IO SONO UN DESTINO III

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

Zarathustra, il primo psicologo dei buoni, è – di conseguenza – un amico dei malvagi. Se una specie di uomini della décadence si è innalzata al rango di specie suprema, ciò è potuto avvenire solo a spese della specie a loro opposta, la specie degli uomini forti e sicuri della vita. Se l’animale d’armento brilla nello splendore delle più pure virtù, l’uomo eccezionale deve per forza essere degradato a malvagio.

Continue reading

IL ROVESCIAMENTO DEI VALORI

KONTRA KUNT

Nella sua sottile e scaltrita analisi “genealogica” del cristianesimo, Nietzsche ne rileva in primo luogo la stretta connessione con l’ebraismo, visto come l’espressione “ideologica” del “popolo più fatale della storia del mondo”, in quanto deliberatamente orientato a “falsificare” la natura, la realtà, la storia, per affermare in antitesi una religione e una morale “contro-naturali”, ma in tal modo conseguenti ad un disegno di potenza e di autoconservazione di questo popolo.

Continue reading

TRASVALUTAZIONE

TRANVALUATION

Nella concezione di Nietzsche, il cristianesimo, come fonte nichilistica di corruzione e di infiacchimento dei valori aristocratici della forza e della fierezza, della bellezza e dell’ardimento, permea, come già detto, l’intera modernità.

Continue reading

WANDERING OF UNTIMELY ONES

TWILIGHT

1.
My impossible. – Seneca, or the toreador of virtue. – Rousseau, or the return to nature in impuris naturalibus [impurities in the physical world]. Schiller: or the moral trumpeter of Säckingen. – Dante, or the hyena, which poetry in graves. – Kant: or cant as an intelligible character. – Victor Hugo, or Pharos, the sea of nonsense. – Liszt: or the School of Velocity – for women. – George Sand: or lactea ubertas [milky fertility], in German: the dairy cow with “nice” style. – Michelet: or the excitement that takes off the skirt… Carlyle: or pessimism as the poorly digested lunch. – John Stuart Mill: or insulting clarity. – Les Frères de Goncourt: Ajax or the two in the fight with Homer. Music by Offenbach. – Zola: or “the joy of stink.” –

Continue reading

IO SONO UN DESTINO V

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono stato capito? – Non ho detto una sola parola che non avessi già detto cinque anni fa per bocca di Zarathustra. – La scoperta della morale cristiana è un avvenimento che non ha uguali, una vera catastrofe. Chi può far luce su di essa, quegli è una force majeure, un destino – spacca in due la storia dell’umanità.

Continue reading

THE “IMPROVERS (VERBESSERER)” OF MANKIND.

TWILIGHT

 

 

 

 

 

1.

One knows my demand to the philosopher, to stand beyond good and evil (jenseits von Gut und Böse), – the illusion of a moral proposition to have among themselves. This demand follows from an insight that has been formulated by me for the first time: that there are no moral facts. The sentence has the moral with the religious public that it believes in realities, which are not. Morality is only an interpretation of certain phenomena, certain spoken, a misreading.

Continue reading

MORALITY AS ANTI-NATURE

TWILIGHT

 

 

 

 

 

 

1.

All passions have a time when they are merely disastrous, when they pull down with the severity of the stupidity of their victims – and a later, much later, where they marry with the mind to “spiritualize”. Formerly it was because of the stupidity in the passion, the passion of the war itself: they conspired for their destruction – all the old moral monsters are unanimous about it, “il faut les tuer passions.” [one must kill the passions].

Continue reading

IO SONO UN DESTINO IV

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

7

Sono stato capito? – Ciò che mi distacca, ciò che mi mette a parte da tutto il resto dell’umanità è il fatto di avere scoperto la morale cristiana. Per questa ragione mi occorreva una parola che avesse un senso di sfida verso tutti.

Continue reading

Page 1 of 2
1 2