già l’uomo nietzscheano di Verità e Menzogna coltiva, invece, che intaccare, in quanto «soggetto artisticamente creativo» che non smette di usare le metafore, il linguaggio e anche i concetti, ma li utilizza in maniera diversa poiché è consapevole della loro relatività e non esaustività rispetto al mondo che lo circonda.

2) Habermas e la critica allo storicismo nietzscheana

A proposito della relazione tra la storia e la vita ritengo che sia particolarmente significativa l’analisi che Habermas compie della ‘critica allo storicismo’ nietzscheana. Per precisione metodologica e concettuale devo specificare che mi riferirò soltanto alla prima interpretazione che Habermas fornisce del pensiero di Nietzsche, appunto come pensiero critico della modernità e dello storicismo. Questo pensiero critico è quello che, secondo Habermas, ha intuito che le norme della conoscenza non possono essere indipendenti dalle norme dell’agire e ha affermato l’indissolubile legame tra conoscenza ed interesse.

Quindi, non prenderò in considerazione l’interpretazione habermasiana di Nietzsche come padre della postmodernità. Infatti ciò che è interessante della posizione di Habermas è che coglie subito il fulcro della critica nietzscheana e cioè la comprensione da parte di Nietzsche del nesso immanente tra teoria e prassi vitale, tra conoscenza ed interesse. Proprio per l’individuazione di questo nesso Habermas definisce la teoria della conoscenza di Nietzsche ‘anticonvenzionale’; in altre parole noi oggi, in questo contesto, potremmo dire inattuale. Habermas – nella sua postilla La teoria della conoscenza di Nietzsche – mette in evidenza, infatti, come ciò che Nietzsche rimprovera allo storicismo è la negazione proprio di questo nesso tra teoria e prassi vitale e l’affermazione di un’autonomia della prima dalla seconda.

È proprio in quest’ottica che ritorna, dunque, il discorso sulla storia poiché lo storicismo è quella visione del mondo che nega la soggettività dell’individuo conoscente e afferma, invece, l’autonomia della teoria dall’interesse pratico; tutto ciò – dal punto di vista nietzscheano – non consentirebbe allo storico di accedere alla storia stessa. Habermas comprende che per Nietzsche, invece, soltanto il soggetto che partecipa del tessuto vitale e cioè che prende posizione rispetto alle cose reali, può riappropriarsi della storia, ma non come vuota teoria, bensì come storia critica e genetica.

Di nuovo è la forza plastica quella che consente al soggetto in generale ed in particolare al soggetto della conoscenza storica, di delineare l’orizzonte del suo mondo poiché solo a partire da questo egli può conoscere, cioè può appropriarsi del sapere, che entra a far parte delle prospettive del suo agire allargandone e trasformandone i confini. In questo senso si comprende meglio il nesso indissolubile tra conoscenza e prassi, poiché la prima, cioè la conoscenza, può avvenire soltanto all’interno e a partire da una determinata prassi vitale, che, a sua volta, però si modifica e si modella grazie alle nuove conoscenze acquisite. Questa sarebbe la forza plastica di cui parla Nietzsche: «quella forza di crescere a modo proprio su se stessi, di trasformare, di incorporare cose passate ed estranee, di sanare le ferite, di sostituire forme perdute, di riplasmare in sé forme spezzate». L’eccessiva scientifizzazione della storia, intesa come sua oggettivizzazione, la allontana necessariamente dalla prassi vitale e inibisce la forza plastica riducendola sempre di più fino a farla scomparire.

Dunque, bene riesce a cogliere il punto Habermas quando sottolinea che per Nietzsche ciò che garantisce una conoscenza storica ampia ed anche limpida non è la separazione tra il piano gnoseologico dei rapporti cognitivi e la situazione ermeneutica di partenza, ma al contrario la forza plastica e trasformatrice dell’uomo, grazie alla quale conoscenza ed interesse sono indissolubili e proprio per questo l’uomo è in grado di creare, di plasmare e di conoscere. Dunque non soltanto la vita non può essere senza conoscenza, ma anche non c’è conoscenza senza prassi vitale, senza forza plastica.

Proprio a partire da tale forza plastica dell’individuo si sviluppa il pensiero critico-genealogico che distingue tra origine e utilità attuale, nel senso per cui tra di esse non c’è un legame necessario. In questo modo Nietzsche ridimensiona l’importanza di entrambi i momenti. Infatti, da un lato, l’utilità attuale di un fenomeno, di una cosa, non è lo scopo finale attorno a cui gravita tutto ciò che accade e che è accaduto nel passato; dall’altro lato anche l’origine è semplicemente un inizio che non segna e determina tutto ciò che viene dopo. L’origine, in quest’ottica, perde la sua metafisicità e la genealogia come ricerca dell’origine non è l’individuazione di unità e linearità, ma al contrario individuazione del frammentario, della mancanza di stabilità e continuità. In questo senso, gli scopi, le utilità attuali sono, per Nietzsche, soltanto “indizi”, “segni” di interpretazioni sempre nuove e di riassestamenti, che si susseguono in maniera del tutto casuale e le cui cause, spesso, non sono connesse tra loro. L’uso di termini come indizi, segni, casualità esprime proprio un modus operandi nel quale teoria e prassi vitale sono indissolubilmente legati.

La genealogia, dunque, rivela la lontananza tra ciò che c’è all’inizio e ciò che si sviluppa in seguito fino ad arrivare all’utilità attuale. Dunque, non c’è nessuna origine alta, solenne o addirittura divina. In questo senso la genealogia ridimensiona anche il ruolo dell’uomo all’interno della natura poiché né il punto in cui l’uomo è arrivato adesso è il risultato di un progetto prestabilito (intelligent design) né la definizione che l’uomo fornisce del mondo coincide con una verità assoluta, ma è un’interpretazione che nasce da un confronto reale e concreto con le cose del mondo a partire dai bisogni e dagli interessi degli individui.
Ritorniamo così a ciò da cui siamo partiti all’inizio del nostro percorso: l’idea che la storia, intesa come storia dell’uomo, ma anche del mondo in generale, non sia un progresso verso qualcosa. L’utilità o la funzione attuale di una cosa, di un organo, di un termine sono distinti da ciò che c’era prima all’origine. Come si giunge da quell’inizio a questa utilità attuale non è qualcosa di stabilito e necessario che rientra in un disegno onnicomprensivo. Allora ciò che l’uomo della conoscenza come storico e genealogista può fare è analizzare ciò che è già accaduto perché di questo possiamo parlare in quanto ‘documentato’, ‘effettivamente verificabile’ ed ‘effettivamente esistito’ attraverso un procedimento interpretativo che non pretende però di essere esaustivo. Dunque, c’è un movimento, un’evoluzione che però non ha uno scopo, non tende verso qualcosa. In questo senso Nietzsche nega una visione teleologica dell’evoluzione con tutto quello che, abbiamo visto, ne consegue.

3) Nietzsche e Gould: genealogia, storia ed exaptation

Il famoso storico della biologia e dell’evoluzione Stephen J. Gould ne La struttura della teoria dell’evoluzione dichiara di non potere avanzare nessuna pretesa di originalità riguardo a ciò che chiama ‘il principio chiave, strutturale e storico’ delle differenze, ossia il principio di distinzione – come dice Nietzsche – , tra le utilità attuali e le cause d’origine. Infatti Gould – come egli stesso confessa – scopre nel 1998 che Nietzsche aveva già ‘brillantemente’ delucidato tale principio di differenze con tutta la valanga di implicazioni generali che questo comportava.

In particolare, ciò che Gould riconosce positivamente dell’analisi di Nietzsche è il fatto che tale principio di distinzione tra origine ed utilità attuale non sminuisce il ruolo di quest’ultima, ma semplicemente lo ridimensiona soprattutto rispetto a ciò che deve ancora accadere, che rimane imprevedibile e non determinato teleologicamente. Inoltre Gould riconosce l’ampiezza del discorso nietzscheano. Infatti, Nietzsche è consapevole che questo principio di distinzione non riguarda soltanto il campo della morale e quindi della storia genealogica del diritto, della pena ecc., ma riguarda in generale qualunque studio storico. Tutto ciò ci permette di comprendere l’ampia portata della riflessione nietzscheana poiché in questo senso il metodo genealogico è ciò che sta alla base di qualunque indagine storica sia che riguardi la morale sia la biologia sia la scienza. Dimostrazione di ciò sarebbe il famoso esempio niezscheano – che anche Gould riprende – dell’occhio e della mano. Nietzsche, sempre contro i genealogisti ingenui della morale, afferma che confondere l’origine con l’utilità attuale della pena è lo stesso che credere che «l’occhio sarebbe stato fatto per vedere e la mano per afferrare».

L’esempio dell’occhio è presente già in un’opera di poco anteriore alla Genealogia e cioè Aurora, in cui troviamo un aforisma che, non a caso, è intitolato La finalità della natura. In questo aforisma, infatti Nietzsche, proprio per dimostrare che non esiste affatto una finalità nella natura, porta l’esempio dell’occhio e della vista sostenendo che «la vista non è stata lo scopo che ha accompagnato la nascita dell’occhio, ma si è invece venuta a determinare quando il caso ebbe combinato insieme l’apparato visivo». Dunque, bisogna seguire la storia (genealogica) dell’occhio per comprendere come si è evoluto l’uso degli occhi e che non esiste alcun finalismo in questo processo evolutivo. Chi è in grado di giungere a tali conclusioni è colui che Nietzsche definisce uno «spregiudicato investigatore» proprio perché egli era consapevole dell’inattualità di questo tipo di indagine e del coraggio che era necessario per portarla avanti. Il fatto che con gli occhi adesso noi vediamo e che con le mani afferiamo non significa che sia sempre stato così e quindi che l’utilità attuale di questi organi, gli occhi e le mani, coincida con la loro origine. Il metodo genealogico serve proprio a condurre quest’indagine che, come abbiamo visto, implica una certa spregiudicatezza. Bisogna vedere ripercorrendolo a ritroso, come si è giunti all’utilità attuale senza dare per scontato che questa fosse già presente all’origine. La storia è un susseguirsi di diverse utilità e di diverse interpretazioni di una stessa cosa, organo o termine, che non portano verso nulla di definito e definitivo.

La genealogia nietzscheana, quindi, rivela un concetto di evoluzione che certamente è darwiniano, ma che sembra essere incredibilmente in linea con la teoria evoluzionistica contemporanea di Gould. Fu, infatti, proprio Gould insieme ad Elisabeth Vrba a sviluppare la teoria degli equilibri punteggiati e soprattutto il concetto di exaptation rimodulando l’evoluzione in direzione chiaramente antiteleologica e antiadattazionista. Già Darwin aveva, effettivamente, riconosciuto il fatto che alcune caratteristiche degli esseri viventi possono avere effetti utili alla sopravvivenza, pur non essendo ciò per cui quelle caratteristiche sono nate. A tale proposito Darwin aveva portato l’esempio delle suture del cranio nei piccoli di mammiferi perché queste risultano utilissime al momento del parto, ma certamente non sono nate in funzione del parto poiché le stesse identiche suture sono presenti anche in rettili e uccelli che non ne hanno bisogno.

Gould e Vrba coniano il termine di ex-aptation per riferirsi a quei caratteri sorti per una ragione indipendente dalla loro utilità attuale, istituzionalizzando scientificamente ciò che Nietzsche aveva detto ne La Genealogia della Morale e cioè che l’origine storica di un organo, di un carattere, e la sua utilità attuale sono toto caelo distinti. Si incominciò a parlare di exaptation, quindi, in tutti i casi in cui vi fosse una cooptazione, in vista di nuove funzioni o effetti, di strutture e caratteri impiegati in passato per funzioni diverse o addirittura per nessuna funzione. Per esempio, l’airone nero africano utilizza le ali per creare in acqua un cono d’ombra nel quale attira i pesci da cacciare; in questo caso le ali svolgono una particolare funzione ed hanno un particolare effetto che è quello di attirare i pesci e facilitare la caccia, ma questa funzione e questo effetto non sono quello originario, ossia quello per cui una struttura come le ali si è evoluta originariamente. Quella dell’airone nero africano sarebbe un’exaptation, cioè un uso attuale di una struttura, diverso da quello originario. La conseguenza teorica più rilevante di questa distinzione è che l’uso attuale e quello originario non sono legati da alcun nesso causale e dunque l’uso attuale, per esempio delle ali per formare il cono d’ombra, non è assolutamente inscritto nella struttura in quanto tale, ma è qualcosa che, in modo del tutto imprevedibile e quindi, per noi casuale, si è sviluppato nel tempo sicuramente anche in relazione ad un cambiamento delle condizione ambientali esterne.

Dunque, il metodo genealogico serve a capire come da una determinata origine si è arrivati ad un’utilità attuale posto che non si tratta necessariamente della stessa cosa e che tra l’una, l’origine, e l’altra, l’utilità attuale, non c’è un rapporto causale, finalistico e necessario.
In quest’ottica, dunque, non c’è spazio per una spiegazione teleologica degli eventi. Ciò che accade nel presente può essere compreso soltanto in base a ciò che è già stato, ma non per rintracciare un cammino progressivo verso un fine ultimo migliorativo di ciò che stava all’origine, ma soltanto perché ciò che noi abbiamo per capire il presente è il passato e come da questo si è giunti all’oggi.

Sarebbe questa l’attualità dell’inattuale metodo nietzscheano, ossia andare a ritroso e compiere una storia critico-genealogica dei concetti e degli eventi, che giunga fino all’origine svelando l’inesistenza di un fine ultimo o di un legame necessario tra quell’origine e ciò che esiste oggi e svelando la dimensione pragmatica della conoscenza e della storia.

L’OSTACOLO DEL SOLIPSISMO

Per chiarire il problema, è necessario definire il concetto di solipsismo in Sartre. Riguardo a questa nozione, ne distingue due tipi:

1) La solitudine ontologica (solitudine ontologica) si riferisce all’incertezza riflessiva o cognitiva dell’esistenza dell’Altro. Si basa sul principio che non è possibile porre una comunicazione reale ed extra empirica tra le coscienze. È equivalente a dire che “al di fuori di me, non esiste nulla”. Per Sartre, questa è un’ipotesi metafisica ingiustificata e gratuita, poiché “trascende il campo rigoroso della mia esperienza” (SN, 298). Tuttavia, spende infinite pagine per confermare l’esistenza dell’Altro, un fatto che di per sé denota che ci si trova di fronte a un soggetto che richiede molte spiegazioni.

2) il solipsismo ipotetico consiste nel “praticare una sorta di εποχη sull’esistenza dei sistemi di rappresentazioni ordinate da un soggetto al di fuori della mia esperienza” (SN, 298). È un tentativo positivista e critico (Cfr 298) non utilizzare il concetto dell’Altro. Per Sartre, è giustificato dalle soluzioni insoddisfacenti della prospettiva idealista al problema metafisico del solipsismo. È un tentativo più modesto rispetto al precedente ed è usato come ipotesi di lavoro, consistente nel fatto che l’Altro non esiste realmente, ma è solo “finzione”, perché in questo modo non si può lasciare il solido terreno dell’esperienza.

Sartre intende superare le rispettive soluzioni di realismo e idealismo. Riconosce che per il realista non esiste il solipsismo, dal momento che “prende tutto come dato” e non dubita che sia dato anche l’altro. Qui sorge una forte obiezione da parte di Sartre, poiché la percezione dell’Altro, in virtù della differenziazione esterna delle sostanze determinate dalla corporeità, ci riporterebbe all’idealismo. La sofistica realista si basa sul fatto che l’esistenza dell’Altro è certa, ma la conoscenza che ne abbiamo è solo probabile.

Il destino dell’idealismo non è molto migliore, poiché l’altro è concepito come reale, eppure non mi è permesso concepire la sua relazione reale con me. Non c’è via d’uscita, secondo Sartre, perché se costruisco l’Altro come oggetto, non mi è data dall’intuizione; ma se si posiziona come soggetto, è ancora un oggetto dei miei pensieri che considero. Proprio come il realismo portava necessariamente all’idealismo, il secondo, anche rifiutando l’ipotesi solipsista, cade, secondo le parole di Sartre, “in un realismo dogmatico e totalmente ingiustificato” (SN 300).
Per Sartre, quindi, sia i realisti che gli idealisti non possono superare questo ostacolo, perché presuppongono rispettivamente due affermazioni errate. Primo, considera che l’Altro è considerato una sostanza separata dalla mia persona, in virtù di una distinta (realista) corporalità. Ciò stabilisce una distanza assoluta tra le coscienze come se fossero monadi indipendenti, separate da uno spazio ideale (idealisti). Così si legge in “Essere e Nulla”: “L’altro è colui che non è quello che sono e che è ciò che non sono. Questo non-essere indica un nulla come elemento di separazione dato tra l’altro e io. Tra l’altro e io non c’è alcuna separazione. “(SN, pagina 300). Il presupposto comune all’idealismo e al realismo consiste, quindi, in una negazione dell’esteriorità.

Questo presupposto fondamentale porta inevitabilmente a un secondo errore, che Sartre chiama “gravi conseguenze”. Lo spiega così:

Se, infatti, devo essere in relazione con l’altro, nella maniera dell’esteriore dell’indifferenza, l’emergere o l’abolizione dell’altro non mi condizionerebbe più nel mio essere che un In-sé può essere influenzato dall’apparire o dalla scomparsa di un altro In- sé. Pertanto, dal momento in cui l’altro non può agire sul mio essere attraverso il suo essere, l’unico modo in cui può rivelarsi a me è di apparire come oggetto della mia coscienza. (SN, pagina 301)

La gravità di questa situazione è che ogni oggetto che appare alla mia coscienza è parte del mio mondo interiore. Poiché Sartre non rinuncia al punto dell’interiorità della coscienza, come punto di partenza, tutto ciò che percepisco come oggetto esiste in virtù della mia soggettività, essendo parte del mio “pensare” nel senso di Cogito. Come ha rivelato Cartesio, l’unica certezza fondamentale che abbiamo è quella dell’esistenza stessa. Dal momento in cui stiamo dubitando metodicamente o pensando, l’unica certezza ontologica che abbiamo è che io esisto.

Pertanto, ogni altro oggetto che si presenta in maniera fenomenica non può avere più di una probabile esistenza. Volendo essere coerente con il presupposto cartesiano, Sartre riconosce che le visioni del realismo e dell’idealismo sono insufficienti per raggiungere la certezza ontologica dell’esistenza dell’Altro e del mondo esterno. Se accettiamo che l’altro differisce dalla nostra esistenza per mezzo di una negazione esterna, allora il solipsismo solleva un problema veramente insolubile, poiché ciò che mi viene mostrato come esterno si erge sempre come un oggetto. In questo senso, la prova ontologica dell’essere di altre cose o di altre coscienze può essere considerata solo probabile e, nel peggiore dei casi, una sorta di sogno o inganno malvagio, come temeva metodologicamente Descartes nelle sue Meditazioni.

L’uso della risorsa del dubbio metodico e dell’epoca husserliana non ha mai inteso condurre al solipsismo ontologico. Nel campo delle scienze empiriche, come la psicologia comportamentale, non ci sarebbe alcun problema a usarle (SN, 298), ma in un saggio fenomenologico e ontologico non c’è scampo dalla complessità solipsistica.

L’unica via d’uscita possibile, quindi, per Sartre, è dimostrare che un problema del genere non esiste come problema, perché la negazione non-sono-un-altro deve essere data internamente e prodotta dal soggetto esterno come un agente sulla mia coscienza che non lascia, in nessun modo, indifferente.

GIUSTO E MORALE

La giustizia e la moralità NON devono essere analizzate: poiché possono essere abbandonate come morti: monumenti dei consunti: testimonianza del lungo successo di un trucco del linguaggio finalmente scoperto e screditato. Ma la giustizia e la moralità abbandonate, restano ancora le parole descrittive della condotta umana che hanno fornito le basi su cui il trucco è stato applicato a tale vantaggio: “giusto e morale”.

Abbiamo già espresso la nostra opinione su entrambi i termini, ma solo nel rispetto di tale significato che hanno quando sono usati con attenzione e delicatezza: usati come si userebbero coloro che consideravano le parole come buoni strumenti da smussare solo sotto il pericolo di confondere lo scopo per cui nascono tutte le parole: l’intercomunicazione del sentimento e della comprensione umana. Li abbiamo trattati con precisione, come potrebbe fare un bravo scrittore con un pubblico di buoni scrittori, ma dal momento che gli scrittori bravi sono pochi e lontani tra di loro, è impossibile riunirli in numeri, e diventa consigliabile – se il pubblico deve essere esteso a tutti – trattarli con quei significati sciolti e rozzi che sono attaccati a loro in vario modo dai curati e dagli altri oratori, dai giornalisti e dagli scrittori di trattati filosofici che portano la schiuma alla superficie della propria retorica confidando abilmente nel loro uso. Quindi, dunque, alla connotazione popolare: per primo “Giusto”.

Il significato della parola “giusto” secondo gli esperti in retorica – ed è questo significato che decide quello che è popolare – è “generoso”, una connotazione abbastanza strana quando si tiene a mente l’ampia distinzione che esiste comunemente tra i due termini. Tuttavia, questo è il significato retorico. Essere “giusto” significa essere “generosi”; vediamo l’opposto – quando un uomo è “generoso”, è solo “giusto”, per l’accorato desiderio di cui è probabile che il significato di una lotta sociale nel prossimo futuro sia raccontato, e pur portando le difficoltà che ogni lotta da, recherà con sé dolore al cuore e risentimenti di cui certamente non ha bisogno.

* * *

Esaminiamo come è stato portata avanti questa caduta di connotazione dal “giusto” al “generoso”. Primo sul preciso significato di “giusto”, che è duplice: secondario e primario, di cui il secondario è l’ovvio e il significato comunemente accettato, mentre il primario è così fondamentale e fondato su motivazioni da essere così profondamente istintive, ma che raramente, viene preso in considerazione e solo molto scarsamente è fornito di classificazioni. Delineeremo innanzitutto l’ovvio significato secondario. In questo senso un essere “giusto”, è quello che realizza una cosa solo con la buona fede, e avendo fatto un affare, lo difende.

Per le occasioni o dai contratti separati, “essere giusti” non ha altro significato. In relazione a questo,”essere giusto”, significa soddisfarsi nella misura in cui la propria impresa è entrata nell’affare. E nello spirito come nella lettera: è una considerazione che spiega la distinzione adatta tra essere “giusto” in senso giuridico ed essere “giusto” per la piena estensione del terreno che il termine copre. La “legge” stessa si sforza di costringere gli uomini ad essere “giusti”, costringendoli con minacce di punizione per adempiere ai termini dei contratti nella misura in cui vi siano prove visibili o udibili per testimoniare quale sia stato il termine del contratto. Questi limiti sono, naturalmente, spesso gli incentivi più potenti offerti durante la formazione di un patto, sono non scritti e semplicemente impliciti.

Molto è lasciato al tacito presupposto – specialmente con i banali e le persone onorevoli: ed è quando tali presupposti hanno avuto il permesso di avere influenza nella realizzazione del patto, solo per essere ignorati in sequenza, che il senso è quello di essere stati trattati ingiustamente. Contro i più deliberati “trucchi di assunzione” la legge stessa tenta di proteggere le proprie vittime naturali. Ma stranamente, dove il senso del trattamento “ingiusto” sembra essere il più importante in circostanze in cui non esiste un trattamento ingiusto, in senso stretto: ma dove, attraverso l’avvento del caso o qualche altro fattore imprevisto, i termini di un contratto originariamente fatto in buona fede, viene migliorato per uno e si è deteriora per l’altro.

Condurre fedelmente non solo i termini scritti ma quelli taciti e assunti del contratto- ma i termini prevedevano il dilemma che si sarebbe dovuto fare diversamente- è considerato “ingiusto” dai sentimentalisti, retorici e salvazionisti. Loro preferiscono applicare il termine “ingiusto”, mentre in realtà significa “ingeneroso”. E da questo punto inizia la caduta. Essi presumono che l’assunzione di un vantaggio implicito in un contratto, sia giunto per caso o addirittura per intuizione superiore, o a quattro zampe, con vantaggi garantiti da una malafede più o meno trasparente rispetto a un accordo.

La parte che si trova dal lato sbagliato del contratto si pone – non nel compito di imparare a contrattare meglio in futuro, o di evitare le occasioni in cui ha la possibilità di essere sfortunato, o in cui non manifesta il talento che ha per avere successo – ma per rimproverare l’altra parte per quanto riguarda la condivisione del bottino. Pensa di chiedere all’altro di essere “giusto”, mentre gli sta chiedendo di essere “generoso”: un atteggiamento comune e abbastanza buono, se piace, ma è errato presumere che stia chiedendo di non essere favorito- ma da trattare “giustamente”.

* * *

Vale la pena soffermarsi su questa tendenza del “inferiore” per chiedere al “generoso” quando viene offerto il “giusto”, poiché da tale atteggiamento seguono molte implicazioni: che è il motivo per cui le persone con spirito, si preoccupano poco dell’estromissione del “giusto” dal “generoso”. Per prima cosa, l’azione di quest’ultimo è incerta, inaffidabile e, peggio di tutto, si prevede che colpisca in entrambi i modi. Colui che è stato trattato generosamente deve, a sua volta, agire generosamente o essere considerato – qualcosa di cui non gli importa di essere-cattivo.

Preferirebbero essere “giusti” perché è opportuno, ed essere “generosi” per capriccio, solo quando vogliono. I programmi solitari, essendo generosi, potrebbero essere disturbati: inoltre, si preoccupano poco della sensazione di essere stati generosamente trattati: sentono che è un investimento o un mecenatismo sottilmente velato, e preferiscono ritagliarsi una carriera indipendentemente da esso.

Accettare favori con obblighi indeterminati è un procedimento fastidioso per uomini capaci. Solo i favori che sono fatti a titolo definitivo, per la soddisfazione personale del soggetto, sono adatti all’accettazione. In breve, essere “generosi” è puramente un affare del gusto individuale, mentre essere “giusto” – in questo senso è secondario soddisfare in modo equo qualunque cosa si intraprenda – è la base di un’esistenza sociale tollerabile.

* * * *

C’è, tuttavia, un senso in cui “essere giusti”, colpisce più profondamente di quanto è stato visto in relazione alle occasioni: colpisce così tanto la qualità individuale che diventa una questione di idoneità linguistica se la parola “solo” dovrebbe essere usata in relazione ad esso, specialmente perché ha a che fare con un aspetto del carattere umano che è chiamato – abbastanza erroneamente – “morale”.

I poteri cruciali che danno la configurazione alla qualità di una comunità, e che fissano lo status dei suoi membri, non sono fondamentalmente basati sulle occasioni: lo spirito che permette di concludere le trattative. I poteri cruciali sono indicati, come a gradi, dal risultato di una lotta che arriva sempre dopo la natura di un combattimento. Le lotte sono condotte quasi fino all’esaurimento prima che si arrivi a un tale grado, ed è approssimativamente sui calcoli basati del loro esito, che lo spirito- dove vengono colpite le successive occasioni- prende tono e temperamento. C’è stata questa valutazione preliminare dei valori che hanno deciso cosa è “giusto” in primo grado, prima di arrivare al punto in cui si può essere “giusti” in senso secondario.

La valutazione del proprio valore precede tutte le contrattazioni: quello che per uno è un “giusto” affare, per un altro è assurdo e fantastico, e da contemplare. Ciò che è “giusto” per uno, si basa su ciò che uno “è” e “ha”.

Questa causa – la base dell’accordo – comprende la somma totale dell’intera competenza. Per gonfiarlo con la frode, l’inganno, il travisamento, il rimpallo, la spavalderia, l’errato calcolo “onesto” – tutte queste cose possono essere messe dentro – nel tentativo di confondere il valore esatto. Sono tutti mezzi che cercano di nascondere ciò che è giusto: rendere la valutazione inesatta, non ben bilanciata sul valore preciso delle parti con l’intento di confondere gli altri come i propri debiti. Ora, un individuo è adatto in ciò che può ottenere, se sceglie di disporre questa questione particolare in un test di prova con la forza. È un corollario che arriva dalla propria competenza.

Ora, è uno dei fatti più evidenti della vita, che la “competenza” degli individui sia varia: varia in misura enorme: e segue, quindi, ciò che ogni individuo può, nelle occasioni successive, e “giustamente” richiede (giustamente, cioè, con il dovuto riguardo al potere dell’individuo di sostenere efficacemente la sua richiesta), varia in modo equivalente. Questo è il motivo per cui l’argomento sull’uguaglianza non colpisce mai più in profondità del tono affermato.

Che gli uomini siano “uguali”, è il rivestimento istintivamente ricercato, proprio da quei sentimentalisti che “rivendicano” il gesto generoso perché non amano il “giusto”. Infatti, come è ovvio che la competenza individuale varia enormemente, è altrettanto ovvio che nulla ferisce il temperamento umanitario (cioè retorico salvazionista, uguaglianza-e-diritto) più che un aperto riconoscimento di esso. Il fatto che gli uomini non siano uguali nell’unico senso che conta, cioè nel potere della vita, è lo scheletro dell’umanitario nell’armadio. Non è menzionato da nessuna parte, ma è il segreto universale conosciuto ovunque.

Possiamo forse rendere questo aspetto primario di ciò che è “solo” più chiaro, rivolgendoci a una considerazione della “morale” per un momento, e tornare a mostrare la connessione tra i significati retorici di entrambi. Accuratamente “la morale”, come abbiamo sottolineato prima, è il “tradizionale”, “la consuetudine”. Il fatto che appartenga alla moltitudine e descriva il percorso della moltitudine, spiega perché in essa si sente un così buon odore: spiega perché è la conquista pronta di tutti coloro che cercano di conquistare il favore della massa. Sostenere questa cosa perché è morale è un’adulazione ovvia: significa ” tuo” – quindi “buono”.

Molto probabilmente è “buono” poiché appare come tale per la moltitudine; e dal momento che si aggrappano a questo, mostra un’abitudine affidabile, almeno per loro. I moralisti, tuttavia, non si accontentano di questo resoconto della quantità di merito nel loro appello alla popolazione per l’intercessione sotto l’egida della morale. Si sforzano piuttosto di implicare che la “morale” è lo stesso aspetto di quella forza di spirito che è il nucleo di tutta la competenza personale.

Vale la pena essere abbastanza precisi su cosa sia questa “forza spirituale”, e dal momento che esiste questa parola popolare che viene usata pressoché nella connotazione esatta, tutto questo non dovrebbe essere difficile da intendere. La parola “carattere” (che solo in quanto erroneamente identificata con la “morale” è sinonimo di rimpinzare ) si adopera per la parola “carattere”. Il carattere è l’energia vivente, che varia in forza e differisce in qualità, dove forte, debole o indifferente, è l’ultima competenza individuale, che deve essere presente prima che possa essere diretta verso qualsiasi attività.

Il più delle volte il carattere forte si rivolge a nuovi tipi di attività, lasciando la morale, e il coraggio giustificato dei suoi figli, e riesce a inaugurare una nuova pratica: i personaggi più deboli successivamente porteranno sicuramente avanti la morale, cioè, imiteranno e probabilmente vizieranno per imitazione. Il carattere è il valore – il potere – in un individuo a prescindere da quello che fa, anche se ciò che fa è determinato da ciò che è. Le differenze di carattere non sono differenze di “morale”, “modi”, “abitudini”; sono siffatte differenze che esistono tra una forte corrente magnetica e una debole: o tra un rovo consumato e una quercia: entrambi “buoni” a loro stessi, senza dubbio: ma non hanno bisogno e certamente non ricevono un trattamento identico. Parlare di morale quando comprende il carattere è parlare di atteggiamenti quando in realtà si intendono “valori”.

* * *

Per affermare con forza che “gli uomini sono uguali”, le persone deboli ma gentili scelgono di fissarla leggermente alla richiesta di forza individuale: hanno paura di cercare l’unica ragione per cui alcuni uomini sono ammanettati mentre altri li ammanettano. È poiché non osano manifestare questo fatto, sul quale si basa fondamentalmente il “giusto”, cambiano il loro urlo dal giusto al generoso: e praticano un rimbalzo innocente, ma altamente fuorviante, richiamando la generosa giustizia desiderata. Il rimpallo andrà solo un po avanti- ma non lontano: certamente non abbastanza lontano da apportare molti cambiamenti materiali nelle loro condizioni.

Prendiamo come esempio l’attuale protesta contro il “sistema” salariale (il cosiddetto). Il “sistema” deve essere abolito perché, peraltro, è “immorale” e “ingiusto”. Basta notare che: lo stesso respiro, che afferma che è immorale, va contro gli istinti più profondi degli uomini – dichiara anche che è quasi inestirpabile, che ha funzionato nel tessuto stesso della civilizzazione, tanto che le menti degli uomini sono ipnotizzate da esso – il loro stesso discorso è tutt’uno con esso, e che non possono liberarsi della fraseologia che incarna, ma essendosi scrollato di dosso un asserzione, ne userà un’altra in cui è così profondamente implicato. Vivere una vita stabile, lavorando per i salari di sussistenza, sia che si tratti del vecchio ordine degli schiavi o del nuovo sistema salariale, dimostra che la massa degli uomini si è imposta nel corso della storia con questo livello istintivo. Bene, allora: qualunque sia il modo in cui uno riceve il salario, è certamente una consuetudine: è normale: morale. L’abitudine di essere pagati per il lavoro fatto in termini di salario- tipo di moneta – è quella più inconfondibile, più di ogni altra caratteristica comune all’umanità nel corso dei secoli. Lavorare per un salario è certamente morale, in maniera così straordinaria, che ci sentiremo costretti, uno di questi giorni, a cercare di capirne il motivo. È anche doloroso, ci viene detto. Se è così, lascia che quelli che ne sono feriti ci dicano come. Se è dannoso, è un esempio molto interessante di indubbia “morale”, che è solo “buona” in maniera indiscutibile. Senza dubbio ciò che questi scrittori intendono quando dicono che è immorale è che il guadagno degli stipendi non è compatibile con il carattere di persone forti o di carattere originale.

Il che sembra abbastanza vero, dal momento che il guadagno salariale massificato, ha comportato il lavoro progettato da altri uomini, di cui gli operai hanno scarso o nessun interesse personale; nel complesso, la loro fatica è umile, servile, obbediente, sottomessa, e loro stessi sono aperti a subire insulti e oltraggi.

* * *

Allora perché persistono in esso? C’è chi dice loro che è doloroso: ma ne dovrebbero avere una comprensione migliore. Per quanto riguarda il fatto che la scarpa punge, il miglior giudice è quello che la indossa. Tutto ciò che uno spettatore può dire è che questa “scarpa da salario” è di una forma tale da renderla da tortura a causa di certe muffe. Ma la scarpa da salario sembra adattarsi molto bene ai salariati: richiede una grande dose di persuasione prima che possano essere indotti a dire una parola contro di essa, e anche allora le stesse parole che sembrerebbero rimproverare le restrizioni assomigliano sempre a un logorare continuo. I nomi non contano molto: tolgono quello di “scarpa” e mettono velocemente l’etichetta di “pantofola”.

Questo fatto, sembra essere creato su misura: si adatta al totale della loro effettiva competenza. Certamente padroni e uomini non stanno negoziando nell’oscurità: di tanto in tanto hanno provato la singola forza, e queste attuali relazioni sono così compromesse che hanno avuto un seguito come esito di queste prove. La competenza dei lavoratori dipendenti non può essere elevata se si tiene a mente che sono appena arrivati al punto in cui è possibile negoziare. Arrivano ai padroni come mendicanti: implorando di poter realizzare i loro scopi, le energie, su loro richiesta, vengono comprate per questo scopo.

Sulla base dei propri poteri, non sono nella posizione di fare un affare vantaggioso. Neanche loro. Quando, combinandosi con gli altri come incompetenti, cioè impotenti, come se fossero in grado di dimostrare con successo che i tassi sono in perdita [almeno] così tanto. È spesso concesso dal datore di lavoro perché è più conveniente non contrattare: o perché se lo può permettere: o perché gli piace essere generoso e ha pietà della situazione dei poveri.

Il fatto che i sindacati con un dispositivo chiamato monopolio del lavoro siano riusciti a garantire una certa parvenza di contrattazione ha dato all’unione salariale un senso di accresciuta condizione che rischia di rivelarsi altamente fuorviante: è probabile che confondano una riluttanza a incorrere in questo inconveniente, nel riconoscere la competenza esistente che appartiene solo all’esercizio positivo del potere. I risultati dell’esercizio del monopolio sul lavoro, degli scioperi e di altre tattiche ostruzionistiche sono puramente negativi, e alla lunga si riveleranno poco efficaci. Gli uomini non sono insostituibili: una caratteristica inquietante per coloro che istituirebbero monopoli. Le macchine andranno molto lontano con il lavoro della massa dei lavoratori salariati.

La prova cruciale della competenza non è dove gli uomini possono costringere gli altri a concedersi, ma dove ciascuno ha il potere di creare producendo per se stesso. Il fatto che i datori di lavoro non diano molta importanza alle “pretese” dei sindacati è dimostrato dalla determinazione a non cedere alla questione del lavoro non sindacale. Questi spettacoli “negativi” di potere, in effetti, esibizioni di assenza di potere, non sono persone in grado di portare lunghe borse fino al ginocchio. Se poi, dovessimo riassumere le quote dei salariati in termini di ciò che è principalmente e secondariamente giusto, diventa chiaro che il loro caso ha a che fare con il carattere, piuttosto che con la morale, e troverà la via d’uscita dal cambio del salario – guadagnare quando possono contare su ciò che è giusto e fare a meno del generoso.

* * *

In primo luogo, per quanto riguarda i tipi e le dimensioni dei salari. Nessun uomo onesto può affermare, nel complesso, che questi sono ingiusti: che offendono violando i termini di un accordo. Al contrario, i salariati sono raramente in una posizione sufficientemente forte per fare un affare. Chiedono e ricevono – lavorano con gli stipendi in allegato. Fanno il lavoro che gli viene dato, in modo tollerabile. Prendono i loro stipendi se la preoccupazione paga o perde: nel complesso sperano che “paghi”, poiché con la sola certezza non sarebbero a lungo impiegati, a meno che non ci fosse una prospettiva di profitto dal loro impiego per colui che li impiega. Proprio come sanno che non lavorerebbero, per la certezza dei salari, dovrebbero sapere che un datore di lavoro non li impiegherebbe, per la speranza di profitti in una forma o nell’altra. Se al salariato non piace l’accordo, può sempre andarsene e fare partire una sua azienda. Se affronterà “giustamente” il vero motivo per cui non lo ha già fatto, lascerà che sia perché sente di non avere la competenza dietro di sé – sia nelle abilità che nei possedimenti, o entrambi, per fare partire un azienda, per il profitto di se stesso: altrimenti lo farebbe.

Se in futuro si sentirà mai in grado di farlo, lo farà. Il presente discorso sul “plusvalore” che egli “crea” è alquanto un autoinganno. Non “crea” nulla in senso iniziatico. Fa il lavoro per il quale ha fatto domanda, è pagato, e otterrebbe il licenziamento non facendolo. Non ha pensato ai profitti “creati” quando ha intrapreso il lavoro. Il suo pensiero era quello di ottenere e mantenere il lavoro.

Il suo “diritto” per obbligare qualcun altro a dargli lavoro; il suo “diritto” di fare in modo che qualcun altro si rifiuti di dare lavoro ad altri; il suo “diritto” a una certa quantità di retribuzione; il suo “diritto” al “plusvalore” è un ripensamento scarno. Perché se avesse avuto la “forza”, la “competenza” per coprire l’ampia estensione di questi “diritti”, non sarebbe nella posizione di un mendicante che chiede il favore di un lavoro a un capo: avrebbe imposto di essere esso stesso, il padrone: l’unica cosa che fino ad oggi l’ordinario salariato rifiuta costantemente di essere. Il fatto che abbia iniziato a chiamare la scarpa una scarpetta non attenua in alcun modo l’ostinazione di questo rifiuto.

* * *

Certo, i suoi autoproclamati apologisti hanno una serie di “ragioni”: sarebbe, infatti, strano se i salariati in comune con tutti gli altri, non riuscissero a trovare un’offerta inesauribile per fare ciò che non hanno voglia di fare.

Ma i loro amici intellettuali hanno escogitato questo: basandosi sul presupposto piuttosto discutibile che l’attuale condizione opprimente non sia un indice giusto della loro effettiva competenza, e che la valutazione primaria del loro peso sia “ingiusta”, la tesi è, che il modo in cui possono essere trattati, non è indice che non possano impedire di essere trattati in questo modo: che questa valutazione competitiva è superata e che ora stanno meglio, più di quando gli affari si adattano nella loro attuale posizione subordinata.

E, naturalmente, nel corso del tempo, i valori dei personaggi cambiano costantemente, ma quando sono cambiati in misura notevole ci sarà un combattimento – noi lo chiamiamo una rivoluzione – per valutare nuovi poteri nella misura in cui sono cambiati. Durante una tale lotta esiste uno stato di guerra in cui gli scrupoli che rispettano i termini dei contratti, gli usi comuni ai tempi di pace, il rispetto della proprietà e cose simili, saranno abrogati: mentre i combattenti si impegneranno a condurre la contesa, con tutta la forza, composta da forza armata, intelligenza, astuzia, possedimenti attuali, amici, obblighi passati, fascino e grazia, cose che possono servire per conquistare alleati o disturbare la ferocia dell’attacco.

Quando la campagna è stata combattuta fino all’esaurimento, nella calma che segue emergerà la nuova stima che ognuno deve brandire dalle competenze altrui: una stima che servirà per molti anni a venire. Dopo i termini più intransigenti di ciò che è principalmente “giusto” -essendo stato deciso in un altro ambito- arriverà il periodo dove ciò che è “giusto” nel grado secondario, può ristabilirsi, applicandosi ai termini fissati per il contratto. Così la guerra aperta alla guerra non è nella sua natura contraria alla pace: è un preliminare necessario alla pace.

Gli anni di pace si basano su conclusioni di forza relativa che possono essere raggiunte solo in guerra: conclusioni che affermano ciò che è fondamentalmente “giusto” sia in relazione ai poteri internazionali che a quelli intranazionali. Una classe o una nazione di volta in volta farà franare una lotta in termini primari, e al momento giusto, con gli avversari dentro , considererà stracciati tutti i negoziati contrattuali. Dopo, il problema, di ciò che è stato considerato “principalmente giusto”, sarà riadattato. Questo è esattamente ciò che il termine “riaggiustare” significa, vale a dire, fare una valutazione, fino ad ora accettata, più accuratamente di quello che i poteri hanno fatto. Quindi possiamo affermare la conclusione: in tempi di pace se facciamo affari, è opportuno essere contenti di soddisfare e accontentarsi della loro semplice realizzazione: e non è in alcun modo possibile tentare di colpire gli imprenditori, i datori di lavoro o altri, per avere favori. Ma la guerra ha dichiarato che il negoziato è concluso totalmente, per il momento, e ciò che si può chiedere sta per essere deciso sulla base di argomenti non verbali ma concreti. Ciò che è “giusto” è per il momento in dubbio, ma sarà chiarito dalla menzogna dei combattenti alla fine della campagna. Una classe disgustosa, che non ha l’impronta istintiva, dove tutto questo è l’essenza della situazione, è così poco avanzata sulla via della rivolta, che difficilmente avrà il diritto di sostenere questo tratto distintivo. E nulla di buono – per loro o per gli altri -arriverà. Ci si alza, quando si è in grado di farlo.

LA DISSOLUZIONE DELLA RAGIONE

La concezione di Nietzsche dei limiti della scienza, la sua interpretazione della verità, intesa come ciò che può apparire, e il circolo – che riappare in forme sempre nuove – di un annientamento, per così dire, suicida di tutto ciò che è vero, che non mette in dubbio la ragione in generale.

Che si tratti della morale, della morte di Dio o della verità, tutto confluisce in un perdersi nel nulla. Ma, all’interno di tali estremi, Nietzsche vuole raggiungere, nel vero senso, l’essere. Questo non è accessibile come la ragione; per questo motivo, cerca di ottenerlo per mezzo della dissoluzione della stessa o per mezzo dell’agire e dell’attacco.

Nietzsche attacca la ragione in quattro modi:

1. Contro l’affermazione che la verità sta nel pensare, applica la sua teoria dell’interpretazione e, con essa, l’apparente carattere di ogni cosa pensata. Questa è la logica peculiare di Nietzsche. Le categorie di pensiero sono inganni necessari per la vita; sono utili e sono strumenti per afferrare qualcosa (6, 22). Se uno non credesse in loro, il genere umano soccomberebbe (16, 20). Ma non sono la verità, ma finzioni. In realtà, la sua origine non è nell’essere, ma è la condizione che ci permette di pensare che sia così. Una tale condizione è che qualcosa è identico a se stesso. Solo se pensi all’identità (casi identici, ciò che rimane uguale a te stesso) questo sarà l’oggetto del pensiero. L’ammissione di un’entità identica a se stessa “è necessaria per pensare ed essere in grado di stabilire; la logica fornisce solo formule per ciò che rimane nell’identità “(16, 30). Nietzsche sviluppa questi pensieri nei seguenti passaggi:

Il pensiero dell’identità richiede il principio di contraddizione. Anche questo, entro l’orizzonte ingannevole di un intelletto che cerca di essere, costituirà una finzione.

“Affermando e negando la stessa cosa, falliamo.” Tale affermazione e negazione sono solo una proposizione dell’esperienza soggettiva: non esprime alcun “bisogno”, valido per essere se stesso, ma solo un’impotenza della nostra capacità di pensare . “La proposizione non contiene alcun criterio di verità, ma un imperativo su ciò che dovrebbe essere vero” (16, 28 mq).

L’identità e il non essere in grado di contraddirsi l’un l’altro hanno la loro radice ultima, secondo Nietzsche, nell’Io, che è uguale a se stesso ed è come se fosse costante. Ma, per esso, non c’è nessun io, fuori da questa posizione. Ciò che l’idealismo tedesco aveva pensato con la logica del sé, inteso come coscienza del pensiero in generale, venne approvato da Nietzsche; ma impiegato come mezzo per il suo attacco. Il prospetto su cui poggia il movimento della ragione – quella che sarebbe la nostra “fede nell’io” – costituisce un limite: “il nostro pensiero presuppone quella fede; abbandonarlo significherebbe non poter continuare a pensare “(16, 15).

Il fatto che l’io, l’identità e l’impossibilità della contraddizione siano collegati l’un l’altro, costituisce il circolo in cui la facoltà di pensare, come un’interpretazione sempre fittizia dell’essere, ha luogo nel corso della vita.

Ora, poiché tutte le altre categorie (cosa, sostanza, soggetto, oggetto, predicato, causalità, meccanicismo e altre) si riferiscono solo a un essere identico che non contraddice se stesso e anche all’essere della differenza, tutti sono postulati dall’intelletto e messi al servizio della vita, che richiede qualcosa di costante come condizione per essa. Sono solo finzioni in un’entità. Dai frammenti di Nietzsche, si potrebbe presentare una teoria delle categorie ampiamente sviluppate.

Mostrerebbe, in una ripetizione monotona, che ogni categoria porta quel carattere di identità, ecc., E che ognuno di essa è al servizio della vita e della volontà di potenza.

Il risultato della logica nietzscheana, costantemente confermata, è che l’intelletto è un mezzo per vivere, sebbene l’intelletto non possa catturare l’essere della vita nel suo stesso senso, cioè quello di un costante divenire.

“Il nostro intelletto non è fatto per concepire il futuro: si sforza di dimostrare una rigidità generale” (12, 23). “Ma il carattere del mondo che diviene” non è “formulabile”; è “falso”, “contraddittorio”, logicamente incommensurabile. “La conoscenza e il divenire sono esclusi … un certo tipo di divenire deve creare l’inganno dell’e-n-t-e” (16, 31); cioè, di un essere sussistente, identico a se stesso. Tale inganno è possibile solo attraverso il circolo del pensiero che si chiude su se stesso. Il significato ultimo di tali esposizioni, basato sulla teoria di tutta la vita pensante, inteso come interpretazione, è nella limitazione della ragione all’intelletto, e nel superamento della sua pretesa di verità, raggiunta da una richiesta di verità di un significato diverso e che si muove in un piano completamente diverso ..

Per la vita dell’uomo, la ragione è inutile, pericolosa e impossibile. È inutile:

“La mancanza di ragione di una cosa non è un fondamento contro la sua esistenza; piuttosto, ne costituisce una condizione “(2, 369). È pericolosa. Sembra che presuma di sapere tutto, ed è anche deleteria.

Alla domanda: “La ragione, che fino ad ora ha immaginato di sapere tutto, è conservata o piuttosto distrutta?” (12, 156), Nietzsche risponde con queste parole: “se l’umanità agisce davvero secondo ragione, vale a dire, secondo il fondamento del pensiero soggettivo e della conoscenza, sarebbe dovuta crollare da molto tempo, “(12,157). È l’impossibile. Non c’è verità della ragione, capace di fondare tutte le cose e attraverso la quale la totalità dell’uomo può essere compresa.

Se, per esempio, i predicatori tolleranti della ragione avessero fondato tutto sull’intelletto razionale, mostrerebbe che essi escludono sempre alcune coppie di “verità fondamentali” e, rispetto a loro, non ci sarebbe alcuna tolleranza. “Sarebbe bello attenersi alla ragione, finché c’era una ragione. Ma il tollerante deve diventare dipendente dalla sua ragione, dalla sua debolezza “(12, 172).

In realtà, non esiste una tale ragione, sulla quale possa essere fondata l’esistenza data dell’uomo.

Cosa significano tali attacchi sulla fede nella ragione? Nietzsche mette in discussione, del perché questa verità appare come qualcosa di sussistente, cercando di fondare, all’origine, la verità della coscienza dell’essere, propria dell’esistenza umana, che è come se fosse l’unica cosa che ha validità universale, suscettibile di essere pensata da tutti e da tutti assimilata, essendo, in tal modo, in grado di sostenere la vita in comune di tutti. Nietzsche mette in discussione, del perché la verità cela se stessa: questa sostiene l’Esistenza. Nel suo filosofare, interroga questa profonda verità. Se, con il nome di “verità fondamentali”, Nietzsche trova solo gli errori che condizionano la vita, questo domandarsi sarà una mera indicazione; in esso il pensiero sarà limitato per un istante, e Nietzsche stesso non è rassicurato da esso.

3. Alla domanda metafisica se la ragione domina il mondo, la risposta, all’interno del pensiero filosofico, è sempre stata affermativa in un certo senso, per quanto sia stata differita. Nietzsche, d’altra parte, nega una tale ragione metafisica del tutto. “L’unica cosa razionale che conosciamo è la particella della ragione dell’uomo” (10, 414). Il vortice delle forze del mondo non ha motivo. “Il fatto che il mondo non sia l’insieme di un’eterna razionalità può essere dimostrato in modo definitivo, perché la parte del mondo che conosciamo – la nostra razionalità umana – non è troppo razionale” (3, 190). Infatti: “Anche tra i più saggi, la ragione rimane l’eccezione. Il caos, il bisogno e il vortice delle stelle: ecco la regola “(12, 243). E “tra tutte le cose, c’è qualcosa di impossibile: la razionalità.

Certamente un piccolo motivo è sparso da una stella all’altra: questo è mescolato con tutte le cose “(6, 243). Per Nietzsche, è sorprendente che la ragione esista in generale. Come è venuta al mondo? “Come è giusto, in un modo non razionale, per caso. Dovremo contare su di essa, come un enigma “(4, 125).

La fede metafisica in una ragione che prevale nel mondo, dipende dalla fede in Dio o è identica ad essa. Per Nietzsche entrambi sono caduti. La fede nella verità era solo una conseguenza della fede in “che Dio è la verità e che la verità è divina … Ma come sarebbe possibile una tale circostanza, se diventa sempre più incredibile, se nulla viene mostrato come divino, per errore, cecità e menzogne, se Dio stesso si è dimostrato la nostra menzogna più duratura? “(5, 275 mq).

Con un tale attacco, Nietzsche vuole respingere la fede e la fiducia nella ragione oggettiva del tutto, intesa come la credenza in un principio pensabile e intelligibile. Mettere una tale ragione come assoluta sarebbe, per lui, rendere l’io invisibile. L’aggressività nasconde, in sé, il richiamo rivolto all’origine dell’uomo, che deve acquisire una vera certezza di sé e non essere mascherata dalla presunta razionalità universale dell’esistenza data e di se stessa.

PDF: “FRANGERE III- SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO E IL MISANTROPISMO-ARCA”

Ricevo e pubblico

https://avyssos.altervista.org/pdf-frangere-iii-sul-terrorismo-indiscriminato-e-il-misantropismo-arca/

v7h5gldos03ksqrthn

MITOCHONDRION: “TETRAVIRULENZA (PESTILENTIAM INTUS VOCAMUS, VOLUNTATEM ABSOLVIMUS PART III)”

Abbatti Saturno
Non mi consumerai mai
Abbatti Saturno
Tra poco sarò puramente l’undici !!!

Fai prosperare l’uomo, mutalo verso il sublime
Riconciliare i numeri perduti a lungo nella coesione spirituale
La bile più nera, PURIFICA
Splendente, ILLUMINARE
Insanguinato, UNIFICARE
Dio dentro, STRITOLA L’UNICO MELANCOLICO

Terrorizza il grande malvagio
L’ostacolo nero divorante

Abbatti Saturno
Non mi consumerai mai
Saggezza vetriolo
Maledice il crescente sotto la croce

Oscuro portatore che supererò
Quando l’isolamento regna sull’unificato
La paura ha disturbato le conoscenze da trasformare
Scendi i passi verso l’oscurità, e così lo spirito diventa

Ecco, bevi il sangue di pietra
Ecco, sete alla bile di cenere
Ecco, festa sulla carne di ferro
VENITE! Raccoglieremo e accenderemo l’impuro

La perfezione insormontabile è l’unità di tutto ciò che si oppone
Quando l’uno diventa il compito, e quando poi il compito è l’UNO
Scaccia i segni in discrasia, bilancia il quarto eone,
Le esaltazioni si riorganizzano in verità nihil extraneum

Quando tutti si sono immersi
Quando tutti si sono uniti
Quando tutti sono stati eseguiti
Sentirai
Quando tutti sono diventati TUTTI
Quando tutti sono diventati NIENTE
Quando tutti si sono rivolti a guidare
Sentirai!!
Avrai paura !!
Abbatti Saturno
Non mi consumerai mai
Saggezza vetriolo,
Maledice il crescente sotto la croce
Abbatti Saturno
Tu hai e non mi consumerai mai
Abbatti Saturno
E senti la PAROLA DI SATANA

Perché io sono degli undici
E ho fame come te
La mia purezza, scioglierà il tuo idolo che comanda
E sono io che TI consumerò!

Sento il battito delle ali (DELLA VITTORIA)
Sento lo stridere dei senza nome (DAL PROFONDO)
Porterò il tuo carro (DI MORTE)
Perché sputerò la TETRAVIRULENZA

(E festeggia con Satana il centotrentasette !!!)

PDF: “LA NOSTRA È UNA GUERRA SENZA RICORSO”- INTERVISTA A NICEVSCINA

Ricevo e pubblico:

https://avyssos.altervista.org/pdf-la-nostra-e-una-guerra-senza-ricorso-intervista-a-nechayevshchina/

8nq2s5fnd870ofkaka

IL PROSPETTIVISMO DELLA VOLONTÀ DI POTENZA E IL CONFRONTO CON IL CAOS

L’unico mondo di cui si può parlare, in questo modo, è il mondo apparente e prospettivista, inteso come la somma delle azioni, il mondo del gioco di tutti i centri di forza.

Non c’è altro essere o vero essere, se non nella lotta, nell’accordo, nel gioco delle forze. Si può solo parlare di “realtà” dell’azione e della reazione di ciascun centro specifico in relazione alla totalità delle forze. Il mondo prospettico, quindi, non dovrebbe essere visto in opposizione al mondo reale, perché solo esso può essere designato come “mondo”, una volta che il vero mondo è, propriamente, il “nulla”.

Inteso come proprio e immanente al mondo, la creazione ha il marchio costante di prospettivismo e relatività. Nietzsche afferma, in questo modo, che l’uomo può parlare solo del mondo del divenire, partendo dal carattere prospettivista; nient’altro si conosce del flusso eterno delle cose. La “prospettiva” del mondo possiede il carattere di apparenza e relatività: “ogni centro di forza ha la sua prospettiva per tutto il resto”. In questo “necessario prospettivismo” (notwendiger Perspectivismus), “ogni centro di forza – e non solo l’uomo – costruisce da sé il resto del mondo intero”.

Ogni forza intende, in questo senso, espandere il proprio potere, prendendo il controllo di altre forze circostanti. La creazione, in senso lato, presuppone il “caos”, lo scontro, la resistenza delle forze. L’azione appropriata di ogni forza appare nel senso dell’intensificazione del potere, cercando di dare una forma al caos circostante; costituisce, tuttavia, la falsificazione e l’abbreviazione del “mondo”, cioè del mondo del divenire.

In senso positivo, il caos è il mezzo necessario per l’azione delle forze creative-artistiche umane. L’organizzazione e la configurazione del caos hanno il loro modello fondamentale nell’arte, l’arte che è espressione della volontà di potenza. È la volontà di potenza come uno o più impulsi incessanti che rendono la vita una potenza suprema, un punto culminante nell’organizzazione delle forze. Questo impulso inesauribile, tuttavia, genera, nella “grande economia della vita”, una “spiritualizzazione del potere”.

Ciò configura un privilegio o, forse, una preminenza della volontà del potere artistico umano nel caos del mondo, del flusso incessante del divenire. La nozione nietzscheana di caos non possiede solo il senso di essere l”elemento”, il mezzo in cui si esercita l’impulso creativo / distruttivo della volontà di potenza, ma anche il senso di distruzione di ogni ordine e configurazione, come un abisso che minaccia di inghiottire tutti gli “schemi fragili” della volontà di potenza. La cultura, ad esempio, sarebbe solo “una sottile” buccia di mela “su un caos estroso”.

Il caos è un impedimento perché l’uomo si affermi unicamente come volontà di potenza: come il caos, il mondo avrebbe un carattere insuperabile di indeterminatezza e indifferenza per gli impulsi configurativi. Si aprirebbe, con ciò, una fessura nel circolo, nella felicità suprema del circolo, nell’anello dell’eterno ritorno. Ci chiediamo, quindi, se la comprensione negativa del caos non superi quella affermativa o quella estetica.

Il senso negativo che Nietzsche attribuisce al caos è dimostrato nella critica alla nozione del caos da parte dei filosofi presocratici. Il cosmo eracliteo, ridotto a leggi eterne, in cui si manifesta la “legge della giustizia eterna”, come creazione e distruzione nell’innocenza del divenire, non è mai messo in discussione. Per l’autore di Zarathustra, il caos non è il principio originale che, con l’azione del Nous o di un demiurgo, possa generare movimenti armonici che alla fine portano alla perfezione del corso circolare dell’eterno ritorno.

Il mondo non sarebbe, in quest’ottica, nessun grande organismo, dotato di anima o di qualsiasi altro principio organizzativo, ma il caos.

Esplicativa è l’opposizione di Heidegger, per il quale Nietzsche non pensa il “caos” nel suo senso originale (greco), come apertura abissale, fenditura, abisso senza fondo, ma in senso moderno, come un vortice, come qualcosa che discende distruttivamente su se stesso. La stessa concezione del caos di Nietzsche, secondo Heidegger, viene imposta quando viene pensata come “l’occultamento della ricchezza indomabile del divenire”.

In questo limite, il caos non sarebbe visto come assenza di ordine. Nietzsche affermerebbe, d’altra parte, che la legge e l’ordine del caos sono occultati in lui. Questa considerazione di Heidegger è pertinente, in quanto punta al saggio creativo nietzscheano di “umanizzare” il tutto avendo raggiunto la fine della sua posizione negativa di “disumanizzazione” del mondo. La considerazione negativa del caos, quindi, impedisce al mondo intero di essere determinato da qualsiasi prospettiva creativa (sia essa estetica, religiosa o morale). La scienza, la conoscenza, d’altra parte, mostra solo il carattere di non-verità e l’errore del mondo umano.

In questo modo, afferma il filosofo solitario:

“Facciamo attenzione a pensare che il mondo sia una creatura vivente. Dove dovrebbe estendersi? (…) Facciamo anche attenzione a credere che l’universo sia una macchina; senza dubbio, non è costruito secondo uno scopo, e con la parola “macchina” gli garantiamo un onore troppo alto. Facciamo attenzione a presupporre, in generale e ovunque, qualcosa pieno di forme come i movimenti ciclici delle stelle vicine; solo uno sguardo alla Via Lattea ci fa dubitare che non ci siano movimenti molto più grezzi e contraddittori, così come le stelle con traiettorie rettilinee eterne e simili. L’ordine astrale in cui viviamo è un’eccezione; questo ordine, e la durata apparente che ne è condizionata, ha reso nuovamente possibile l’eccezione delle eccezioni: la formazione dell’organico.”

Al contrario, il caos è il carattere totale del mondo per l’eternità; non nel senso di un’assenza di bisogno, ma di un’assenza di ordine, di articolazione, di forma, di bellezza, di saggezza, e qualunque cosa si possano chiamare tutte le nostre considerazioni estetiche umane.

Questo è il progetto di “de-divinizzazione” (Entgöttlichung) della natura e, di conseguenza, di “naturalizzazione” (Vernatürlichung) dell’uomo. Accettarsi come natura significherebbe incorporare il carattere del mondo, vale a dire, la lotta tra le forze, l’impulso, senza senso o obiettivo, per superare la resistenza, per dominare su qualcosa, per interpretarlo.

Al di là del distacco dalla comprensione religiosa di un essere creativo (di un Dio creatore, che dirige il mondo, grazie al quale gli scopi sarebbero attribuiti al mondo), è anche necessario allontanarsi dal panteismo che cerca di garantire tale scopo in tutto il mondo, delle infinite forze creative del mondo:

“Il mondo, sebbene non sia più un Dio, deve essere, tuttavia, capace del potere divino del creatore, della forza infinita della trasformazione; deve essere arbitrariamente proibito ricadere nelle sue forme passate, deve avere non solo l’intenzione, ma anche i mezzi per prendersi cura di tutte le ripetizioni; deve, quindi, controllare tutti i movimenti in ogni momento per evitare obiettivi, stati finali, ripetizioni – e quali che possano essere le conseguenze di un tale modo di pensare e desiderare, imperdonabilmente scriteriato”.

Alla finzione di comprendere il mondo come una forza divina infinitamente creativa, espressa nella frase “deus sive natura”, Nietzsche contrappone la sua visione del mondo (espressione della preponderanza dello spirito scientifico sullo spirito religioso e metafisico) attraverso l’enunciato «caos sive natura». Il mondo non è un organismo, né è lo spazio per l’espressione di disegni divini, ma “caos”, assenza di scopo, ordine e previdenza. La “facoltà della novità eterna” non può essere attribuita alla forza finita e determinata del mondo. L’idea di una creazione continua potrebbe sussistere solo nel mondo delle forze finite, attraverso l’infinito del tempo, più precisamente, attraverso l’eterno ritorno di tutto.

Mentre Nietzsche si sofferma sulla teoria delle forze, finisce per confrontarsi con la conseguenza che ogni azione umana non ha significato nel flusso incessante di attrazioni e repulsioni del divenire. Con il trionfo della concezione scientifico-meccanica del mondo e con la distruzione dei valori morali, l’uomo apre una lacuna di significato e confronto con forze aliene a qualsiasi valutazione umana. La “creazione” è possibile in un mondo di forze, senza significato e senza scopo?

NIENTISMI II

Ciò che Dostoevskij sta affrontando è la visione del mondo positivista, che è la conclusione logica della matematica e delle scienze naturali, così come l’etica positivista o socialista ad essa connessa. Il motto di tale etica è: scientifico, logico, razionale.

I Bazarov che proclamano questo motto difendono sia l’illuminazione intellettuale che le riforme economiche. Per una volta l’intelletto è illuminato e “il senso comune o la scienza completamente rieducano la natura originale dell’uomo e la guidano per mezzo di formule”, cioè, una volta che arriviamo ad agire “secondo la ragione o la scienza”, capiremo dove il nostro vero e normale interesse mente e quali sono i nostri desideri “razionali e vantaggiosi”. Il controllo della ragione rende razionali tutti i desideri, impedendo loro di prendere una direzione cieca e irrazionale che andrebbe contro i normali interessi della persona, supponendo che nessuno agisca deliberatamente contrario ai propri interessi. Allo stesso tempo prende forma una nuova serie di relazioni economiche, la cui idea guida è che per qualsiasi problema si possa trovare una soluzione pronta. Un “palazzo di cristallo” è eretto per l’anima interiore e per la società, senza un unico sistema trasparente dal quale sono state eliminate tutte le tracce dell’irrazionale, dell’anti-scientifico, o del primitivo e dell’incivilizzato.

Come è noto, Dostoevskij si oppose con veemenza a una visione intellettuale-razionale dell’etica e delle teorie sociali del positivismo e del socialismo, e portò avanti uno scontro sempre più profondo con esse durante tutta la sua vita. La sua opposizione scaturiva naturalmente dal fatto che le vedeva condurre alla morte dell’anima, la meccanizzazione dello spirito umano, la trasformazione interna delle persone in un gregge e la privazione della vera libertà. La libertà era per lui il fondamento dell’umanità dell’essere umano. Era la fonte della personalità e dell’individualità, da cui tutta la morale e l’etica disegnavano la loro vita.

Più radicalmente, la libertà apre la strada al problema religioso della fine dell’esistenza umana, al problema dell’immortalità dell’anima, a Dio. La libertà, l’immortalità dell’anima e l’esistenza di Dio sono stati problemi di vita e di morte per l’esistenza umana fin dai tempi antichi, come vediamo, ad esempio, nella filosofia pratica di Kant. Come Schelling aveva prodotto nel suo “Trattato sull’Essenza della libertà umana”, Dostoevskij ha inteso la libertà come libertà per il male come pure per il bene. A meno che non si comprenda il sé in questo tipo di libertà, non si può comprendere il significato religioso di cose come il male, il peccato, la punizione, l’amore e la redenzione.

I problemi della fede nell’immortalità, la fede nell’uomo-Dio, la ribellione contro Dio e il percorso verso l’uomo – Dio può rivelare il fondamento ultimo dell’esistenza umana. Tale era la costante convinzione di Dostoevskij.

Inoltre, proprio come la libertà conduce al mondo religioso, così la religione determina la libertà e la sua moralità. La fede nell’immortalità o in Dio non regge, questo necessariamente si traduce in una moralità demoniaca (o una moralità del “posseduto”) in cui “si è perdonati, qualunque cosa si possa fare”. Se nell’anima non c’è una base immortale quindi l’anima deve essere interamente soggetta alle leggi della natura. E se è così, per evitare l’auto-inganno non c’è altra scelta che suicidarsi. (Dostoevskij elabora la logica di questa conclusione in un saggio intitolato “Suicidio e immortalità”.)

Che sia possibile credere nell’immortalità o che Dio determini se la libertà umana si orienta verso Dio o verso il Diavolo, indipendentemente dal fatto che una vita possa essere vissuta senza autoinganno, anzi se la vita vale la pena di essere vissuta o desiderata, sono problemi religiosi, filosofici ed etici che nascono dalle profondità interiori dell’anima o della natura spirituale. Collocare una contrapposizione, può essere rivelata, solo attraverso questi tipi di problemi, come le profondità interiori dell’anima o dello spirito, la portata ultima dell’esistenza umana. Il positivismo e il socialismo bloccano la possibilità che sorgano tali questioni; c’è qualcosa in loro che nasconde le profondità interiori dell’anima. Esprimono deliberatamente l’esistenza del regno interiore, trascurando così il luogo in cui la vera libertà (come, ad esempio, nella “pura durata” di Bergson) avviene e si occupa solo degli strati superficiali della psiche che possono essere considerate meccanicamente, e ridotte a leggi della difformità “due volte due è quattro”. Negano l’immortalità dell’anima e l’esistenza di Dio interamente, per prendere posizione con l’ateismo.

Dostoevskij detestava questo modo di pensare proprio perché porta alla dimenticanza e alla perdita del vero significato dell’esistenza umana, perché rende immemore l’abisso dell’anima in virtù del quale l’anima può veramente essere anima e gli esseri umani non possono essere una mandria di animali. A questo proposito, tutte le teorie socialiste arrivano alla stessa circostanza, nella misura in cui sono basate sul razionalismo scientifico.

Dostoevskij non visse per sperimentare l’ascesa del marxismo in Russia. Quello che conosceva era il socialismo di Fourier, il positivismo di Comte e di altri, e i movimenti sociali e il nichilismo in Russia che erano influenzati da essi. La prima parte di “Memorie dal Sottosuolo”, la sezione filosofica del libro, si afferma che sia un lavoro contro il romanzo di Chernyshevsky, pubblicato in quel periodo, “Che fare?”. Il “palazzo di cristallo” a cui si è alluso in precedenza è destinato a essere una caricatura della falange, la comune cooperativa sostenuta dal Fourier-ismo su cui si basa il romanzo di Chernyshevsky.

Il movimento socialista russo, naturalmente, oltrepassò Fourier e, dopo la morte di Dostoevskij, progredì fino al marxismo. Tra le varie teorie socialiste, incluse quelle di Fourier e Marx, ci sono differenze di sostanza e qualità, compresa una progressione dal “fantasioso” al “scientifico”. Ma quello a cui Dostoevskij si oppose era la tendenza comune nelle loro basi assolute , dell’insieme di principi che regolano l’approccio alla comprensione dell’essere umano. Questa è la ragione per l’intensità, la persistenza e la serietà della sua opposizione. È stato il suo genio a risolvere immediatamente il problema principale e portarlo avanti fino alle conclusioni finali.

Dopo Dostoevskij, Nietzsche condusse un’ulteriore e più severa critica della democrazia moderna e del socialismo, quali tendenti a trasformare le persone in un docile gregge di “uomini medi”. Individuò in particolare in Rousseau la fonte di tali idee. Anche Dostoevskij mette in ridicolo Rousseau nelle sue “Memorie del Sottosuolo”, per aver esaltato l’uomo della natura e della verità, sottolineando che poiché “l’uomo della natura e della verità” è generalmente stupido in ogni caso, si sente giustificato a vendicarsi contro di esso. Egli trova anche la costante auto-diffamazione di Rousseau nelle Confessioni, una menzogna deliberata sparsa al servizio della propria vanità. In altre parole, l’uomo della natura e della verità diventa un uomo innaturale di menzogne quando è una problema per se stesso.

L’uomo del sottosuolo dice che, a differenza di Rousseau, sta scrivendo i suoi appunti “perché voglio provare a esperimentare, se si può essere perfettamente sinceri, anche con se stessi, e non spaventare l’intera verità” (XI). Va oltre “l’uomo normale che è uscito dal grembo della natura”; questa è la differenza tra la “verità” cercata da Rousseau e da Dostoevskij, tra chi vede la “natura” e la salute come normali, e l’uomo fatto da una replica che considera normale affermare che “tutta la coscienza è una malattia”.

Qui sta lo scisma tra i punti di vista di Rousseau come la fonte del socialismo e Dostoevskij che si oppose a lui come un topo in un seminterrato sotterraneo. Nelle parole dell’uomo del sottosuolo: “Potrebbe esserci anche nel topo un maggiore accumulo di dispetti e desideri cattivi che nell’homme de la nature et de la verite.” Per Rousseau è l’abisso dell’anima in cui Dio e il diavolo combattevano. In “Memorie del Sottosuolo”, tuttavia, questo tipo di sostrato teologico – o forse dovremmo dire teosofico e apocalittico – non è ancora apparso. La visione etica del socialismo e la sua critica sono presentate semplicemente nei termini dei principi in questione, sebbene con straordinaria accuratezza.

Come accennato in precedenza, quando la coscienza si scontra con il mondo governato dalle leggi matematiche della natura, il mondo come “razionale”, viene spinto nella “contemplazione” e gradualmente diventa inerte. Questa inerzia significa che il controllo delle leggi della natura è in realtà il prodotto della coscienza e influisce così profondamente sul proprio funzionamento. L’unica resistenza contro di essa è la disperazione e il piacere nella disperazione. In quest’ultima, si percepiscono intimamente, o si mettono in pratica, “desideri brutti e di base” di cui l’individuo normale non è consapevole. Nell’abbandono di questi desideri, l’individuo viene tormentato da una coscienza colpevole, che a sua volta genera piacere nell’umiliazione.

La ragione per cui Dostoevskij enfatizza la disperazione e l’umiliazione, e il piacere in essi, è che costituiscono l’ultima dichiarazione di un assoluto rifiuto di accettare o di compromettere il controllo del sé con “due volte due è quattro”.

Un individuo normale che non possiede l’iper-coscienza di pensare in un inerzia contemplativa ed entrare nel mondo sotterraneo, si inchina prontamente davanti al “muro” del mondo razionale, e con un sospiro di sollievo torna al lavoro. Di conseguenza, arriva a pensare che il suo sano senso della giustizia e degli interessi razionali non possa che reggersi su un mondo così razionale.

La visione scientifica insieme a quella razionale del mondo, conduce all’etica e alle relazioni sociali scientifico-razionali. In questo modo viene eretto il “palazzo di cristallo”, in cui si scoprono le leggi del libero arbitrio, e tutti i desideri e il comportamento sono regolati con precisione e fino all’ultimo dettaglio, accuratamente catalogati e sommati al calcolo immutabile di una tavola logaritmica. L’individuo che è stato guidato dalla scienza e dalla ragione diventa “come se non avesse mai avuto il libero arbitrio o il capriccio”, ancorché di “la tastiera su un piano”. In virtù delle leggi della natura si diventa spontaneamente buoni e puri in un modo spaventosamente facile, pienamente informati, dove i propri interessi sono normali. Con ciò si realizza l’ideale dei “filantropi”.

Questa è, certamente, una caricatura ironica, o distorsione della realtà.

Ma la caricatura è per molti versi più vera della realtà, la distorsione più vera alla vita rispetto allo stato attuale delle cose. La tacita presunzione dietro tutte le teorie socialiste è la negazione della libertà che trasforma le persone in chiavi del pianoforte che vengono colpite dalle dita delle leggi necessarie.

Per Dostoevskij, essere privati della libertà è morire e resiste senza riserve. Nel palazzo di cristallo si sente come “sporgere la lingua [o] sfiorando il naso di nascosto”, così tanto come voler vivere come si vuole. Anche nel caso di ciò che va contro i normali interessi e contraddice i dettami del buon ragionamento, nel caso di “sciocchezze estremamente antieconomiche e sciocchezze”, o dell’opposizione ai nuovi schemi delle relazioni economiche o dell’illuminazione intellettuale, la cosa importante quando tutto è detto e fatto è essere in grado di desiderare queste cose. “Bisogna farlo in modo deciso, non importa cosa,” dice l’uomo del sottosuolo. Anche volendo deliberatamente il più grande svantaggio, la mia volontà è più vantaggiosa di tutti gli interessi razionali combinati, ed è questo il miglior interesse che i sostenitori del benessere dell’umanità hanno lasciato fuori dai loro calcoli.

Voi gentiluomini potreste dirmi che sono un siffatto uomo illuminato e avanzato, in breve, come sarà il futuro uomo, non potrà desiderare consapevolmente qualcosa di svantaggioso per se stesso, dato che questo può essere dimostrato matematicamente. . . . Ma c’è un caso, uno solo, quando l’uomo può intenzionalmente, consapevolmente, desiderare ciò che è ingiurioso per se stesso, ciò che è stupido, molto stupido – semplicemente per avere il diritto di desiderare per se stesso anche ciò che è molto stupido e non essere vincolato dall’obbligo di desiderare solo ciò che è razionale. . . . Avrebbe deliberatamente desiderato la sporcizia più fatale, l’assurdità più antieconomica, semplicemente per introdurre in tutta questa razionalità positiva il suo fatale elemento fantastico.

Sono i suoi sogni fantastici, la follia volgare, che vorrebbe mantenere, semplicemente per dimostrare a se stesso che gli uomini sono ancora uomini e non chiavi del pianoforte. . . (VIII)

IO PURO, INTENZIONALITÀ, EPOCHÉ

Ammessa l’influenza husserliana che abbiamo rintracciato in pensatori diversi, a fare difficoltà nella prima citazione è quel nucleo dell’unità io, autocosciente e interna, che è l’io puro. Qui, infatti, sopravviene quella nozione dell’Ego trascendentale che costituisce il cardine della fenomenologia husserliana e che è stata messa da parte, perché sospettata di idealismo, perfino da alcuni dei suoi stessi discepoli come Martin Heidegger, Edith Stein, Max Scheler. Ritengo, invece, che il contributo che potrebbe venire alla filosofia del secolo ventunesimo dalla ripresa di questa teoria, segnerebbe la vera differenza rispetto al ventesimo secolo. Come giustificare questa possibilità, in tempi di «filosofia della mente» e di riduzionismo ai dati della neurobiologia?

È possibile proporre l’adozione da parte della filosofia della mente dell’intenzionalismo proprio del metodo fenomenologico. Secondo il quale il riferimento a qualsiasi oggetto di conoscenza o di azione è interamente determinato dalla struttura di un atto intenzionalmente rivolto a quell’oggetto, e tale struttura è la più varia, dando così luogo a tipi differenti di intenzioni e, conseguentemente, di oggetti intesi (2003).

La dottrina dell’intenzionalità si accompagna alla distinzione prioritaria tra atti rivolti a stati o cose qualitative e atti rivolti a cose fisiche quantitativamente considerate, e quindi tra immagini fenomeniche e immagini scientifiche: la fenomenologia non privilegia le une sulle altre ma fa risalire il senso della realtà al tipo di intenzione e alla concatenazione delle motivazioni che ne discende.

Quindi l’argomento dell’io, nella chiave fenomenologica, esige una duplice considerazione: come io psicofisico o empirico e come io trascendentale. Nel primo caso è intenzionato in senso oggettivo e perciò sottoposto alle teorie scientifiche come essere vivente nel mondo, nel secondo caso è intenzionato in senso soggettivo.

Ma con quale strumento si può operare la distinzione tra le diverse intenzionalità? In che modo la coscienza, che ha uno status così indefinito da svanire e ridursi, in sede psicologica, a semplice capacità riflessiva, può invece acquistare spessore di fenomeno e collocarsi come tale nelle esperienze della vita? E che cosa fa dell’individuo un qualcuno diverso da tutti gli altri: la sua corporeità, il suo aspetto esterno, oppure qualità interne più sfuggenti, o almeno non sempre afferrabili a prima vista?

Per rispondere a questi quesiti si dovrà fare un altro passo verso l’accoglimento della dottrina fenomenologica, e precisamente introdurre nella filosofia della mente la nozione di «purezza»: è pura la conoscenza teorica non ancora portata all’evidenza da una esperienza intuitiva o erlebnis. Ma per raggiungerla occorre prima sospendere non solo la visione scientifica ma la stessa visione naturale della realtà delle cose, e porci nella condizione della visione originalmente offerente, quella che è propria dell’Io puro, nucleo dell’io conoscente o intuente.

Ogni visione originalmente offerente è una sorgente legittima di conoscenza, che tutto ciò che si dà originalmente nell’intuizione (per così dire, in carne e ossa), è da assumere come esso si dà, ma anche soltanto nei limiti in cui esso si dà. (1981, v. I, cap. II, § 24)

Questa sospensione consiste nella riduzione, cui Husserl si è riferito usando anche il termine greco di epoché, e che è un principio irrinunciabile della fenomenologia (anch’esso però trascurato nelle filosofie che ne sono derivate): il principio dice che il filosofo conquista la conoscenza soltanto se astrae dall’intera conoscenza empirica e scientifica del mondo, mettendo fuori gioco le sue certezze legate alla credenza nell’esistenza delle cose, credenza che come tutti egli ha nell’atteggiamento naturale.

Dall’epoché sorge allora un altro atteggiamento: quello trascendentale attraverso il quale l’io puro intuisce l’essenza delle cose, ossia comprende che il loro senso viene costituito negli atti soggettivi e intersoggettivi. Rimane neutralizzato l’io empirico con la sua vita naturale, quindi anche l’autoconoscenza del soggetto, ed emerge l’io puro come esperienza in prima persona dei modi di trascendenza diversi di cui è costituita la realtà. Tra questi modi di trascendenza vi è il soggetto empirico con tutti suoi vissuti, e per ogni vissuto una regione diversa dove si manifestano le potenzialità infinite di cui dobbiamo capire il senso, in modo essenziale anche se sempre insufficiente, poiché è da riprendere ogni volta da capo.

Page 1 of 3
1 2 3