IO SONO UN DESTINO III

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

Zarathustra, il primo psicologo dei buoni, è – di conseguenza – un amico dei malvagi. Se una specie di uomini della décadence si è innalzata al rango di specie suprema, ciò è potuto avvenire solo a spese della specie a loro opposta, la specie degli uomini forti e sicuri della vita. Se l’animale d’armento brilla nello splendore delle più pure virtù, l’uomo eccezionale deve per forza essere degradato a malvagio.

Continue reading

“SÓLO LO TOTALMENTE DURO ES LO MÁS NOBLE DE TODO”

NOBLE

 «¡Por qué tan duro! — dijo en otro tiempo el carbón de cocina al diamante; ¿no somos parientes cercanos?» —

¿Por qué tan blandos? Oh hermanos míos, así os pregunto yo a vosotros: ¿no sois vosotros — mis hermanos?

¿Por qué tan blandos, tan poco resistentes y tan dispuestos a ceder? ¿Por qué hay tanta negación, tanta renegación en vuestro corazón? ¿Y tan poco destino en vuestra mirada?

Y si no queréis ser destinos ni inexorables: ¿cómo podríais — vencer conmigo?

Y si vuestra dureza no quiere levantar chispas y cortar y sajar: ¿cómo podríais algún día — crear conmigo?

Los creadores son duros, en efecto. Y bienaventuranza tiene que pareceros el imprimir vuestra mano sobre milenios como si fuesen cera, —

Continue reading

I SIGNORI DELLA TERRA

VERSO

Ora, la differenza principale tra il popolo eletto e il resto dell‟umanità è la libertà, e cioè il fatto che gli eletti sono i soli nelle condizioni di scegliere perché solo la loro volontà è effettivamente libera. Il volere della plebe non è un libero volere, perché essa non conosce i motivi e le origini delle sue valutazioni, e in questo modo è prigioniera dei vecchi valori e quindi incapace di scegliere veramente una cosa piuttosto di un‟altra.
Quando Nietzsche scrive „liberi‟ o „non liberi‟ vuol dire che la libertà del volere c‟è, ma non per tutti, che è una conquista dello spirito, e quindi il risultato di una lotta che non tutti pos-sono combattere e neanche vincere. I più, i deboli e i pove-ri di spirito non hanno ancora preso coscienza che vivono solo di valori ereditati, e non hanno quindi la possibilità di cambiare veramente la loro condizione, ma sono in balia di coloro che inventano i valori anche per loro.

Continue reading

L’ALLEVAMENTO DEL POPOLO ELETTO

VERSO

Nietzsche crede dunque alla possibilità e alla capacità dell‟uomo di cambiare se stesso e di rieducare i propri istinti, dopo aver adottato nuovi giudizi di valore, ma crede anche che questa volontà non può spingersi fino al cambiamento di tutto il nostro essere, perché la trasformazione dello spirito non può far diventare l‟individuo quello che non è.
Così, alle tre figure del cammello, del leone e del fanciullo corrispondono le tre caste in cui Platone suddivide la socie-tà ideale, la casta dei produttori, quella dei guerrieri e quel-la dei filosofi, tre tipi diversi di uomini per tre diversi compiti, che formano quello che Nietzsche chiama il popolo eletto, il popolo che vuole tramontare e che darà a tutta l‟umanità un nuovo mattino.

Continue reading

LE TRE METAMORFOSI

VERSO

In questo capitolo si analizzerà il rapporto fra l‟Übermensch e il popolo eletto, cioè il popolo che è designato a realizzar-lo concretamente nella storia, e che viene descritto già nel-la quarta parte della “Prefazione” di Così parlò Zarathustra. La scelta del titolo è dettata dalla necessità di chiarire che la nascita dell‟Übermensch è legata principalmente alla vo-lontà di tale popolo, oltre che di Zarathustra, e non a una necessità trascendente e indipendente dalla volontà dell‟uomo.

Continue reading

IO SONO UN DESTINO V

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono stato capito? – Non ho detto una sola parola che non avessi già detto cinque anni fa per bocca di Zarathustra. – La scoperta della morale cristiana è un avvenimento che non ha uguali, una vera catastrofe. Chi può far luce su di essa, quegli è una force majeure, un destino – spacca in due la storia dell’umanità.

Continue reading

GLI UOMINI SUPERIORI E GLI ELETTI

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

Per chiarire ogni possibile equivoco, e per evidenziare la dif-ferenza tra il tipo superiore riuscito e quello fallito, Nietzsche ha dedicato tutta la quarta parte di Così parlò Zarathustra, che ha per sottotitolo La tentazione di Zarathustra, proprio a-gli uomini superiori, chiarendo chi sono e in che cosa differi-scono dagli eletti, i figli di Zarathustra, coloro che avranno la responsabilità della creazione dell‟Übermensch, e che sono già una sua prefigurazione.

Continue reading

IL GRANDE MERIGGIO

VERSO

 

 

 

 

 

 

 

 
Il grande meriggio è il punto intermedio della storia dell’uomo nel suo viaggio tra l’animale e l’Übermensch, è il momento in cui si faranno finalmente chiare le due vie, che hanno sempre proceduto intrecciate, quella verso l’Übermensch e quella verso l’ultimo uomo. Il grande meriggio è il punto in cui non solo alcuni, ma tutti gli uomini, si rendono conto che Dio e gli dèi sono morti, e quindi che tutti i valori sono adesso in un flusso caotico e senza senso perché non c’è più nulla che permane imperituro:

Continue reading

Page 1 of 3
1 2 3