PACCO-BOMBA (TRADOTTO)

Ricevo e pubblico:

http://terrorismoegoarca.torpress2sarn7xw.onion/2019/05/22/pacco-bomba-tradotto/

Materiali:
-Cavi elettrici
-Lampadina piena di polvere di fiammiferi (fosforo)
-Pila di 9 v
-Esplosivo
-Videocassetta tipo VHS o una scatola di cartone o di legno
-Tubo galvanizzato o esplosivo artigianale con miccia

È importante avere una scatola in quanto è la base, dal momento che su questo elemento il meccanismo inizierà ad essere assemblato.
La scatola può essere fatta di cartone, e l’esplosivo deve poter essere inserito dentro, come nella foto qui sotto. (Ndt, l’abbiamo posta sopra come immagine principale)

Nel caso di questa immagine, l’esplosivo è congiunto a una bottiglia di benzina attaccata al tubo, come materiale aggiuntivo, per generare il maggior danno all’obiettivo.
Si noti che l’intero meccanismo si adatta perfettamente nella scatola.
È interessante notare che questo ordigno è stato il primo pacco-bomba che le ITS hanno fatto esplodere in un’università in Messico nel 2011. Il pacco-bomba è stato indirizzato a un professore in nanotecnologia, ma è stato aperto da un curioso impiegato universitario che ha subito ustioni di primo e secondo grado sulle mani e la faccia. Il tappo del tubo ha impattato su un occhio lasciandolo guercio.

Per rompere la lampadina, che verrà successivamente riempita di polvere di fiammiferi (molto ben sbriciolati), puoi seguire le istruzioni dei jihadisti della rivista “Inspire” numero 14.

Per prima cosa, si riscalda la lampadina con un accendino, rapidamente si mette dentro un recipiente di acqua fredda perché il vetro si indebolisca, poi si rompe semplicemente con le dita o con delle pinzette e si riempie di polvere di fiammiferi (fosforo).

In questa foto si vede chiaramente tutto il meccanismo.

La lampadina riempita con polvere di fiammiferi deve essere collegata rispettivamente al cavo 2 e 3. La lampadina deve entrare all’interno del tubo galvanizzato, che sarà riempito con dinamite, polvere nera o qualsiasi altro esplosivo (il tappo del tubo deve essere perforato con un trapano per fare uscire i cavi).

Nel caso della foto, dei compas del “Circolo di Attacco Punta di Ossidiana” utilizzarono per l’ordigno esplosivo del 2014, un tubo galvanizzato da 5 pollici e ¾ con tappi dello stesso materiale.

Nella foto, il cavo 3 è libero, e questo deve essere incollato alla copertina della VHS, sotto il cavo 1 in modo che quando la videocassetta viene aperta fa esplodere il meccanismo.

Il cavo 1 è collegato alla batteria da 9 V. Come si può vedere nella foto, il cavo 1 è sbucciato e quando il pacco-bomba sarà pronto per essere chiuso, non dovrebbe essere così vicino al cavo 3. Si deve essere prudenti e evitare che il cavo 3 e 1 si uniscano, questo per evitare incidenti.

Maggiori dettagli sopra questo dettaglio dei cavi, sono nell’immagine qui sotto (che è un prototipo in cui è stato usato un esplosivo artigianale di cartone rinforzato con miccia invece di un tubo galvanizzato).

In questa foto scattata dalla stampa, è evidente che il pacco-bomba, che è stato abbandonato dalle ITS nel 2016 a Jalisco, e che si mostra sopra, non è esploso (questo perché la pila era in cattive condizioni), ma vediamo come è composto il meccanismo che detona l’esplosivo.

Per illustrare in maniera migliore l’esempio sulla posizione dei cavi, sotto proponiamo un immagine in Paint mal fatta (ahah), sulla posizione dei cavi 1 e 3.

Resti di un ordigno esplosivo di questo tipo che è esploso nel 2011, provocando ferite a due tecno-nerd in Messico (ustioni di primo e secondo grado, gravi affezioni alle gambe e al torace, perforazione polmonare e avvelenamento da gas aspirati pochi secondi dopo dell’esplosione; il solfato di ammonio è stato posto come veleno). In questa occasione è stato utilizzato un tubo galvanizzato di ¾ e da 8 pollici, con ottimi risultati.

ITS

Note:

* Si consiglia di riempire il tubo galvanizzato in una capacità di tre quarti in modo che l’esplosivo deflagri con successo; non è consigliabile riempirlo completamente.

* Puoi aggiungere altri oggetti come maggiore distruzione come la benzina (come nella prima foto), chiodi, dadi, pezzi di metallo, veleno in polvere (quando detona viene aspirata dall’obiettivo), ecc.

* Quando si chiude il pacco-bomba, si deve fare molta attenzione, che i cavi non si tocchino; si consiglia di isolare uno dei cavi nel caso in cui ciò accada.

* Di nuovo, acquista i materiali in parti diverse, non è consigliabile acquistare il tubo e i due tappi nello stesso negozio; puoi acquistare tutto separatamente e nei negozi di seconda mano; evita di acquistare materiali in grandi supermercati e luoghi in cui ci sono molte telecamere, questo in modo che non si sia rintracciabile.

image_pdfScaricare PDFimage_printStampare testo
(Visited 144 times, 1 visits today)