APRECIACÍON SIN IDEALISMOS

df

UN INTERESSANTE TESTO CONTRO “L’AMICIZIA IDEALISTICA” (CHE TANTO CONFORTA LE PERSONE “BUONE” E COSCENZIOSE DI QUESTO MONDO CADAVERICO) PRESO DAL SITO ECO-RADICALE “ASILVESTRADOS”

APRECIACÍON SIN IDEALISMOS

Todos idealizamos a otro
Que si él hace aquello
Que si ella hace lo otro
Que si aquel piensa de esta manera
Y si ella será como YO quiera

Continue reading

EL MUNDO ES SU INTERPRETACIÓN II

EL HOMBRE QUE SE PRODUCE A SI MISMO (LA MORAL)

 

 

 

 

 

 

 

Dentro de estas relaciones, el texto, en virtud de su ambigüedad, casi no existe: por tanto, tiende a perderse en el criterio de la verdad de la interpretación. Desde otros puntos de vista, la exigencia nietzscheana se dirige a liberar el texto auténtico de la interpretación no verdadera, cosa que ocurre cuando Nietzsche pretende que el hombre se vuelva a traducir a naturaleza:

Continue reading

ETERNO RETORNO CONTRA LAS LEYES DEL PENSAMIENTO APOLÍNEO

 

A partir de la interpretación que realiza Nietzsche del mito de Ariadna es posible el análisis del concepto de ?eterno retorno? así como de las nociones de ?diferencia? y ?repetición?. El eterno retorno, pensado contra las leyes del pensamiento apolíneo, tiene un vínculo fundamental con la voluntad de poder: la repetición en el eterno retorno es la voluntad de poder.

Continue reading

SOBRE A INTERPRETAÇÃO DELEUZIANA DE NIETZSCHE:INTRA-EXTRATEXTUALIDADE

DELUZIANA

O texto nietzschiano comporta uma diversidade de possibilidadesem termos de interpretação, pois, ao invés de formular proposições ine-quívocas, cujo corolário seria evidente, apresenta-se como algo a serdecifrado. Mas o decifrar não implica, no caso, o estabelecimento deelementos precisos, mas de elementos possíveis. Com isso, o decifrarfica, aqui, como um exercício de experimentação em que cada elementoencontrado abre novas possibilidades de combinação no sentido de in-terpretação e, portanto, experimentação com o próprio pensar.

Continue reading

DELEUZE VERSUS HEGEL

http://25.media.tumblr.com/tumblr_m6e8bxWO8W1qda9hso1_1280.jpg

There are those who still understand Deleuze to say that individuals and persons must be fixed and numerically distinct substances.  They say there must be negative forces of opposition among these individual singularities.  They threaten that if there are not these structural-relational forces of negative difference, then we would fall into an undifferentiated black nothingness without any difference at all.  How many times does Deleuze tell us that his ‘difference’ has nothing to do with this alternative!?  Deleuze warns us time and again of an illusory alternative that Representational thought presents to us:  either there is difference which is a difference of negation (opposition or limitation), or we have to settle for an undifferenciated abyss (a black nothingness).  Deleuze rejects this alternative of either undifferentiated unformed matter or differentiated formed matter. Rather, to find ‘difference’, we must reach a field of unformed matter that is itself, differentiated..

Continue reading

IL CANTO FUNEBRE

CANTOF

 

«Laggiù è l’isola dei sepolcri, la silente; laggiù è pure il sepolcro della mia giovinezza. Là voglio portare una corona di semprevivi della vita».

Così risolvendo nel cuore, attraversai il mare.

Oh, visioni e imagini della mia giovinezza! Oh, voi tutti sguardi dell’amore, istanti divini! Come presto vi dileguaste! Io ripenso a voi, oggi, come ai miei morti.Da voi, o morti diletti, mi giunge un dolce profumo, che mi scioglie il cuore e m’induce al pianto. In verità esso scuote e commuove il cuore del solitario navigante.

Continue reading

I BIGLIETTI DELLA FOLLIA

NIETZSCHE PLIT

I biglietti della follia sono quella serie di biglietti spediti da Nietzsche a partire dal 4 gennaia 1889, alcuni sono stati ritrovati, altri se ne conosce l’esistenza solo perchè riportato da seconde persone (tipo la sorella).. con questi biglietti in molti concordano si sia manifestata la follia (alcuni sono convinti ex abrupto e fra questi anche il Montinari) di Nietzsche. Più avanti ne posterò altri per ora mi limito al “biglietto della follia (sich)” più lungo; a parer mio il più tragico e toccante.. e bello.
  Continue reading

LA“VOLONTÀ DI POTENZA” IN RELAZIONE AL “DOVERE”

SARTREVSNIETZSCHE

Celebre episodio delle “tre metamorfosi”, per abbattere il drago, figura mostruosa, incarnazione simbolica del dovere kantiano, il leone oppone l’io voglio al tu devi. È in queste due ultime proposizioni, che si gioca l’essenza del dibattito Nietzsche-Kant. Nietzsche intravede nell’imperativo categoricoun “principio di limitazione” della vita che vuole – eternamente e senza limiti – affermarsi.

L’eterno ritorno spiega la “ripetitività cosmica”, il continuo divenire, su cui però incombe il pensiero più grave: ogni progresso, ogni salto in avanti verrà “frustrato” dal tempo.Questo eterno movimento è figlio di una forza – già delineata da Schopenhauer – cui anche Nietzsche assegna il nome di volontà. La differenza tra la concezione schopenhaueriana e quella nietzscheana di volontà verte essenzialmente su di un fatto: per il primo, la vita si configura come oggetto della volontà, mentre, per il secondo, come soggetto. Per Nietzsche, infatti, è la vita stessa che vuole dominare, affermarsi e superarsi attraverso la volontà di potenza, come rivela a Zarathustra:

“Io sono quella cosa che deve sempre superare se stessa”.

Continue reading

Page 1 of 5
1 2 3 5