IL PENSIERO NIETZSCHEANO IMPOLITICO

impolitico

Bataille interprete di Nietzsche: la questione politica

La prima fondamentale operazione interpretativa che Georges Bataille compie consiste nell’evidenziazione delle differenze tra la filosofia di Nietzsche e l’ideologia fascista. Siamo negli anni ’30 e questa esigenza, avvertita da Bataille, si configura, alla luce degli eventi caratterizzanti quegli anni, come un’urgenza storico-politica. Jean-Michel Rey in proposito afferma:
«i tre momenti essenziali in cui Bataille si confronta in modo assolutamente esplicito con il pensiero di Nietzsche, sono in effetti momenti storici particolarmente decisivi, momenti in cui è in gioco la sorte del mondo, epoche in cui la “politica” occupa violentemente il proscenio: l’emergenza del fascismo in Germania, la guerra, il comunismo» .


L’interpretazione di Nietzsche è intessuta profondamente in questi eventi storici ed è al contempo guidata da una esigenza interiore che mai prescinde dalla storia ma che anzi in essa, attraverso il pensiero nietzscheano, si mette in gioco:
«La ri-lettura di Nietzsche – la sua ri-scoperta in questo momento particolarissimo della storia – diviene l’inizio di una interrogazione che ha luogo progressivamente, vale a dire di un lavoro che è come all’incrocio di preoccupazioni interiori di Bataille e di esigenze del momento chiaramente provenienti dalla più immediata attualità».
Questa prima fondamentale operazione ermeneutica, compiuta all’interno della rivista Acéphale, fondata nel 1936 dallo stesso Bataille e da Pierre Klossowski, prende avvio dalla messa in luce del tradimento falsificante, di segno antisemita, del pensiero nietzscheano, compiuto dalla sorella di Nietzsche, «Elisabeth Giuda-Foerster», dal marito di costei, Bernard Foerster e dal «secondo Giuda del Nietzsche-Archiv», ovvero il signor Richard Oehler, cugino del filosofo. Riferendosi ad Elisabeth Foerster, Bataille scrive:

«Il 2 Novembre 1933, davanti ad Adolf Hitler da lei ricevuto a Weimar presso il Nietzsche-Archiv, Elisabeth Foerster testimoniava dell’antisemitismo di Nietzsche, dando lettura di un testo di Bernard Foerster» .

Bataille prosegue scrivendo in merito alla famigerata fotografia che ritrae Adolf Hitler accanto al busto del filosofo e che il cugino di Nietzsche, Richard Oehler, ha fatto riprodurre sul frontespizio del suo libro Nietzsche und die deutsche Zukunft[6] in cui Oehler ha tentato di mostrare l’accordo tra la filosofia di Nietzsche e il Mein Kampf. Ma tale tentativo è smantellato facilmente dall’intellettuale francese in quanto: «Qui non si tratta solamente di una «sfrontata fumisteria», ma di un falso fabbricato grossolanamente e consapevolmente» dell’aforisma 251 di Al di là del bene e del male in cui non è l’opinione del filosofo, quella citata da Oehler nel testo in questione, ma quella degli antisemiti, in quel passo attaccati da Nietzsche.
I parenti di Nietzsche, quindi, si sono abbassati, secondo Bataille, ad asservire colui che voleva distruggere ogni asservimento morale. La filosofia di Nietzsche, continua Bataille, è rivolta a spiriti liberi, volenterosi di non essere né asserviti né utilizzabili. «Che sia l’antisemitismo, il fascismo, che sia il socialismo, non vi è che utilizzazione» . Ovvero, ciò a cui la filosofia di Nietzsche è irriducibile. La strada che imbocca Bataille nella sua interpretazione del pensiero nietzscheano sembra immediatamente quella dell’impolitico:

«Il movimento stesso del pensiero di Nietzsche implica una disfatta dei diversi fondamenti possibili della politica attuale. Le destre fondano la loro azione sull’attaccamento affettivo al passato. Le sinistre su principi razionali. Ora, attaccamento al passato e principi razionali (giustizia, eguaglianza sociale) sono egualmente respinti da Nietzsche. Dovrebbe dunque essere impossibile utilizzare il suo insegnamento in un senso qualsiasi»

Ponendo la lettura politica di Nietzsche in analogia con quella che venne compiuta di Hegel, Bataille afferma che così come si formarono una destra e una sinistra hegeliane, in un certo senso, si sono formate una destra e una sinistra nietzscheane, con la fondamentale differenza consistente nel fatto che Hegel si pose esplicitamente sul piano politico, mentre la prospettiva filosofica di Nietzsche è rivolta altrove. Questo altrove non è stato, secondo Bataille, compreso ma tradito, cioè trattato secondo valori di utilità che lo scrittore francese giudica servili. Valori d’utilità che si contrappongono esplicitamente, secondo la lettura batailleana, al capovolgimento trasgressivo dei valori operato da Nietzsche e che risulta pressoché inosservato in quanto rimasto generalmente frainteso. A proposito del fondamento filosofico del fascismo l’autore francese scrive:
«Nella misura in cui il fascismo dipende da una fonte filosofica, non è a Nietzsche, ma a Hegel che si ricollega» .
E nel rimando specifica:

«É noto che l’hegelismo, rappresentato da Gentile, è praticamente la filosofia ufficiale dell’Italia fascista» .

Bataille individua quindi nel lessico hegeliano e non in quello nietzscheano, il fondamento delle dottrine fasciste. Certo, la volontà di potenza sembra prestarsi agli scopi del regime, ma solo in apparenza e soprattutto solo nella misura in cui venga erroneamente considerata come concetto base che serva da struttura ad un presunto sistema filosofico di Nietzsche; sistema filosofico in cui l’eterno ritorno viene considerato esterno e marginale  se non addirittura «residuo letterario». Questo è, per Bataille, inaccettabile da un punto di vista interpretativo; il pensiero di Nietzsche è un «dedalo» irriducibile a sistema e in tale labirinto è precisamente l’eterno ritorno a fornire la chiave di lettura per quella lacerazione tragica dell’esistenza avvertita da Nietzsche stesso. Bataille si inserisce quindi in quel dibattito, squisitamente teoretico, caratteristico degli anni trenta, che aveva visto accendersi la questione in merito al rapporto travolontà di potenza ed eterno ritorno. Dibattito animato dal fatto che:

«Se si sceglie la volontà di potenza come dottrina fondamentale, il suo spirito contrasta con la circostanza che tutto debba eternamente ritornare. Se, al contrario, si vede nell’eterno ritorno dell’eguale, il compimento del pensiero nietzscheano, la volontà di potenza eccede irrimediabilmente l’amor fati sotteso a questo ritornare».

La lettura batailleana non ha assunto l’importanza delle interpretazioni fornite da Löwith, Baeumler, Jaspers e Heidegger ma dal punto di vista storico-filosofico non se ne può negare il valore. In merito a tale valore Roberto Esposito scrive:
«Nietzsche e i fascisti può essere a ben ragione considerato come un punto di svolta nella storia delle interpretazioni nietzscheane. E ciò non solo per la sua radicalità ma anche per la ricchezza analitica con cui il “tradimento” di Nietzsche viene ricostruito nelle sue valenze ideologiche lungo una linea discendente che dal registro professorale di Baeumler scivola, sempre più in basso, alle scoperte mistificazioni di Rosemberg fino ai deliri superomistici di Mussolini».
Contro Baeumler, Bataille gioca le posizioni di Karl Löwith (il cui testo, Nietzsche Philosophie der ewigen Wiederkunft des Gleichen, Stuttgart 1935, è citato da Pierre Klossowski in Acéphale n° 2)e di Karl Jaspers. «Comune ad esse è il presupposto di una sistematicità che non reggerebbe tuttavia alla prova degli esiti». E infatti tale presupposto è di rilievo, nell’itinerario ermeneutico batailleano, nella misura in cui gli permette di porre l’accento sul valore che, nella filosofia di Nietzsche, le opposizioni insanabili (la cui principale è quella tra volontà di potenza ed eterno ritorno) assumono nel rompere ogni pretesa di sistematicità. Tale lacerazione, evidenziata violentemente da Bataille, data dalla «ininterrotta autodecostruzione» a cui il pensiero di Nietzsche, medianti tali opposizioni, si sottopone, è rigettata dalle dottrine fasciste e nazionalsocialiste in quanto avvertita come pericolo, come instabilità ad esse stesse contraria.
Ma se nel fascismo vi era ancora una consapevolezza della distanza tra la loro dottrina e la filosofia di Nietzsche, riguardo al nazionalsocialismo Bataille parla di una vera e propria castrazione ermeneutica consistente nel fatto che l’eterno ritorno è apertamente tralasciato al fine di poter interpretare il filosofo secondo una logica sistematica in cui la volontà di potenza costituirebbe il nodo centrale. A proposito del fascismo Bataille scrive:

«Il fascismo ufficiale ha potuto utilizzare, scrivendole sui muri, qualche massima nietzscheana tonificante: considerava tuttavia che le proprie semplificazioni brutali dovessero essere tenute lontane dal mondo nietzscheano, troppo libero, troppo complesso, troppo lacerante».

Quindi del fascismo italiano – più “innocuo” in quanto cosciente della propria distanza dalla totalità del pensiero di Nietzsche – Bataille si limita a criticare la strumentalizzazione idealistica e patriottica della volontà di potenza chiarendo che idealismo e patriottismo sono completamente estranei a Nietzsche. Mentre del nazionalsocialismo smaschera l’aperto tradimento compiuto da Baeumler nell’aver intenzionalmente escluso dalla propria interpretazione sistematica l’eterno ritorno. Non a caso è la drammaticità di tale nozione a costituire il nodo centrale della critica batailleana dell’utilizzo politico del filosofo tedesco:

«Di tutte le rappresentazioni drammatiche che hanno conferito alla vita di Nietzsche il carattere di una lacerazione e di una battaglia affannosa dell’esistenza umana, l’idea di eterno ritorno è certamente la più inaccessibile. Ma dall’incapacità di accedere alla decisione di non prendere sul serio, il passo fatto è quello del traditore. Mussolini riconosceva una volta che la dottrina di Nietzsche non poteva essere ridotta all’idea di volontà di potenza. A suo modo Baeumler, costretto al tradimento e nel compiere quel passo, lo riconosce con una chiarezza incomparabile: castrando alla luce del sole».

L’utilizzo di Nietzsche, dal punto di vista politico, necessita quindi che la sua esperienza (che, come vedremo in seguito, Bataille incorpora come esperienza interiore), l’eterno ritorno e il suo pathos vengano sostituiti dalla sistematicità voluta da Baeumler. L’operazione di Baeumler è ben lontana dal non essere stata, nel corso delle interpretazioni nietzscheane, smascherata:

«Il taglio brutale che Baeumler opera nel corpo stesso del pensiero di Nietzsche va di pari passo con la sua strumentalizzazione politica. Ciò che presuppone, ovviamente, un’interpretazione politica della volontà di potenza» .

Difficile utilizzare politicamente un pensiero che si pone esplicitamente contro il regno dei fini. E’ proprio a un presente che guarda al passato per progettare e definire politicamente e teologicamente il futuro che il martello di Nietzsche si rivolge ed è proprio questo, della filosofia di Nietzsche, che, secondo Bataille, apre al presente e al futuro nel senso della chance e non del progetto. Il futuro aperto, possibile, sconosciuto è il futuro esplicitato, secondo Bataille, dall’aforisma Noi senza patria de La gaia scienza e dal capitolo Del paese dell’istruzione nella seconda parte dello Zarathustra, testi nei quali è evidente, afferma lo scrittore francese, una concezione festosa della «meravigliosa incognita del futuro» e uno sguardo sul «mondo coperto di passato, coperto di patrie come un uomo è coperto di piaghe». Il senza patria,figlio dell’avvenire, l’inattuale, è avverso a tutti gli ideali, a tutte le patrie ed è, quindi, avversario di qualsiasi nazionalismo e di qualsiasi asservimento al passato; è colui che afferma: «Nei miei figli voglio riparare di essere il figlio dei miei padri: e nel futuro – questo presente!» .
La contraddizione lacerante in cui si muove Nietzsche, spiega Bataille, è quella di chi vuole contrastare l’asservimento al passato e ai grandi ideali senza necessariamente schierarsi dalla parte di una fede cieca, sia essa rivolta alla ragione o ai valori di utilità e progresso. La critica del finalismo investe, in Nietzsche, sia la morale passatista che quella progressista ed è precisamente questa sfida titanica a configurare il suo pensiero come essenzialmente tragico. In questo senso, è il futuro nella prospettiva della chance, del rischio e non del progetto utile e razionale, a definire quindi la sua posizione filosofica:
«Verso questo dedalo che solo racchiude le possibilità numerose della vita, non verso le miserie dell’immediato, si dirige il pensiero contraddittorio di Nietzsche, seguendo l’impulso di una ombrosa libertà»
Ancora:

«Che i valori rovesciati non possano essere ridotti al valore di utilità, è un principio d’importanza vitale così bruciante da suscitare con esso tutto ciò che la vita comporta di volontà tempestosa da vincere. Al di fuori di questa precisa risoluzione, questo insegnamento dà luogo soltanto alle incoerenze o ai tradimenti di coloro che pretendono di tenerne conto. L’asservimento tende a inglobare”

l’intera esistenza umana ed è il destino di questa esistenza libera che è in causa» .
Questa esistenza è libera, secondo lo scrittore francese, non nella misura in cui è progetto utile, politico, non nella misura in cui è mezzo per un fine ma nella misura in cui è labirinto, intersecarsi di infinite possibilità in cui la linearità logica è spezzata in vista di una vertigine sovrana. Quando Bataille guarda al pensiero del filosofo dell’eterno ritornocome ad un dedalo, ovvero come ad una totalità a-sistematica, dalla quale, a livello interpretativo, non si può prescindere, fa esplicitamente riferimento alla lettura che, della filosofia nietzscheana, offre Jaspers. Sempre nel secondo numero di Acéphale, Bataille di Jaspers scrive:
«uno di coloro che ridanno vita oggi alla grande filosofia tedesca. In quanto filosofo della tragedia, è stato possibile a Jaspers penetrare la filosofia di Nietzsche, seguirne il movimento contraddittorio senza mai ridurlo a concezioni preordinate».

Prosegue Bataille:
«In definitiva, l’esposizione di Jaspers rompe il quadro prestabilito in cui si cercava di far entrare, mutilandola, la «politica» nietzscheana».

L’intellettuale francese sottolinea quindi l’aspetto non dottrinale dell’insegnamento di Nietzsche; aspetto fondamentale in quanto il contrario, il contraddittorio e il non razionale sono da Nietzsche stesso messi in gioco al fine di tentare l’abbraccio e la valorizzazione di tutto l’essere e dell’intera condizione umana . Di conseguenza, un’interpretazione mirante alla sistematizzazione di tale pensiero non farebbe altro che distruggerlo, abolendo quegli elementi contraddittori, ambiziosi della totalità che tale pensiero tempestoso fondano.
Proseguendo quindi sulla strada indicata da Jaspers, Bataille contesta anche la tesi di Lukács (secondo il quale non si potrebbe prescindere dal fatto che storicamente Nietzsche sia il precursore dell’ideologia fascista), affermandone l’erroneità ermeneutica dal punto di vista della totalità dalla quale il nietzscheanesimo emerge come sola «esistenza». A questo proposito afferma:

«Fascismo e nietzscheanesimo si escludono […] non appena siano considerati entrambi nella loro totalità […] da un lato il fascino della cultura umana è spezzato per lasciare posto alla forza volgare, dall’altra la forza e la violenza sono votati tragicamente a questo fascino».

Jaspers, quindi, permette a Bataille la critica dell’utilizzo politico della filosofia nietzscheana precisamente nella misura in cui essa non può venire spezzettata o ridotta a sistema. Ad essere messa in risalto è la componente impolitica di tale filosofia. A questo proposito è utile il riferimento alla critica svolta da Roberto Esposito:

«Il solo interprete – cui Bataille rimanda con una lunga citazione – ad aver sottolineato il carattere radicalmente impolitico di Nietzsche è stato Karl Jaspers, per il quale Nietzsche si distingue dagli altri pensatori politici per l’assenza di quella definizione limitante del politico che li caratterizza tutti. Che caratterizza ad esempio, continua Jaspers, la ‘potenza’ machiavelliana e la ‘sistematica’ hegeliana. Ebbene Nietzsche è fuori tanto dall’una quanto dall’altra nella misura in cui si impegna in una prospettiva che abbraccia la condizione stessa dell’uomo, pur senza adoperare un criterio di onnicomprensività» .

Tale condizione dell’uomo è, nella lettura batailleana, sovrana e, in quanto tale, non asservibile a nessun ordine, a nessun sistema e a nessuna politica. L’interpretazione batailleana del pensiero di Nietzsche, così come gran parte del pensiero di Bataille stesso, si snoda proprio attorno alla nozione di sovranità intesa come irriducibilità all’utile. La stessa critica che Bataille fece della particolare strumentalizzazione fascista del pensiero nietzscheano è dunque inscritta in una più ampia contestazione di ogni teologia politica e di ogni teleologia politica.

(Visited 31 times, 1 visits today)