LA VITA SENZA OGGETTO

VITA SENZA OGGETTO

 

 

 

 

 

IDEE NEUTRE CON OCCHI ARIDI; SGUARDI SMORTI CHE TOLGONO ALLE COSE OGNI RILIEVO; AUTOAUSCULTAZIONI CHE RIDUCONO I SENTIMENTI A FENOMENI DI ATTENZIONE.

VITA EVANESCENTE, SENZA LACRIME E SENZA RISO – COME INCULCARE IN VOI UNA LINFA, UNA VOLGARITÀ PRIMAVERILE?

 

E COME SOPPORTARE QUESTO CUORE DIMISSIONARIO, E QUESTO TEMPO TROPPO SVIGORITO PER TRASMETTERE ANCORA ALLE PROPRIE STAGIONI IL FERMENTO DELLA CRESCITA E DELLA DISSOLUZIONE?

 

QUANDO IN OGNI FEDE HAI VISTO UNA SOZZURA E IN OGNI AFFETTO UNA PROFANAZIONE, NON HAI PIÙ IL DIRITTO DI ATTENDERE, QUAGGIÙ O ALTROVE, UNA SORTE MODIFICATA DALLA SPERANZA. BISOGNA CHE TU SCELGA UN PROMONTORIO IDEALE, RISIBILMENTE SOLITARIO, O UNA STELLA DA FARSA, RIBELLE ALLE COSTELLAZIONI. IRRESPONSABILE PER TRISTEZZA, LA TUA VITA HA DERISO I SUOI ISTANTI; MA LA VITA È PIETÀ DELLA DURATA, SENTIMENTO DI UN’ETERNITÀ DANZANTE, TEMPO CHE SUPERA SE STESSO E RIVALEGGIA CON IL SOLE…

image_pdfScaricare PDFimage_printStampare testo
(Visited 81 times, 1 visits today)