L’ILLUSIONE DELL’ANARCHISMO

https://abissonichilista.altervista.org/wp-content/uploads/2018/09/KH-A-OSS-III.pdf

Gli ANARCHICI sono un gruppo interessante di persone che i governi prendono troppo sul serio è che, sfortunatamente, non si prendono sul serio. I governi temono che siano ostili, pieni di cattiveria: mentre sono innocui, al di là la dello sconcertante metodo inoffensivo da infanti che usano. Per il Popolo, infatti: per l’Umanità, si concepiscono pieni di un’ardente passione: ma verso il modo di fare degli umani – quando, come uomini, emergono dalla massa composita sfocata di “Umanità” – sono avversi con tutto l’atteggiamento implacabile e possibile solo alle persone che fin dall’inizio gli sono antipatiche. Senza dubbio, se dovessimo cercare in tutto il mondo gli avversari del più aspro scandaglio della teoria che siamo tutti “nati nel peccato” con la nostra naturale inclinazione intrinseca al “male”, ci si fisserebbe sugli anarchici: ma questa è la loro idiosincrasia: un ostacolo in contrasto con i loro principi basilari. La loro opposizione non penetra più in profondità di una avversione per questa frase, forse perché le persone più comuni di loro hanno già accettato tutto questo. In sostanza questo forma il corpo dell’anarchismo, e gli anarchici non sono separati in ogni caso dal parentado con il credente. Appartengono alla Chiesa dei cristiani e dovrebbero essere riconosciuti come i figli scelti dal cristianesimo. Solo la qualità li distingue dagli ortodossi: una distinzione di cui il vantaggio è loro. Non sarebbero destinati tra i sacerdoti che amministrano i sacramenti.

* * *

Alla nascita di ogni nucleo di vita, viene inaugurata l’esistenza – un Archista. Un Archista che cerca di stabilire, mantenere e proteggere con le armi più potenti a sua disposizione, la legge dei propri interessi; mentre lo scopo di ogni chiesa – tutte le istituzioni che insegnano l’anarchismo come lo spirito corretto nella condotta – è di rendere gli uomini disposti ad affermare, che sebbene siano nati in maniera inclina Archisti, devono essere anarchici. Questo è il vero significato dello spirito di rinuncia – la roccia su cui è costruita la Chiesa. Il “DOVERE” rappresenta l’installazione della Coscienza, quella polizia spirituale interiore imposta dall’autorità della volontà e dall’abilità del predicatore. Il suo compito è quello di legare i desideri dell’Archista che manterrebbero e spingerebbero oltre i loro scopi in favore degli scopi che non piaceranno mai al predicatore: Dio: o Diritto: o il Popolo: o il Consacrato: o quelli stabiliti dalla Funzione. Se il predicatore o i desideri dell’individuo falliscono, ruoterà attorno alla forza la vitalità individuale dell’uomo. Se l’uomo è vivo, i suoi interessi sono vivi, e la sua importanza gli sta accanto con un’intensificarsi assertivo che corrisponde al livello della sua stessa vitalità, di cui solo la forza dei suoi interessi può fornire un indice sicuro. Essendo vivi, il primo istinto vivente intensifica la coscienza della vita, e incalzare un interesse è proprio questo processo di intensificazione della coscienza. Tutte le forme di vita in crescita sono aggressive: “aggressivo” è ciò che significa crescente. Ogni lotta per la propria posizione, per ingrandirla e accrescerla deve crescere. E poiché le forme di vita sono gregarie ci sono miriadi di pretese per mantenere una stretta esclusiva su qualsiasi posizione. I pretendenti sono una miriade: uccello, bestia, pianta, insetto, parassita; asseriranno ognuno la propria pretesa su qualsiasi posizione finché è permesso: nella astuzia la combattività del moscerino, la gramigna e la pulce: la scarsa cerimonia della scopa della casalinga , l’ascia che spiana, la falce, la rete del pescatore, il randello del mattatoio: tutte le asserzioni di interessi aggressivi vengono prontamente neutralizzate da interessi più potenti!

Il mondo ricade su l’individuo che può appropriarsene, se l’azione istintiva può propalare qualcosa.

* * * *

È in questo colossale incontro di interessi, cioè di esistenze, che l’anarchico irrompe con tale “Così lontano e non più lontano”. Gli interessi più bassi possono essere posti con un veto senza domande, o con un sospiro sincero, ma l’UOMO deve essere immune. L’UOMO come l’UOMO deve essere protetto: la sua vitalità è il suo scudo: per l’immunità la vitalità crea e conferisce il suo diritto. La creazione del livello inferiore si innalza e cade con la sua forza o mancanza: ma la vitalità conferisce la protezione. Chi garantisce la protezione? “La coscienza di colui che la infrange, se ciò fallisce, allora la coscienza oltraggiata da altri uomini, è gelosia della dignità dell” Uomo “. Colui che non tiene in soggezione i Diritti dell’uomo, che non si inchina al valore dell’Uomo come Uomo, e non semplicemente come un essere vivente, o lo considera Sacro e Santo, si ritiene che non faccia parte della comunità dell’Uomo, ma un mostro che predica la sottomissione dell’umano, adatto solo per essere usato, e per riunire i suoi familiari – lupi e strani mostri. “Questo è il credo di un anarchico, che ha come altro nome ” umanitario “. Il suo credo spiega perché ama l’umanità, ma disapprova gli uomini che con le loro maniere non lo fanno, perché gli uomini non agiscono secondo la moda anarchica verso il prossimo. Questi uomini che sono animali amichevoli e affettuosi nel complesso: ma gli interessi sono imperativi per loro come con la tigre e la scimmia, e li portano avanti, scoraggiati solo dal calcolo dell’ostilità che possono suscitare disturbando gli interessi che attraversano. Dacché il loro metodo di crescita è estendere i tentacoli, gli interessi devono essere superati. Se tutto questo è così, sarebbe più semplice vedere se gli uomini hanno interessi singoli (e quindi è abbastanza chiaro che alcuni uomini li hanno). Ma gli uomini ne hanno molti, e quello che ci si potrebbe aspettare da un percorso rettilineo è una linea a zigzag. E gli interessi non vengono portati avanti solo attraverso le opposizioni: lottando per i beni: in amore, per esempio, portano a una apparente commistione di interesse. Sembra solo che l’interesse amoroso sia Archistico come tutti gli altri. In questo stimolante scontro di poteri l’anarchico introduce la “legge” dell ‘”inviolabilità della libertà individuale”. “È possibile spingere”, dicono, “la linea di soddisfazione dei desideri degli uomini – non ci rinunceranno interamente dal momento che sono nati nella vita e nel peccato- ma solo fino alla fine dove può essere raddoppiata con i desideri di tutti gli altri. Tali desideri si risolveranno forse, e probabilmente semplicemente con la soddisfazione di alcuni bisogni elementari: la terra, con il sostentamento e il vestiario: un titolo a cui ci sono i diritti indefettibili dell’uomo. Solo quando questi sono stati estesi a tutti possono essere spinti oltre gli interessi di qualsiasi altro. “Per ricchezza, secondo le necessità, ognuno ha un diritto; in cambio ognuno deve adoperarsi come può “. Si deve riconoscere che si tratta di un credo che si presta ben oltre l’eloquenza del corretto anello nobile; fa accrescere i convertiti sempre di più; e quando indossa un abito si riabilita prontamente in abiti modificati; come il cristianesimo, come l’umanitarismo, l’anarchismo di successo seduce continuamente l’Opinione Pubblica.

* * * *

Poiché non dovrebbe avere alcuna difficoltà nel far apparire al suo fianco l’Opinione Pubblica, la natura dell’Opinione Pubblica lo rende evidente. L’Opinione Pubblica è intrinsecamente – un lamentarsi. È il Guardiano dello Status quo: il suo scopo è quello di spaventare qualsiasi invasore che possa turbare interessi legittimi: è sempre, nella sua prima fase, dalla parte della buona fede, per il mantenimento dei contratti e degli accordi fissi: è come un orologio -Il cane abbaia a tutti i nemici, sii amichevole o ostile. L’abbagliare è peggiore del suo morso, tuttavia, ignorata o disprezzata, arriverà sempre ad una sosta temporanea. Questo fermarsi è per guadagnare tempo è per misurare a sufficienza la potenza che ha la forza di disturbo. L’Opinione Pubblica, cosa da notare, è quella dei non-combattenti, e si suppone, quindi, anche che siano Opinioni Disinteressate. Cosa che non è cosi in alcun modo. L’Opinione Pubblica è in realtà il calcolo dell’interesse personale dei non combattenti. La primaria e involontaria funzione di lamento è il primario istinto con l’intento di mettere in guardia i disturbatori: ma se l’aggressore persiste impassibile e si rivela più potente del membro dell’ordine stabile che sta attaccando, l’Opinione Pubblica, cioè gli interessi dei non- combattenti, si prepara a venire a patti. Si prepara a vivere a proprio agio con una forza che apparentemente è arrivata per restare. Ha bilanciato i pregi dei due pretendenti: e la pace – il mantenimento dello Status quo ha prima misurato la parte dei difensori: ma se l’aggressore ha vinto in quello che è accaduto, questo diventa la sua difesa e dimostra un adeguato peso. Ecco perché la buona riuscita ha successo. Difficile difendere la parte difensiva: tenerlo “nel diritto” all’inizio: la difensiva è il difendibile: sarebbe stato difficile fare i giudiziosi: poiché difendere l’aggressore è un’anomalia in termini: l’aggressore può essere solo “giustificato”: solo il successo può giustificarlo. Ma lascia fallire l’aggressore, e per l’Opinione Pubblica sembra subito diabolico. Per forza di cose, se la Germania ora avrà successo, l’Imperatore Tedesco dominerà e otterrà l’adorazione del mondo. Se la Germania dovesse perdere, non ci sarebbero 80 poveri per pagargli la riverenza. La reputazione, per quanto riguarda l’Opinione Pubblica ora, giace nel ventre del tempo: una questione di forze accidentali più o meno. L’odioso reato per cui il mondo lo riterrà un mostro demoniaco è – un giudizio errato; ciò che lo renderà l’Eroe della sua Età – il suo Maestro – sarà solo – un giudizio verificato. Che spiega perché una buona lotta giustificherà qualsiasi causa: una buona lotta è un fatto di aggressione e VINCE. Pertanto, le forze, con qualsiasi pretesto, sono state radunate per una prova, la questione dell’onorabilità dipenderà da una buona stima della potenza di quelle forze. L’esecrazione non è assegnata ai depredatori di tesori artistici in quanto tali – ma solo se il depredatore mostra anche segni della vittoria. Louvain sarà un po ‘deplorevole, ma necessario, se i padroni di casa Tedeschi sono vittoriosi. Quindi contrariamente a quanto segue: uno scolaro può avere la reputazione di Napoleone come “Diritto” per il suo capriccio, a causa di Waterloo. È Waterloo che separa Napoleone da Alessandro e Giulio Cesare: non le pianure insanguinate d’Europa; come lo sono Naseby e Marston Moor, che si adattano al ricordo di Wexford e Drogheda, e fanno di Cromwell un eroe regale al posto di un malvagio delinquente e assassino omicida. Anche in questo caso, George Washington era un eroe e “giusto”, mentre il presidente Kruger era un sedizioso intrigante e “ingiusto”.

* * * *

L’Opinione Pubblica, quindi, non è altro che una forma di alleanza libera fondata tra i non-principi, basata su una comunità di interessi momentaneamente posizionata sulla difensiva. Lo shock iniziale dell’invasione è stato eluso.

Il passare del tempo, e soprattutto il corso degli eventi, cominceranno a chiarire in che misura questa prima apparente comunità di interesse, era in difensiva rispetto a un semplice allarme, e fino a che punto questo rappresentava qualcosa di più permanente. Inoltre, nel motivo dello sviluppo dell’Opinione Pubblica, si riconosce che la stessa, audace e pittoresca aggressività potrebbe in qualche modo dare alla luce un interesse in cui i non-combattenti si troveranno coinvolti dal puro fascino: ampliandosi fino a tal punto che potrebbero essere anche autorizzati a condividere il rischio generale della lotta, che sembrerà un grande privilegio. Un grande aggressore saprà che può sempre contare su questo. I conquistatori sono stati i beneamati. Napoleone aveva l’adorazione degli uomini le cui vite stava “sprecando”. L’avrebbero chiamata un’opportunità molto ambiziosa che consentiva loro di spendere generosamente con un altrettanto abbondante ritorno di piacere. È davvero un errore ridicolo accettare che gli interessi siano tutti “materiali”.

Ci sono interessi che sono di piacere, interessi di espansione spirituale, interessi di alto livello, altrettanto avvincenti come quelli del profitto materiale; in effetti è davvero dubbio, anche nella maniera più meschina, che gli interessi “materiali” abbiano la stessa forza degli altri. Inoltre, i tipi di interessi sono molto instabili e si sviluppano da una forma all’altra con estrema rapidità sotto l’influenza di minacce o sfide. Così, alla comparsa di una grande personalità che può dare corpo a interessi più ampi, anche gli interessi più intimi – quelli di nazionalità e parentela – subiranno un cambiamento epocale:

“Se i miei figli vogliono, lascia che implorino il pane, Mio Imperatore, il mio Imperatore è interessato.”

Vi è l’influenza di un Imperatore: il secondo ha uno spirito saldo, geloso e antagonista – persino le giovani generazioni delle province sottomesse in una unità omogenea sotto l’influenza di un sogno avventuroso e tuttavia vivente. Per interessi di altro tipo, l’Inghilterra consolò la Scozia all’unanimità mentre si dedicava a lenire gli olandesi in Sudafrica. Altri interessi – quelli di ceto e di prestigio – sono le forze che hanno vinto per l’Inghilterra in questo momento, le garanzie che sono sottintese in un’amichevole Opinione Americana. Che gli Americani condividano un linguaggio comune e in misura tutto il prestigio della tradizione Inglese, letteraria e militare, implica lo status degli Americani con il mantenimento dello status Britannico: avrebbero odiato l’Inghilterra abbastanza facilmente se avesse dato indicazioni solo ora che era sul punto di ridurre tutto questo.

* * * *

Al momento attuale, è vero, l’Inghilterra sta arrossendo per l’imbarazzo di questo sconosciuto, permettendo a un pappagallo come la stampa e il suo pulpito di persuadere il mondo che ora è un combattente disinteressato in una grande e santa Causa. Sembra che stia cominciando a sentirsi infettata dalle proprie emozioni liquide del predicatore mentre ascolta come sta andando avanti – non per il suo bene ma – IL DIRITTO HA SBAGLIATO, a vendicare i deboli, a sostenere la civilizzazione, a sopprimere il Vandalo e l’Unno, un Bayard, un Galahad, il Messaggero dell’Armata della Pace che conduce una guerra spirituale. C’è una sola consolazione – i “Tommies” sono troppo lontani e troppo occupati per sentirne parlare.

E c’è questa scusa per i predicatori: che hanno guardato attentamente intorno e non hanno ancora messo gli occhi su nessuno di quei probabili e allettanti pezzetti di territorio che fino ad ora sono sempre stati impiccati quando l’Inghilterra è andata in guerra: non è venuto in mente loro che questa guerra, lungi dal richiedere scuse in balbettanti poetiche, era necessaria per salvare l’anima dell’Inghilterra dalla sfiducia incontrollata allevata in questi anni di pace. Per compiacere la loro anima lascia che chiamino una guerra spirituale: almeno risponde a un’esigenza spirituale, e al momento giusto: il bisogno dell’Inglese, non quello del Belgio, della cultura, della civilizzazione, della democrazia e del resto. Tra vent’anni il conflitto probabilmente sarebbe stato troppo tardi; come venti anni ora sembra verosimilmente essere dimostrato troppo presto per la Germania. La causa della guerra è la denigrazione Tedesca dello spirito Inglese: sia sul fuoco che sulla intelligenza. I Tedeschi credevano che, mediamente nella media, fossero di qualità migliore: quel prestigio Inglese era un anacronismo, un’eredità già affondata ad una reliquia ereditata da un passato spirituale, dalla cui forza l’Inghilterra moderna è caduta: che la nazione era devitalizzata, e poiché gli interessi possono essere mantenuti solo in proporzione alla vitalità di coloro che li fanno proseguire, potrebbero essere strappati via se seriamente messi in discussione dal loro successore naturalmente costituito. E avevano un sacco di prove per sostenerli. Il fuoco spirituale risplende non solo in una sola direzione: è onnipervadente: è filosofia tedesca, scienza tedesca, inventiva tedesca, energia. Audacia e spavalderia fornivano prove che tutto il mondo poteva vedere e confrontare. Con questo paragone, i Tedeschi si erano convinti e stavano convincendo il mondo e noi. Stavano minando la fiducia degli Inglesi, non per le loro vanterie ma per le loro azioni: e naturalmente, se eccellevano nelle arti della pace, perché no, anche nell’arte della guerra, dove il prestigio registra un livello preciso. Stavano logorando la nostra capacità di recupero spirituale: l’aspetto sottile dello spirito che, una volta perso, non viene mai riconquistato. Un popolo che si sente allontanato da questa aspetto sottile attaccherà immediatamente per la sua conservazione, o si vedrà perso prima che un colpo sia stato sparato. Sembrava un enigma, e niente di più che per l’Inghilterra stessa, perché si è improvvisamente trovata in un odore così anormalmente buono. È una situazione insolita per essa- in questi ultimi giorni. La spiegazione è la prontezza – quasi la fretta – con cui è entrata in guerra. Si era immediatamente alzata in piedi, perché aveva afferrato il primo suggerimento di un’opportunità per vendicarsi – giustificata, riabilitata con il rispetto che gli era stato dato negli ultimi giorni con un rancore interrogativo. Se avesse esitato, sarebbe stato il segno sufficiente della debolezza, della insensibile mancanza di orgoglio che più della metà del mondo si aspettava, mondo che sarebbe stato più che scioccato nel non trovarla. La “cordialità” di cui è stata la destinataria da allora è il risultato. La deduzione si applica tanto al sentirsi nei limiti dell’Impero e i malcontenti a casa, come nel mondo esterno. È il risultato immediato da seguire- di cui ci si può tranquillamente fidare- sarà ugualmente a suo favore: vale a dire, la brillante rivendicazione dello spirito Britannico nei mari e sui campi di battaglia avrà rapidamente una controparte nei laboratori Britannici: nella rinnovata e fiduciosa forza dello spirito nella filosofia, nella letteratura e nell’arte Inglese (dove è necessario, grazie a Dio!). La fiducia, che osa guardare al semplice fatto senza la paura indebolente, la fiducia e le emozioni profondamente agitate sono i materiali che ispirano un nuovo spirito nelle arti. Dopo la guerra, a causa della guerra – il Rinascimento!

* * * *

Quindi, per tornare ai nostri anarchici, embargoisti, umanitaristi, cultura-isti, cristiani e ogni altra firma di verbalisti: il mondo è degli Archisti: è un fascio di interessi, e ricade su chi può spingersi più lontano. L’ampiezza di ogni interesse è l’indice vitale di colui che lo usa. Gli interessi hanno questo in comune: la ricchezza del frutto che portano cresce mentre spingono verso l’esterno: le passioni che eccitano sono le più forti; le immagini richiamate – il pulsare, il colore, la vividezza – più intense. Per questo, un uomo ha il tentativo dei suoi simili da aggiungere al peso del proprio: gli uomini abbandoneranno persino i loro stessi interessi più grigi: più grigi perché meno maturi: quando attirati dall’affascinante vivacità di altri interessi lontani: il grande signore può sempre contare sull’avere in abbondanza dei custodi dei portoni. Mantenere la porta è diventato il loro principale interesse: perché così, vivono nelle vicinanze di una forza luminosa. Trascurare nell’analizzare il significato dell’Opinione Pubblica amichevole ha ingannato gli anarchici sulla sua vera natura e su quali atteggiamenti nei confronti dei loro compagni, gli uomini possono essere persuasi ad adottare. L’associazione di interessi contro un potente interesse aggressivo, che è la prima fase dell’Opinione Pubblica, è un affare momentaneo, destinato a parare l’attacco di una forza che si teme perché la sua forza è sconosciuta. Il rovescio di questa temporanea ostilità di Opinione Pubblica verso l’aggressore è l’accettazione favorevole della dottrina della non-esortazione: propria dell’anarchismo. Ma la cordialità è tanto breve quanto l’ostilità: poiché la paura dell’ignoto non è una caratteristica permanente del temperamento pubblico: è piuttosto un adattamento accomodante: alle forti forze che emergono dall’ignoto, alla sua caratteristica permanente. Amicizia e ammirazione per i forti interessi è l’attitudine permanente dei figli di questo mondo: varia solo da qualche diretto antagonismo nato dall’opposizione al proprio interesse personale e privato. Di qui la ragione per cui l’anarchismo – l’embargo in tutte le sue molteplici forme – non penetra più profondamente nella pelle. È sempre incoraggiato dalla grande promessa degli adepti: si trova sempre abbandonato da seri uomini con il potere su di loro: il mondo è sempre per gli Archisti, che respingono e stabiliscono “Stati” secondo i loro poteri consentiti.

* * * *

Quindi, l’opposizione allo “Stato” perché lo “Stato” è futile: un lavoro infruttuoso e negativo, senza fine. “Quello che voglio è il mio Stato: se non sono in grado di stabilirlo, non è una mia preoccupazione se lo Stato è: la mia attività era e rimane mia creazione. Il mondo dovrebbe essere plasmato per il mio desiderio se potessi plasmarlo in questo modo : in mancanza di ciò, non posso immaginare che non ci sia assolutamente alcun mondo: è più potente di quanto io possa vederlo. Se faccio un tale errore, mi verrà in mente di correggerlo e di compensarlo. ” Cosi l’Archista. Quando il sipario cala su uno Stato assurge automaticamente su un altro”. Lo Stato è caduto, lunga vita allo Stato “- il più distante anarchico rivoluzionario non può sottrarsi a questo.” All’indomani della sua rivoluzione di successo avrebbe dovuto cercare di trovare i mezzi per proteggere le nozioni “anarchiche”: e avrebbe trovato proteggendo se stesso, i propri interessi, con tutti i poteri che poteva dirigere , come il volgare Archista: formulare le Leggi e mantenere il suo Stato, fino a quando un genuino Archista arriva per sostituirlo e soppiantarlo.

* * * *

Il processo sembra così ovvio, e la sequenza è così infallibile, che ci si domanda come gli errori umanitari ottengano l’ascolto che compiono, sebbene la meraviglia diminuisca quando si riflette su come la maggior parte della specie umana trattiene un giusto risentimento che cammina sui nostri piedi e non sulle nostre teste, e che la tendenza a cadere degli oggetti è verso il basso e non verso l’alto. Secondo, si potrebbe obiettare, perché il metodo dell’umano è spingere i propri interessi verso l’esterno, nel modo che gli umanitaristi facciano un passo avanti e suggeriscano che semplicemente dovrebbero dirigerli all’interno. Obiettivo che verso l’esterno è la via umana e non c’è patimento che l’interno sia il divino – o meglio, qualcosa di più in alto. E potrebbe esserci questo anche in una confusione abituale di un atteggiamento che rifiuta di mantenere le leggi e gli interessi sacri (cioè, intero, indiscusso, intatto) e ciò che rifiuta di rispettare l’esistenza di forze, di cui le leggi sono semplicemente l’indice visibile esteriore. È un errore molto generale, ma l’anarchico ne è particolarmente vittima; la preminente intelligenza dell’Archista comprenderà che sebbene le leggi considerate sacre siano follia, il rispetto di ogni legge è dovuto solo alla quantità di forza di rappresaglia che può esservi implicata se viene solcata. Il rispetto per la “santità” e il rispetto per il “potere” stanno ai poli opposti: il rispetto dell’uno è il verbalista, dell’altro – l’Archista: l’egoista.

* * * *

E ci sono illusioni sulle vie dell’amore: dove uno sembra non desiderare interessi personali ma altri interessi. Ancora una volta è solo apparente: l’amante è un tiranno tenuto nascosto dalla paura salutare che la sostanza del suo desiderio scivolerà dalla sua presa: mentre l’interesse supremo è di mantenere la presa su di esso. Lo “sfruttamento” è comunque sicuro e certo quanto quello del vecchio furbo più furbo che abbia mai coniato la miseria. Amore-madre, amore-sesso, anche con amicizia, è la stessa cosa.

* * * *

Le speranze dell’anarchico sono vane quali che siano essere le illusioni che lo sorreggono, L’acqua prenderà il sopravvento prima che gli uomini prendano sul serio l’anarchismo e l’umanitarismo. Le forze del loro essere sono impostate in altra maniera. La volontà di creare, di costruire, di impostare il modello della loro volontà sul mondo degli eventi non sarà mai frenata da un embargo spirituale, se non con quelli la cui volontà non conta nulla. C’è un po ‘di sostanza, in realtà, nel vecchio grido del mercato sul livellamento “basso” anziché “alto”. Gli embargoisti, gli anarchici e tutti i salvatori sono decisi a livellarsi: si preoccupano dei pochi che desiderano troppo: mentre nessuno può desiderare abbastanza. I “problemi” del mondo – che non sono problemi – saranno risolti dagli stessi “poveri”: da un’autoaffermazione che disperderà il loro presente e fin troppo evidente anarchismo. Quando a loro diventa chiaro che è solo apparenza desiderare la terra, sentiranno gli stimoli di una potenza sufficiente almeno per l’acquisizione di pochi acri di terreno.

Dora Marsden

(Visited 23 times, 1 visits today)