I SIGNORI DELLA TERRA

VERSO

Ora, la differenza principale tra il popolo eletto e il resto dell‟umanità è la libertà, e cioè il fatto che gli eletti sono i soli nelle condizioni di scegliere perché solo la loro volontà è effettivamente libera. Il volere della plebe non è un libero volere, perché essa non conosce i motivi e le origini delle sue valutazioni, e in questo modo è prigioniera dei vecchi valori e quindi incapace di scegliere veramente una cosa piuttosto di un‟altra.
Quando Nietzsche scrive „liberi‟ o „non liberi‟ vuol dire che la libertà del volere c‟è, ma non per tutti, che è una conquista dello spirito, e quindi il risultato di una lotta che non tutti pos-sono combattere e neanche vincere. I più, i deboli e i pove-ri di spirito non hanno ancora preso coscienza che vivono solo di valori ereditati, e non hanno quindi la possibilità di cambiare veramente la loro condizione, ma sono in balia di coloro che inventano i valori anche per loro.

Continua a leggere

APODICTIC

RIGORMORTIS

A synthesis of a syncretic pre-trial emerges from and depends on the explicated and judicious term of an examiner, in a perpendicular permeability.
The Abnegation in explicating the behavioural terms emerges when an ostensive simulacrum is erected, a simulacrum of the prevailing work of the one who ex-amines.

Continua a leggere

LA RECEZIONE CLANDESTINA DI STIRNER

CRISIz

Visto il disprezzo largamente diffuso e l’ignoranza, ancora più ampiamente diffusa di Stirner, qualcuna delle dichiarazioni compiute a proposito da eminenti pensatori fanno drizzare le orecchie. Ludwig Klages, ad esempio, si è visto anch’egli obbligato, nel suo studio su Nietzsche, di “pensare a” questo autore — benché non creda che Nietzsche l’abbia conosciuto.

Continua a leggere

NOUS POURRONS RECONSTRUIRE L’UNIVERS QUAND IL SERA DÉTRUIT

KARAX

NOUS POURRONS RECONSTRUIRE L’UNIVERS QUAND IL SERA DÉTRUIT ET QUAND LES HOMMES SERONT DEVENUS PLUS RARES QUE LES CHOSES.

Continua a leggere

EL PROBLEMA DE LA EXISTENCIA

RISENTIMENTO

Es una larga historia la del sentido de la existencia. Sus orígenes son griegos, precristianos.
Se ha utilizado pues el sufrimiento como medio para demostrar la injusticia de la existencia, pero al mismo tiempo como medio para hallarle una justificación superior y divina. (Ya que sufre, es culpable; pero porque sufre, expía y es redimida.) La existencia como desmesura, la existencia como hybris y como crimen, he aquí la manera como ya los griegos la interpretaban y la valoraban.

Continua a leggere

FONDO ABISSALE

ORIGINARIONULLA

La pienezza del potere è il nulla originario che evidenzia la totalità del mondo in quanto lo mantiene in potenza, sospeso. Heidegger ripropone così anche nel corso universitario del 1935 di Friburgo, utilizzando altri termini, il mistero che dietro il proprio velo non ha il nulla da mostrare, ma tutto ha già ospitato.

Continua a leggere

FRAMMENTI DI VIAGGIO D’UN SORDOMUTO IN APNEA V

APNEAS
5. La mia anima. I sentieri dell’anima sono lastricati di polvere. I labirinti della nostra parte di notte che ci portiamo dentro non hanno uno specchio. Il mondo ammutolisce in una inestricabile selva di pensieri che ci imprigionano alla ragione. Assurdo, ma questa è la mia anima, colma di tesori che nemmeno io conosco.

Continua a leggere

MOD DET KREATIVE INTET

KREATIVE

Vores epoke er dekadencens epoke. Den bourgeoisi-kristne-plebejiske civilisation havnede for længe siden i sin evolutionære blindgyde.

Demokratiet er her!

Continua a leggere

SER-OBJETO NÃO PARA-MIM E SIM PARA-ELE

EGOALTER

No intuito de vencer o último obstáculo do solipsismo, Sartre coloca que a objetidade não pode projetar ou criar a alteridade. De fato, se eu sou objeto não o sou por mim e para mim. É o Outro que me constitui como objeto para ele mesmo. Por isso, o meu ser-objeto não serve de conceito regulador ou constitutivo para os conhecimentos que eu possa ter a meu respeito.

Continua a leggere

NIETZSCHE – ANTICHRIST?

MALE

“There have been many great attacks upon Christianity, strong and effective in their different ways, and one hesitates to distiguish any one of them by the superlative ‘greatest’, but if I were to use this superlative – especially with respect to sheer blasting force of inspired denunciation – I should apply it to The Antichrist of Friedrich Nietzsche….0ne is not only impressed intellectually, but one is thrilled and moved to the depths by the splendid, sweeping fervour of his attack.”

It is with these words that the renowned American freethinker and publisher, E. Haldeman-Julius, begins the introduction to his 1930 edition of The Antichrist. That Nietzsche is anti-Christian – that is, anti÷the Christian Church – is apparent to anyone who has read him. The question I want to ask, however, is he really anti- Christ as he claimed to be? Before giving my answer it may be useful to briefly outline the way in which Nietzsche viewed Christianity.

Continua a leggere

Page 1 of 3
1 2 3