MORTUI MUNDI: INTERVISTA CON GLI ASCENSION (GER)

https://vdhordes.org/2015/02/23/mortui-mundi-interview-with-ascension-ger/

Saluti! Gli Ascension giungono con alcune proposte empie, che includono la nuova versione integrale di “The Dead of the World” (dopo Deathless Light EP) e “Under Four Wings of Death”. Quindi, ci si può aspettare che il gruppo sia al lavoro su queste nuove uscite.

Ascension: Ave! La realizzazione di “The Dead of the World” è stata un’esperienza davvero coinvolgente per tutti noi. In questo momento ci stiamo preparando per il prossimo tour, per incanalare quello che sono gli Ascension nei concerti da club. Non abbiamo mai pensato che fosse sufficiente, suonare le canzoni senza eseguirle dal vivo; vogliamo creare un’esperienza esaltante per noi e il pubblico.

La nuova uscita è anch’essa, un lavoro concettuale come l’album di debutto? Puoi darci brevi info sul tema lirico generale dell’album? Presumo che il tema lirico abbia probabilmente uno stretto legame con la morte o la fine della vita umana.

—Il nuovo album non è concettuale. Si occupa della morte, sì, ma non solo della morte fisica. Esistono molti livelli e significati diversi. Il disco è un’invocazione degli dei della morte, degli dei uccisi da uomini e degli dei che hanno lasciato il mondo per morire. Una canzone per coloro che vivono negli angoli bui e che sono letteralmente morti in questo mondo e una ninna nanna per i morti.

La canzone di apertura dell’album si chiama “The Silence of Abel”. È legato all’episodio della morte di Abele? Quindi, considerate Abele come il primo essere umano a esplorare l’imperturbabilità della morte e Caino come il primo assassino?

—Non lo considero in tal senso, perché ciò implicherebbe che credo che la storia di Caino e Abele sia vera nel senso letterale. “The Silence of Abel” tratta questo argomento, sebbene sia più concentrato sull’omicidio che sull’omicida, nonché sul suo impatto spirituale universale. È anche a riguardo da dove veniamo e cosa siamo. Riguarda la nostra predisposizione a commettere il peccato e la sua necessità. Il calice è rotto e non riusciremo a completarlo rimettendo insieme i pezzi.

Raccontaci delle opere d’arte dell’album che sono state progettate da David Glomba (Teitan Arts). Cosa trasmette rispetto alla musica?

—L’arte di David in questo album è incredibile. Gli abbiamo fornito anche troppi suggerimenti, dato che in realtà, l’interpretazione della nostra musica è stata la sua. I suoi dipinti ci parlano sicuramente e al suo interno troviamo l’essenza della nostra musica. Ha aggiunto ai nostri occhi, un’altra dimensione, rispetto a ciò che è “The Dead of the World”.

Gli Ascension stanno usando un nuovo logo. Chi è l’artista del logo? C’è qualche motivo specifico per cambiare il logo? Il sigillo che è stato inserito nel logo ha ovviamente un significato definito.

—Il sigillo è fatto da una delle poche persone che è affine agli Ascension. Non intende sostituire il nostro logo attuale. Il suo scopo è quello di amplificare l’aspetto spirituale del gruppo. Consideriamo gli Ascension come un’entità che ha un enorme impatto sulla nostra vita personale. In cambio, il percorso di ogni membro del gruppo influenza gli Ascension stessi. Questo sigillo è qualcosa che abbiamo nei nostri cuori. Pertanto sarebbe inappropriato rivelarne il significato.

Sei un accolito di Lucifero! Alcuni considerano Lucifero come il Diavolo, altri come l’Anticristo, altri come il Portatore di Luce o semplicemente come altri tipi di simboli. La parola Lucifero è coniata diversamente in diverse fonti. Quindi cosa percepisci con “Lucifero”?

—Il black metal è la musica del diavolo. Quindi solo percorrendo questa strada possiamo portarlo nei nostri cuori. Ci sono molte forme e volti che la gente dipinge di Lucifero. E nessuno di loro è vero, semplicemente perché il principio del diavolo non riguarda la verità, o più precisamente, una verità, riguarda qualcosa di molto al di là di tutto questo.

Consideri la tua musica come “Black Metal Ortodosso”? Come valuteresti il termine in questione, e in che modo è diverso da altri rami del black metal?

—A dire il vero non mi interessa troppo questo termine, la parola “ortodosso” implica per me qualcosa che è “semplice” o “retto”, e spero che gli Ascension possano incarnare praticamente il contrario. Ma va bene; la scena black metal ha bisogno di categorie, definizioni e sottogeneri. Se si suppone che il black metal ortodosso si riferisca a gruppi musicali, che sono seriamente interessati a portare un impatto spirituale o religioso nella loro musica, allora si adatta alle intenzioni degli Ascension.

Tutti i membri della confraternita degli Ascension credono e percorrono lo stesso percorso quando si parla di ideologia spirituale? È essenziale che tutti i membri di un gruppo si impegnino corpo e anima nello stesso percorso di spiritualità che viene trasmesso attraverso la musica?

—Non è importante che ogni membro del gruppo percorra lo stesso percorso spirituale, ma è importante che tutti i membri della band seguano un percorso spirituale. Come ho detto sopra, è una sorta di interazione. Il percorso di ogni membro del gruppo influenza ciò che sono gli Ascension e gli Ascension influenzano contemporaneamente il nostro percorso.

Per quanto riguarda i membri del gruppo, sappiamo che sono tutti anonimi. C’è stato un periodo in cui gli Ascension non usavano suonare dal vivo e anche se lo facevano era su base occasionale. Ma ora il gruppo ha annunciato un tour e anche quello di prendere parte ad altri concerti tra cui alcuni festival di spicco. Pensi che partecipare a molti concerti dal vivo possa rivelare l’identità dei membri? E se lo pensi, lo consideri negativo o pericoloso?

—Non so se affermare se potrebbe essere negativo, ma sicuramente non è pericoloso. Oggigiorno non è troppo difficile scoprire le nostre identità. Credo che il motivo per cui non è successo finora è che la gente brama qualcosa di oscuro in questo mondo completamente demistificato. Puoi facilmente cercare tutti i gruppi online; puoi conoscerli in pochi clic meglio di quanto conosci il tuo vicino di casa. Quindi penso che qualcosa di misterioso sia un bene prezioso in questi giorni. Uno dei motivi principali per cui abbiamo deciso di restare anonimi negli Ascension è che tutti i membri del gruppo, devono rappresentare l’entità stessa. Vogliamo umilmente fare un passo indietro rispetto al disegno e lasciarlo parlare attraverso di noi.

Per quanto riguarda il tour “Under Four Wings of Death” con tra gli altri, Bölzer, Dysangelium e Vassafor, la vostra formazione sembra davvero letale. Quindi cosa ti ha portato a prendere una decisione per andare finalmente a fare un tour? Ti piace veramente la musica di questi gruppi, o è solo perché hanno un affinità ideologica con voi?

—Non abbiamo mai escluso la possibilità di andare in tour. Abbiamo solo aspettato il momento giusto per questo. Proprio come non abbiamo mai escluso di suonare dal vivo fin dall’inizio, ma solo fino a quando non è stato rilasciato “Consolamentum”. Quando abbiamo ricevuto l’offerta del tour in questione, era il chiaro e giusto momento. Considero soprattutto la musica dei Bölzer, estremamente unica.

Magus (Necromantia, Thou Art Lord, Principality of Hell) e Mors Dalos Ra (Necros Christos) sono entrambi ospiti come cantanti/voci in questo album. C’è qualche probabilità che siano presenti nel tour “Under Four Wings of Death” o in uno dei prossimi concerti / tour?

—Ci sono piani vaghi e desideri chiari.

“Garden of Stone”, è senza dubbio una canzone meravigliosa inclusa nell’EP “Deathless Light”. Puoi chiarirci il concetto di questa traccia? Ha qualche relazione con il concetto di “The Dead of the World”?

—Per molti motivi è una traccia alquanto speciale per me ed è fortemente legata al resto dell’album. Si occupa di rovina e isolamento, abbandono e rabbia. In più di un modo, attraverso gli occhi di una patrona spirituale che dimora in noi.

Il monumentale debutto full length, “Consolamentum”, trasmette cinque parti in una trasformazione dell’anima umana: imparare a respirare, imparare a mentire, imparare a vivere, imparare a uccidere e imparare a morire. Quindi, ogni essere umano attraversa la quarta parte: il processo di apprendimento dell’uccisione? Potresti per favore approfondire queste fasi di trasformazione?

—Ogni essere umano ha il potenziale per uccidere. E la maggior parte userà prima o poi questo potenziale, in un modo o nell’altro. C’è un motivo per cui i ragazzini iniziano a un certo punto a uccidere insetti o piccoli animali. C’è un’estasi in sé. Man mano che invecchiamo, la maggior parte di noi esprime la gioia di uccidere in modi sottili, socialmente più appropriati. È tutto un rituale nel ricordo dell’intossicazione primordiale. L’unica cosa che ci impedisce di assassinarci a vicenda sono le linee guida sociali, che ci costringono a uccidere in modi oramai non più fisici. Se leggi il testo della canzone “Amok” saprai esattamente di cosa sto parlando.

Non voglio elaborare troppo il concetto. Toglierebbe la possibilità ai lettori di riflettere i testi e nel lasciarli parlare. Il concetto non riguarda una cosa particolare, è la cosa reale.

Siamo arrivati alla fine della nostra conversazione. Grazie per aver risposto alle domande. Che tipo di messaggio conclusivo vorresti dare al pubblico che ascolta gli Ascension?

– Grazie per il tuo tempo. I morti camminano in mezzo a noi con odio. Ave Lucifero!

Intervista condotta da ———Zoheb Mahmud——–

https://www.facebook.com/Ascension.Germany

https://vdhordes.org/2014/12/21/ascension-the-dead-of-the-world/

https://wtcproductions.bandcamp.com/album/the-dead-of-the-world?from=embed

image_pdfScaricare PDFimage_printStampare testo
(Visited 50 times, 1 visits today)