“FARE UNA BOMBA NELLA CUCINA DI TUA MADRE”: LA COMUNICAZIONE TECNICA-TATTICA JIHADISTA E LA PRATICA QUOTIDIANA DEL CUCINARE/FARE ESPLOSIVI

Ricevo e pubblico:

http://terrorismoegoarca.torpress2sarn7xw.onion/2019/06/14/fare-una-bomba-nella-cucina-di-tua-madre-la-comunicazione-tecnica-tattica-jihadista-e-la-pratica-quotidiana-del-cucinare-fare-esplosivi/

Nota introduttiva al testo: “Sorprendi il nemico, non seguire un particolare protocollo”. Con questa parte presa dal testo sotto, recuperato, tradotto e pubblicato dai compas di “Terrorismo Egoarca”, ci interponiamo brevemente, per pubblicare una nota sul testo, che, come si legge, ha per Noi le stesse caratteristiche, che portiamo avanti da un po’ di tempo: i compas hanno “inteso”, il significato di egoismo, del prendere un testo, per farlo proprio, per i propri scopi e obiettivi egoici e pubblicarlo (infatti sono state prese solo le parti di interesse). D’altronde si è visto questo, nel testo sull’Anarchist Cookbook, come sulle granate a mano dell’IRA o della pandilla di strada Werewolf Legion, come quello sulla sigla eco-terrorista dell’ELF. Siamo sorpresi ogni volta di leggere come dei sociologi, universitari, e feccia varia, si interessano delle forme Terroristiche, non consuete: cioè quello del Terrorista- Lupo Solitario. Vogliamo soffermarci su questo: per Noi, il Lupo Solitario, il Terrorista “senza capi”, è la forma moderna più estremista e specifica, che esista. Questo tipo di Terrorista, non ha solo dalla sua parte, il fattore sorpresa, cosa che lo rende praticamente invisibile, ai controlli totalizzanti della tecnologia moderna, ma anche un istinto ferale e individuale di prima grandezza. Il riduzionismo investigativo-scientifico, creato dall’autore del testo sotto, non denota (per “fortuna” del Lupo Solitario), questa intrinseca particolarità di questo specifico Terrorista: la lama che ha in tasca, l’ordigno esplosivo, portato in un semplice contenitore, la pistola che non si vede, sono in connaturazione con l’attitudine specifica e particolaristica, ed è questo che fa la differenza. Non si vede, non si nota, non fa parte di una rete organizzativa come militante, e quando colpisce, esplode la sua arma personale, per uccidere, e abbattere il sentimento umano. In fine vogliamo specificare- che il cosiddetto termine usato “Lupo Solitario”, non è stato inventato dallo jihadismo, ma è portato avanti da innumerevoli individui, che sono totalmente e radicalmente distanti tra di loro. Amen

Ex Editori della Rivista Misantropica Attiva Estrema KH-A-OSS

Il terrorismo come un problema sfaccettato

In un articolo del 2014, Marc Sageman chiede: “Cosa porta una persona a convertirsi alla violenza politica?”. Questa domanda guida molti studi di terrorismo, un campo “in continua espansione” che coinvolge la ricerca accademica, la ricerca sponsorizzata dal governo e le innovazioni del settore privato.

In definitiva, l’interazione di fattori individuali e di gruppo che portano al terrorismo, combinato, con le prospettive di diversi esperti, rende improbabile una “risposta di consenso”. E c’è bisogno urgente di una maggiore diversità nel campo. Consideriamo il jihadismo, una forma di terrorismo che ha lasciato perplessi gli studiosi e i responsabili politici dagli attacchi dell’11 settembre. Come sostiene il sociologo iraniano Farhad Khosrokhavar, gran parte della ricerca esistente sul jihadismo è stata creata da ricercatori occidentali che lavorano principalmente su fonti testuali. Pertanto, gli studi sul terrorismo sono limitati da “una mancanza di comprensione della cultura islamica”. Ad esempio, il termine Jihad è ricco di significati culturali che possono non essere evidenti agli accademici occidentali.

Jihad significa “lotta” in arabo; i suoi molteplici significati si sono evoluti attraverso i continenti e nel corso dei secoli. Gli studiosi occidentali che non riescono a comprendere queste sfumature rischiano di elidere le differenze chiave tra i movimenti locali, regionali e globali “jihadisti”. Sono necessarie ulteriori ricerche sul terrorismo dagli studiosi “all’interno dell’Islam”, che leggono testi originali, che trascorrono del tempo nel mondo musulmano e che possono interagire con i circoli fondamentalisti. Inoltre, le organizzazioni jihadiste impiegano diverse strategie di reclutamento, portando gli individui interessati a una serie di ruoli all’interno delle organizzazioni. Di particolare interesse è la cosiddetta “Jihad senza leader” descritta da Sageman e sostenuta dal leader di al-Qaeda Abu Musab al-Suri. La Jihad senza leader è composta da piccoli gruppi di individui auto-radicalizzati, o “gruppi di ragazzi”, che pianificano e attuano attacchi terroristi- spesso senza legami con le organizzazioni terroristiche.

Sebbene la Jihad senza leader stia guadagnando popolarità, gli studiosi continuano a dibattere sulla minaccia da parte di singoli individui auto-radicalizzati, gruppi ristretti senza leader con una leadership terroristica centralizzata. Inoltre, organizzazioni concorrenti e / o affiliate come al-Qaeda, l’organizzazione ISIS, Boko Haram e Jabhat al-Nusraadd rappresentano un ulteriore livello di complessità. Anche i fattori demografici giocano un ruolo; ad esempio, giovani disaffezionati, individui disoccupati e gente in carcere potrebbero essere più vulnerabili alla radicalizzazione. In breve, è difficile definire cosa “porta” le persone alla violenza politica, anche rispetto al jihadismo. Una tendenza emergente tra i gruppi terroristici è l’uso sofisticato delle piattaforme online per la diffusione della violenza politica. Le piattaforme online offrono ai gruppi terroristici “un santuario virtuale per compensare la perdita di santuari fisici”.

Il numero di siti Web terroristici monitorati e di account di social media è in aumento, da circa 2.600 siti Web nel 2003 a più di 8.000 siti Web nel 2012. Molti di questi siti sono dedicati a organizzazioni jihadiste liberamente affiliate e / o concorrenziali. L’organizzazione ISIS sfrutta notoriamente Twitter per promuovere la sua visione del mondo apocalittica e reclutare potenziali sostenitori. Una volta che un individuo interessato segue un account affiliato all’ISIS, l’algoritmo di Twitter, guida l’utente verso contenuti simili in un processo di “scoperta mediata”.

La rivista online di AQAP (ndt “Al-Qaeda nella Penisola Arabica”), Inspire, è progettata allo stesso modo per guidare gli individui non affiliati attraverso il processo di auto-radicalizzazione e incoraggiare gli attacchi da “lupo solitario”. È importante notare che i siti Web dei terroristi si sono evoluti parallelamente ai gruppi fisici e le reti; per esempio, la migrazione di al-Qaeda online ha reso la sua appartenenza di base, ancora più importante per l’immagine del marchio dell’organizzazione. Utilizzando una combinazione di risorse fisiche e online, i gruppi terroristici hanno ampliato le opportunità di pianificazione e attuazione della violenza politica. Particolarmente preoccupante è l’attitudine delle organizzazioni terroristiche nella formazione online.

La radicalizzazione non è sufficiente a causare violenza politica; alcuni individui radicalizzati si accontentano di rimanere spettatori “da passatempo della jihad” rispetto alle attività terroristiche. Per eseguire attacchi, il pubblico richiede istruzioni “specifiche per la missione”; tale addestramento “consente a un individuo di diventare un terrorista in buona fede”.

Forse nessuna piattaforma ha questa funzione in modo più efficace della rivista Inspire di AQAP. La sezione “Jihad Open Source” della rivista fornisce istruzioni dettagliate, per la fabbricazione di esplosivi fatti in casa e altre forme di terrorismo fai-da-te. Le istruzioni di Inspire servono a istigare la violenza politica “aumentando la motivazione” dei lettori interessati, mentre “abbassano la barriera basata sull’abilità”.

Gli studiosi hanno collegato la serie di numeri di Inspire sulla creazione di ordigni esplosivi agli attacchi terroristici negli Stati Uniti e nel Regno Unito, nonché a “un insieme più ampio di complotti malfatti e violenze casuali” che rappresentano una continua sfida per le forze dell’ordine. Tuttavia, mentre le istruzioni di Inspire vengono collegate a trame e attacchi, c’è stata poca analisi su come queste istruzioni preparano e convincono i lettori a compiere atti di violenza politica. Per esempio, in che modo le istruzioni di Inspire superano la scarsa conoscenza dei lettori su argomenti come gli esplosivi, e in che modo le istruzioni motivano almeno alcuni individui a compiere attacchi pericolosi?

Tattiche e identificazione

Sebbene le organizzazioni jihadiste mantengano vari obiettivi religiosi, politici e ideologici, lo scopo della comunicazione tecnica-tattica jihadista è il motivare atti di terrorismo solitario e di diffondere tattiche terroristiche “dentro l’America” e l’Occidente. Invece di impegnarsi in una guerra convenzionale, le organizzazioni jihadiste si affidano a metodi terroristici come attacchi esplosivi, sparatorie e altri attacchi a sorpresa progettati per indurre la paura nella popolazione-obbiettivo;

Le strategie rappresentano le operazioni calcolate e basate sul luogo delle istituzioni stabilite. Per esempio, il monitoraggio da parte della NSA dei metadati negli Stati Uniti offre un esempio contemporaneo di una strategia anti-terrorismo. Innumerevoli strategie istituzionali strutturano e influenzano la vita di tutti i giorni delle persone; le tattiche si propagano all’interno di questo ambiente. A differenza delle strategie, che operano da una postazione fissa, le tattiche “affondano” creativamente sulle strutture esistenti: i prodotti disponibili, i momenti opportuni e le operazioni delle istituzioni consolidate offrono un fertilizzante per la propagazione delle tattiche.

La pratica quotidiana nella costruzione di ordigni esplosivi, costituisce una esercizio tattico, perché implica l’uso creativo di prodotti di uso quotidiano per soddisfare le esigenze di diversi acquirenti, occasioni e situazioni. Le attività illecite come il terrorismo sono di carattere alquanto pratico. Poiché le tattiche “affondano” le strutture esistenti, una comunicazione tattica di successo non persuade semplicemente i lettori a seguire una serie di istruzioni. Fornisce anche alle persone la flessibilità di adattare pratiche e procedure di “invito all’uso” e ai dati di un dato momento. Pertanto, non sorprende che le tattiche terroristiche continuino a evolversi in risposta alle strategie istituzionali sviluppate dalla NSA, dal DHS e da altre potenti organizzazioni.

Per motivare con successo gli attacchi, la comunicazione tecnica-tattica jihadista deve persuadere almeno alcune persone a seguire le istruzioni per pianificare e attuare attacchi, come le istruzioni nella fabbricazione di ordigni esplosivi, presentate in Inspire 1, utile struttura per comprendere come gli autori convincano i lettori. Secondo Burke, l’identificazione è radicata nella condizione universale della condivisione; se le persone “non fossero separate l’una dall’altra, non sarebbe necessario per l’oratore, proclamare la loro unità”. I contorni specifici della divisione variano ampiamente nelle situazioni trasversali. Le strategie istituzionali producono intenzionalmente molte delle divisioni che separano gli autori jihadisti e il pubblico non affiliato, come discusso nell’introduzione a questo articolo.

A non è identico al suo complice B. Ma nella misura in cui i loro interessi sono uniti, A è identificato con B. Oppure può identificarsi con B anche quando i loro interessi non sono uniti, se accetta che lo siano, o è persuaso che sia così.

Gli oratori producono l’identificazione dimostrando “consustanzialità”; gli oratori di successo convincono il pubblico che gli interessi, le credenze, i valori, le attitudini o i legami di entrambe le parti “sono uniti”. I termini identificazione, persuasione e consustanzialità sono sinonimi: “Persuadi un uomo solo nella misura in cui puoi parlare il suo linguaggio attraverso la parola, il gesto, la tonalità, l’ordine, l’immagine, l’attitudine, l’idea, identificando i tuoi modi con i suoi “. Quindi, il concetto di identificazione offre un quadro utile per concettualizzare il modo in cui le tattiche jihadiste proliferano: La comunicazione tattica jihadista è persuasiva nella misura in cui collega le divisioni preesistenti e dimostra la consustanzialità con il pubblico obiettivo non affiliato.

Panoramica delle istruzioni del Cuoco di AQ

Per analizzare su come la comunicazione tecnica-tattica jihadista convince e motiva i lettori, questo articolo esamina una serie di sette articoli sulla fabbricazione di ordigni esplosivi, presentati nella rivista Inspire di AQAP. Scritto da un’entità pseudonima chiamata ” il cuoco di AQ “, è indirizzato ai lettori sotto il segno del mujahid solitario (combattente). Questi articoli forniscono istruzioni per preparare e far detonare vari IED (ordigno esplosivo improvvisato) ” all’interno dell’America “.

Pertanto, le istruzioni del cuoco di AQ costituiscono una comunicazione tecnica -tattica jihadista. Le istruzioni del Cuoco di AQ appaiono pressappoco in ogni altra numero di Inspire; nel numero in cui compaiono queste istruzioni, il sommario richiama l’attenzione su questa caratteristica di successo.

Il primo articolo della serie è intitolato “Come fare una bomba nella cucina di tua madre”; questo articolo fornisce un esempio della struttura e dello stile delle istruzioni del cuoco di AQ. Come gli altri articoli della serie, questo articolo gioca sul tema della cucina. L’autore è un “Cuoco”; gli articoli costituiscono “ricette” per la preparazione di IED, usando ingredienti e materiali usati nella costruzione di ordigni. Dopo una breve introduzione che spiega lo scopo del progetto (cioè, realizzare una bomba auto-costruita), l’articolo descrive gli “ingredienti” o i materiali usati per costruire il dispositivo. Successivamente, l’articolo fornisce istruzioni dettagliate sulla “preparazione” dell’ordigno esplosivo, la parte elettrica, le schegge e il meccanismo di temporizzazione. Ogni passaggio consiste in un’immagine chiara, in primo piano e una semplice frase esplicativa.

Pertanto, i passaggi di “preparazione” sono coerenti con le istruzioni tecniche tradizionali o “semplificate”. Sebbene il focus dell’articolo sia sul tubo-bomba, le fasi di “preparazione” includono anche variazioni come ordigni con una pentola a pressione.

L’articolo si conclude con le istruzioni per “impostare l’orologio”, per controllare i tempi di un attacco che si “estingue” quando fa esplodere il dispositivo in un’area affollata. Sebbene le istruzioni del Cuoco di AQ coprano una varietà di dispositivi (autobomba, bombe incendiarie, ecc.), Tutte e sette le istruzioni aderiscono liberamente a questa struttura “simile a una ricetta”.

Termine chiave: ingredienti

La conoscenza tattica comprende la comprensione delle modalità di utilizzo o consumo; gli organizzatori devono “arrangiarsi” con prodotti “imposti da un ordine dominante”. Per fare una bomba efficace, il mujahid solitario deve trovare materiali e componenti adatti. Il fruitore nel mondo occidentale non può acquistare prontamente esplosivi; tali acquisti “suscitano sospetti” nell’America post 9/11. Per questo motivo, la comunicazione tecnica-tattica jihadista deve dotarsi di capacità di “arrangiamento” con i materiali disponibili. Le istruzioni del Cuoco di AQ soddisfano questo requisito dotando i lettori di tecniche che possono utilizzare per “fabbricare una bomba efficace … dagli ingredienti disponibili in ogni cucina del mondo”.

Il termine chiave-ingredienti- aiuta i lettori a localizzare detti materiali associando il processo familiare di raccolta di materiali per la fabbricazione di ordigni esplosivi, con la pratica più familiare di scegliere e sostituire gli ingredienti per cucinare. Anche se il termine-ingredienti, appare solo sei volte nelle istruzioni del cuoco di AQ, viene messo in primo piano con particolare enfasi. Il termine è introdotto per la prima volta nell’idea di “Come fare una bomba nella cucina di tua madre”; ogni articolo successivo inizia con una lista di ingredienti che il lettore deve acquisire per completare le istruzioni. Dove appare, il termine-ingredienti, prepara i lettori a “fottere … la proprietà altrui”, facendo vedere come degli articoli domestici comuni possono essere usati come esplosivi e componenti di un ordigno.

Le parole e le frasi si raggruppano attorno al termine chiave-ingrediente, che aiuta il lettore a identificare e localizzare i materiali adatti per la fabbricazione di ordigni esplosivi. Due parole-cucina e garage-identificano le zone abitative della casa in cui i mujahid solitari possono trovare gli ingredienti. La cucina, o “cucina di tua madre”, è una stanza che il lettore può “visitare” per prendere in prestito zucchero, olio per cucinare, e altri ingredienti comuni. Questi ingredienti della cucina possono essere utilizzati per produrre o accelerare l’esplosione, ma “non sono di natura esplosiva” e “non destano sospetti”. Il garage, o “garage di papà”, ospita “sostanze infiammabili” come fiammiferi, batterie, fuochi d’artificio, propano e luci natalizie: questi materiali possono accelerare gli inneschi per produrre un’esplosione.

Nessuna delle due stanze è il territorio del lettore; visitando la cucina della madre o il garage di papà, i mujahid solitari “fottono” la proprietà altrui. Tuttavia, il termine “ingrediente”, connota anche familiarità; il Cuoco di AQ promette che lavorare con fuoco, acido ed esplosivi è “assolutamente semplice e lo renderemo più semplice per te”. Quindi, nominando gli ingredienti e i loro luoghi, il Cuoco di AQ consente ai lettori di raccogliere facilmente componenti per la fabbricazione di bombe – mentre disinnesca l’ansia del lettore per il lavoro che si appresta a fare, con sostanze pericolose.

Associando il processo di fabbricazione delle bombe alla pratica quotidiana della cucina, il Cuoco di AQ, offre ai lettori la capacità di raccogliere materiali adatti. Oltre a identificare i materiali adatti, il termine-ingrediente, evoca la creatività quotidiana associata al cucinare. Le istruzioni del Cuoco di AQ esplicitamente promuovono la creatività; il mujahid solitario dovrebbe “pensare fuori dagli schemi” e “essere creativo”.

“Questo è Open Source Jihad”, esorta un articolo “Sorprendi il nemico, non seguire un particolare protocollo”. L’esortazione a “essere creativi” invita il lettore a partecipare alla pianificazione del proprio attacco personale; quindi, fornisce al lettore la motivazione per agire. Il Cuoco di AQ assiste i lettori in questo senso, sottolineando le opportunità di sostituire un ingrediente con un altro. Ad esempio, “Auto-bombe dentro l’America” fornisce istruzioni dettagliate per costruire un’autobomba. Il dispositivo è composto da sei o più serbatoi di propano posizionati nel bagagliaio di un’auto. I serbatoi si collegano a un semplice circuito elettrico, che produce una scintilla per far detonare il gas. Oltre a comprendere gli ingredienti per la fabbricazione dell’autobomba, la ricetta rileva più di quattordici diverse opportunità per delle sostituzioni e dei miglioramenti. Per esempio:

È possibile utilizzare l’ossigeno da cilindri medici o di saldatura. È inoltre possibile utilizzare altri carburanti al posto del propano, ad esempio l’idrogeno, il metano o l’acetilene. Questi carburanti danno risultati migliori, se le misure di sicurezza consentono di acquistarli. È possibile raccogliere il gas in un cilindro di gas di cottura anziché in sei cilindri, purché la pressione non sia inferiore a 12 bars. Più alta è la pressione del gas più forte è l’esplosione.

Pertanto, le sostituzioni creative non consentono semplicemente al lettore di “arrangiarsi” con i materiali disponibili; possono anche produrre “risultati migliori” e un’esplosione “più forte”. Semplicemente applicando la creatività quotidiana associata al “cucinare” e alla creazione di bombe, il lettore non solo partecipa alle tattiche jihadiste, ma diventa anche un affine creativo nella ricerca di miglioramento e innovazione.

Termine chiave: Preparazione

La conoscenza tattica implica la padronanza di una serie di “gesti e passi” infinitesimali; queste “sequenze di gesti” infinitesimali costituiscono le “procedure della creatività quotidiana”. Avendo raccolto gli ingredienti necessari, il mujahid solitario affronta la sfida di assemblare in modo sicuro ed efficace un ordigno esplosivo. Fare un ordigno esplosivo è un lavoro difficile e pericoloso, i passi falsi possono produrre un dispositivo inefficace, o una detonazione prematura. Di conseguenza, la comunicazione tecnica-tattica jihadista deve trovare le parole giuste per descrivere i passi procedurali per assemblare un ordigno esplosivo efficace riducendo anche il potenziale margine di errore. Le ricette del Cuoco di AQ contrassegnano questi passaggi procedurali con la preparazione dei termini chiave.

Come ingredienti, il termine-preparazione, associa tattiche di fabbricazione di ordigni esplosivi jihadisti con la pratica quotidiana del cucinare.

La preparazione appare più di 15 volte nelle sette ricette del Cuoco di AQ; descrive la sequenza di passaggi coinvolti nella creazione di un ordigno, il modo in cui i passaggi devono essere completati (cioè, delicatamente, con cautela o rapidamente) e i concetti scientifici chiave dietro le istruzioni. Questo termine identifica anche le azioni di abitudine associate al cuocere (o “sequenze di gesti”) che possono essere associate alla fabbricazione di ordigni esplosivi e spiega concetti scientifici che i lettori possono usare per innovare e improvvisare i propri esplosivi. In ognuna delle sette ricette del Cuoco di AQ, il termine-preparazione, è più strettamente associato alla fase del termine, una parola che cattura le procedure in dettagli sensoriali concreti.

Ad esempio, la preparazione di un ordigno incendiario coinvolge due procedure dettagliate correlate: “Preparazione della lampada di accensione”, “Preparazione del timer della lavatrice”. Pertanto, il termine-preparazione, funziona come un organizzatore; aiuta il lettore a identificare i passaggi necessari per produrre un determinato risultato. Come la preparazione del termine, questi passaggi si basano su “il linguaggio usato parlando di come quando si cucina”: versare, mescolare, estrarre, riscaldare, raffreddare, macinare, prendere, misurare e rompere. Molti passaggi includono anche note sul modo in cui il “passo” deve essere completato: rapidamente, delicatamente, con cautela, o mentre si monitorano attentamente alcuni dettagli. Ad esempio, ” Come fare una bomba nella cucina di tua madre” descrive i passaggi di preparazione per realizzare un ordigno esplosivo. Istruendo il lettore a versare una sostanza infiammabile dentro il tubo, il Cuoco di AQ avverte:

Versalo delicatamente per non strappare il filamento, che è molto sensibile. Il dispositivo non esploderà se il filo è strappato … Riempi il tubo con la sostanza infiammabile. Evita di versare qualsiasi sostanza sui fili del tubo in modo che non si incendi quando viene chiuso.

Questi avverbi (cioè, delicatamente) e gli avvertimenti (cioè, evitare) descrivono il modo in cui il liquido deve essere versato. Tali avverbi e avvertimenti si ripresentano durante tutte le fasi di preparazione del Cuoco di AQ. Ad esempio, le istruzioni successive per impostare un interruttore di accensione consigliano al lettore di “rompere delicatamente” la sorgente di elettricità (una luce natalizia o “lampada”), “immergerla immediatamente” in acqua e “cautamente” rompere la testa della lampada. Queste parole trasmettono informazioni importanti: completare le fasi di preparazione con noncuranza, approssimativamente o troppo lentamente comporterà un dispositivo inefficace o una detonazione accidentale. Tuttavia, le osservazioni della preparazione del Cuoco di AQ sulla preparazione non si limitano alle istruzioni dettagliate.

L’autore spiega anche i concetti scientifici alla base delle procedure descritte nelle ricette: combustione, esplosione chimica, esplosione meccanica, attrito, forza centrifuga (FC) e il concetto di circuito elettrico. Questi concetti spiegano come e perché gli esplosivi funzionano; dotato di questa conoscenza, il lettore può ” sperimentare l’esplosione “.

I concetti di esplosione chimica, esplosione meccanica e combustione sono particolarmente importanti per le ricette del Cuoco di AQ. Questi tre concetti compaiono in tutti e sette gli articoli, dove forniscono conoscenze di base rilevanti per comprendere le fasi di preparazione. Ad esempio, nell’articolo “Distruggere gli edifici”, il Cuoco di AQ definisce l’esplosione meccanica per descrivere le condizioni ambientali necessarie per la detonazione:

Perché un gas bruci nell’aria, deve raggiungere un certo rapporto proporzionale all’aria. Un rapporto di 1 parte di gas in 9 parti di aria è sufficiente per avviare la combustione del propano. La combustione può trasformarsi in un’esplosione se i gas sono confinati e questa è definita un’esplosione meccanica. La combustione provoca la formazione di gas insieme al calore e quando questi gas non trovano una via d’uscita, la pressione aumenta e l’esplosione avviene liberando tutti i gas e il calore.

Una volta che il lettore coglie il concetto di esplosione meccanica, il Cuoco di AQ spiega come questo concetto possa servire da linea guida per la creatività e l’innovazione. Ad esempio, “Questa idea potrebbe essere implementata in diverse aree come automobili, treni, centri commerciali, fabbriche e vari edifici”. Oppure, il lettore può basarsi sul principio delle esplosioni meccaniche per costruire un “ordigno più grande e più letale”. Mentre le fasi di preparazione semplicemente limitano la realizzazione di una dato ordigno, la conoscenza dei concetti scientifici libera i lettori dall’aderire a specifici passaggi e consente loro di introdurre un certo grado di “pluralità e creatività” nel processo.

Termine chiave: Tempismo

Le tattiche dipendono da un “uso intelligente del tempo”: riconoscere “l’istante preciso” per intervenire, rispondere alla “rapidità dei movimenti” in una situazione di dispiegamento e riconoscere potenziali “intersezioni” di movimenti e schemi delle persone. Una volta che il mujahid solitario ha un ordigno esplosivo, deve trovare il momento giusto per farlo esplodere in un attacco terroristico. Questo passaggio implica molte considerazioni: osservare le “condizioni generali”, riconoscere opportunità per produrre “causalità”, ma “non attirare l’attenzione” delle forze dell’ordine, prima che la bomba esploda. Per dotare gli individui non affiliati, della capacità di attuare attacchi terroristici, la comunicazione tecnica-tattica jihadista deve affrontare il problema del tempismo.

Le ricette del Cuoco di AQ coltivano questa consapevolezza tattica del tempo fornendo suggerimenti su come scegliere “il momento giusto e le circostanze appropriate” per far esplodere una bomba. Il termine chiave-tempismo, ricorre nelle sei ricette del Cuoco di AQ; dove appaiono, in evidenzia i fattori chiave relativi alla tempistica. Pertanto, il termine-tempismo, funziona come uno “schermo terminologico” che aiuta il lettore a identificare i momenti opportuni, adattare le tattiche alle condizioni sul terreno e ad immaginare le conseguenze a lungo termine di queste azioni. Nelle ricette del Cuoco di AQ, i tempi si riferiscono sempre ai tempi di un’esplosione o detonazione. Proprio come un tattico è “sempre in guardia per le opportunità che devono essere conquistate sulle quinte “; i mujahid solitari cercano opportunità per trasformare un evento ordinario – una sfilata, una competizione sportiva, un incontro pubblico, e così via – nel scena di un attacco terroristico.

Il termine tempismo- è particolarmente associato a tre fattori importanti che i mujahid solitari devono considerare: il tempo, le folle e gli eventi. Ad esempio, le istruzioni della bomba incendiaria del Cuoco di AQ richiedono un attento allettante vantaggio di “condizioni atmosferiche” favorevoli come secchezza e vento. Queste condizioni sono particolarmente “adatte … per la conflagrazione”. L’articolo “La tua libertà di innescare una bomba incendiaria” fornisce un elenco di indizi che il lettore dovrebbe consultare quando pianifica i tempi di un attacco:

(1) Guardare la trasmissione di notizie sulle aspettative di rete.

(2) Restare aggiornati con le notizie dei quotidiani. Ci sono anche riviste scientifiche che studiano il clima di ogni paese.

(3) Internet include una grande quantità di informazioni relative al clima.

Sempre nell’articolo “Auto-bombe: Campo dati”, il Cuoco di AQ consiglia ai lettori di osservare le scene della vita quotidiana nel loro paese d’origine: “Conosci il nemico in maniera migliore, se vivi all’interno del tuo paese”. Alcuni eventi ricorrenti creano condizioni particolarmente favorevoli per il tempismo. Ad esempio, nel Regno Unito:

Hai gli stadi di calcio, specialmente durante le partite di Premier League e FA Cup. Hanno copertura mediatica in tutto il mondo. Il momento migliore è dopo il fischio finale, quando enormi folle lasciano lo stadio e festeggiano attorno agli ingressi.

Evidenziando i fattori rilevanti per i tempi di un attacco (ad esempio, meteo, eventi e folle), il Cuoco di AQ consente ai lettori di identificare “il momento e il luogo giusto” per un attacco terroristico. Il lettore “fotte” sugli schemi temporali della vita quotidiana per cogliere un momento opportuno per la detonazione. Oltre ad affrontare i fattori contestuali relativi ai tempi, il Cuoco di AQ specula anche sulle ripercussioni a lungo raggio di un attacco. La domanda “Perché?” Segna un passaggio da considerazioni di intervallo immediato:

Ma prima di chiedere come, chiediamo perché? È perché Allah dice: Se combatti per la causa di Allah, non sei ritenuto responsabile tranne che per te stesso. E se ispirerai i credenti a unirsi a te, forse Allah reprimerà la potenza militare di coloro che non credono. E Allah è più potente e più forte nella punizione esemplare [an-Nisa: 84].

Qui, la partecipazione del lettore è fondamentale per ottenere conseguenze a lungo raggio per i nemici di AQAP: le tattiche jihadiste prendono slancio ispirando gli altri a “unirsi”. Sempre nell’articolo ” Causando incidenti stradali”, il Cuoco di AQ delinea le ripercussioni a lungo termine di un attacco:

Perché gli incidenti stradali? L’obiettivo è, Inshallah, che se un numero sufficiente di musulmani adempie all’obbligo della jihad, le compagnie assicurative Kuffar saranno così stanche del terrore causato e del denaro sprecato da queste semplici operazioni che faranno pressione sul loro governo per fermare la tirannia contro i musulmani. Queste operazioni rientrano nell’ambito delle operazioni di deterrenza.

Sebbene le tattiche terroristiche abbiano il potenziale per influenzare le operazioni strategiche del “governo”, questo potenziale può essere adempiuto solo se il lettore segue le istruzioni e ispira gli altri a farlo. Se un numero sufficiente di lettori partecipa alle tattiche jihadiste, le persone colpite da queste tattiche “spingerà il governo” a cambiare le politiche governative (cioè le strategie) che riguardano i “musulmani”. Naturalmente, queste osservazioni implicano che gli individui colpiti possiedono i mezzi per “premere” sui loro governi, su questioni importanti (vale a dire, votazioni, lobbismo, attivismo sociale, ecc.). Quindi, a lungo termine, le istruzioni del Cuoco di AQ indeboliscono le strutture democratiche occidentali.

Insieme, i termini chiave-ingredienti, -preparazione e -tempismo, sono stati presi a prestito dal “linguaggio che si usa per parlare di cucina”. Come illustrato sopra, questi termini non sono semplici metafore superficiali. Le istruzioni del Cuoco di AQ mobilitano ingredienti relativi alla cucina, attrezzature, spazi, passi e tattiche per insegnare il processo di creazione di uno IED. Nella visione retorica del mondo del Cuoco di AQ, la cottura e la fabbricazione di ordigni esplosivi, diventano processi consustanziali. Per gli aspiranti mujahid, questa associazione tra cottura e fabbricazione di ordigni esplosivi funge da catalizzatore; colma le divisioni create dalle strategie istituzionali, trasmette la conoscenza tattica in termini accessibili e motiva la partecipazione del lettore. Per il lettore alienato che rifiuta il messaggio di Inspire, l’associazione stessa produce una reazione di paura. In un mondo in cui costruire ordigni è facile come cucinare, le tattiche terroristiche minacciano di interferire con la vita di tutti i giorni. Nella visione del Cuoco di AQ, questa paura spinge le persone a “premere il loro governo” per cambiare le politiche che riguardano i “musulmani”. Quindi, nella visione del mondo del Cuoco di AQ, le tattiche jihadiste vincono sempre, indipendentemente dal fatto che un lettore segua le istruzioni e agisca.

METODI CRIMINALI-MAFIOSI DELLA “BANDA DELLA MAGLIANA” (MISANTROPIA ATTIVA ESTREMA)

http://ferox.torpress2sarn7xw.onion/2017/01/30/nechayevshchina-guerra-occulta/

https://web.archive.org/web/20170914205511/http://orode.altervista.org/nechayevshchina-guerra-occulta/

Postiamo un “vecchio” testo del Capo della Nechayevshchinaed, che andava ad approfondire una serie di dinamiche in quella che è stata chiamata giornalisticamente “Banda della Magliana”. Gruppo specificatamente Mafioso-malavitoso, che negli anni 70 e in poi, conquista Roma e dintorni, con metodi, che in quegli anni, sorprendono molti della vecchia mala. Attaccando concentricamente con assalti armati, omicidi, gambizzazioni, ordigni esplosivi, incendi, spregiudicatezza, e con quello che i “campioni di eticità,” chiamano amoralità, fanno crollare il vecchio sistema di valori della mala romana, ribaltando l’assioma, che non si “uccide”, se non per difesa, si rispettano gli spazi degli altri, non si usano altri soggetti per fini personali, e non si usa quella che viene chiamata “vendetta trasversale”. La vendetta trasversale, è stata (è viene) usata contro quelli che primariamente si pentono, si redimono, i vari “Trentadenari” (la maggior parte delle volte in senso giuridico, con la legge penale sul pentimento), che tradiscono la fiducia del clan, del gruppo criminale, dei loro affini…e nonostante sia sfumata quella singolare esperienza che fu la “Banda della Magliana” ( quasi tutti i componenti riconosciuti sono stati uccisi in agguati tra rivali, o sono in carcere con decine di anni da scontare..), Noi la pubblichiamo, come riferimento per quei gruppi Terroristici e Anti-politici, che approfondiscono e sperimentano atti e attentati amorali, e oltrepassano la falsa dicotomia morale…

Ghen

_____

“Non vedo, non sento, non parlo”

Frammento dopo frammento, con i vecchi e passati opuscoli sulle Sette e i Clan Nichilisti e Terroristi, editati dalla defunta casa editrice “Nechayevshchina” si va a delineare un corpus Unico (termine dal significato di “origine”), del Terrorismo Nichilista Ego-Arca, e il suo modus operandi, la sua estraniazione da ogni altro tipo di “Nichilismo”, che possa essere o sembrare contiguo alla Tendenza di cui sopra.

Lo devo ripetere, e mi fa piacere “farlo”, il Terrorismo Nichilista Ego-Arca, non ha nulla a che fare con l’idealismo-politico nichilista, il nichilismo filosofico, o quello populista russo.

Con questo, e specifico di nuovo, non significa, che non ci possa esserne l’influenza o il godimento di un preciso significato (vedere il mio A.k.a.), o comunque si sia preso un pezzo di questi “nichilismi”, per appropriarsene. E qua rimando all’amoralità di quello che si vuole possedere.

Io Nechayevshchina, prendo a mio piacimento, un I-dea, pur non rappresentando la Mia tendenza, estrapolandone il significato totale che non appartiene a me, e facendolo mio. Esempio è stato la traduzione dell’Affine di sangue “Ghoul”, sul metodo o l’uso del “Perossido di acetone”, per i propri progetti Terroristi di gruppi o Individualisti, testo preso dalla rivista di Al Qaeda “Inspire”.

Potrei dire, che l’azione Nichilistica in russia, per la sua veemenza, per la sua guerra a morte, contro lo Zar, può avermi dato un pezzo d’idea, che è associato all’idea di agire senza “fare ricorso”, fino alla fine.

Posso dire che “Volontà di potenza” di F.Nietzsche, mi ha dato la possibilità di approfondire, e sperimentare, la distruzione dei codici del valore comune, valori come l’umanesimo, la democrazia, il socialismo e l’anarchismo, il soggetto e l’oggetto, le valutazioni morali,la logica e la ragione, la coscienza, gli studi scientifici,l’anti-darwinismo,ecc..

Posso affermare che la Tendenza Anarco-Nichili-sta, può avermi fatto da “strada” per carpire la differenza e l’enorme divario, avvenuto tra la Tendenza Terrorista Nichilista e la “loro”,facendomi approfondire, pur specificando, che alcuni gruppi o cellule hanno la mia affinità Egoica, quando hanno colpito in maniera indiscriminata (poniamo l’esempio di alcune cellule della prima FAI in italia, prima di espandersi in maniera internazionale).

Pongo tutto questo, per specificare, che Io Nechayevshchina, non mi sento soggetto a nessuno, e a nessuno e niente devo chiedere, cosa posso prendere,e me fotto altamente il cazzo, se un idea che espongo, può o no assomigliare, a qualcosa che già c’è stato.

E allora con questo? Dovrei rinascere prima di tutto questo per “dirmi” qualcosa di originale?

Da questo posso affermare fieramente che il Nichilismo che ho originato è Terrorista ed Ego-Arca, perché Io ho voluto che fosse cosi, e non perché i vari rivoli di Nichilismo di cui sopra, mi possano ad aver portato a formarlo. In breve: come se fosse solo una scopiazzatura!

La mia affinità più feconda e di sangue, e vero sangue, di brividi di morte, di battito del cuore accelerato, di sorriso demoniaco, per gli attentati,prodotti, è con il Terrorismo Eco-estremista, in questo mondo morto! Il resto, può essere solo cibo per i vermi.

Con questa premessa, voglio andare, sull’esempio del “Perossido di acetone”, ad approfondire le tecniche e le tattiche di un gruppo criminale mafioso, sorto nei primi anni 70, denominato “Banda della Magliana”.

La Banda della Magliana- prende il nome dal quartiere situato nella parte sud-ovest di Roma, anche se c’è da specificare, che il nome in se, è stato dato dai giornali. Poiché il gruppo si forma attraverso malavitosi che appartenevano a varie “batterie”dell’epoca ( le batterie erano quei gruppi informali -in primis di rapinatori, che non avevano una struttura fissa, come quella della malavita organizzata. Erano più, degli Individui affini, ma sempre indipendenti, che si formavano per una rapina e poi potevano anche sciogliersi senza vincolo gerarchico). Questi gruppi possono essere -in maniera semplificata- ricondotti ai “Testaccini” (dal nome del quartiere “Testaccio”), da quelli della “Magliana”, dal gruppo di Acilia/Ostia ( area metropolitana di Roma).

Nel condensarsi tra loro, e con l’approccio con cellule della Mafia Corleonese, ivi in loco, e con il gruppo “Nuova Camorra Organizzata”, questo gruppo assume un “atteggiamento” mafioso, nella sua strutturazione.

Perché in questo frammento parlo di questo gruppo malavitoso mafioso?
I motivi di approfondimento possono essere innumerevoli:

1– L’idea di vincolo associativo, che rimanda a l’idea Ego-arca, contestualizzando il tutto, dentro una metropoli come Roma, dove per dinamiche specifiche, non era mai assurto un gruppo cosi, che nel volgere di poco tempo conquista le piazze di spaccio e il controllo del territorio, e che rimanda alla conquista o il modus vivendi, della Mafia Corleonese a Palermo, che pero – per ragioni storiche e di humus culturale, aveva appunto una più ampia “facilità”, nel poter fare questo.

2– Per la continua guerra di aggressione a chi in quel momento controllava uno o più quartieri, per imporre il proprio predominio egemonico, sugli altri.

Guerra, che a differenza della vecchia malavita romana, si distinse, per l’efferatezza dei mezzi usati, come l’omicidio sistematico dei nemici, le bombe piazzate, la violenza selvaggia e Nichilistica, come premessa per il totale dominio della Roma per Male.

3– L’idea di affinità di sangue, contraria a un blando mito della solidarietà promiscua, dell’amicizia, dello stare semplicemente “bene insieme”. Aspetti, che non hanno nulla a che fare, con il sangue, con il vivere criminalmente in simbiosi, rimanendo brutali, e sentendo il fremere della vita e della morte, della Possessione, come qualcosa per cui attaccare.

4– L’azione indiscriminata per arrivare al proprio obiettivo, per far sì, che la propria organizzazione possa continuare, a vivere e dominare, sul resto, fino a che una fine Nichilistica, non spazzi tutto via, com’è nata.

Tutto questo darà brividi di orrore, antipatia cristiana, odio risentito, accuse “umane troppo umane”, di fascismo, intolleranza, idea borghese della vita, ecc..e cosi sia, me ne fotto!

Portiamo l’esempio dell’omicidio di un malavitoso,che in quel momento, controllava l’ippodromo di Tor di Valle, luogo che faceva gola al gruppo, oltreché, era un soggetto nemico di alcuni promotori dell’associazione mafiosa “Banda della Magliana”, da poco costituitasi.

Al soggetto in questione denominato “Franchino er criminale”, viene fatto l’agguato e eseguito come banco di prova, per i componenti della “Banda”, e anche per stabilire il proprio iniziale “tacco” su Roma, portando a tutti l’idea che “l’aria era cambiata”.

La sera del 25 luglio 1978, nel momento in cui la gente esce dall’ippodromo, due macchine della “Banda”, situate nel parcheggio antistante, attendono il “già morto”, e due di essi al suo giungere presso la sua macchina, lo eliminano con 9 colpi di pistola.

Con questo esempio cosa voglio dire?

Questo esempio di azione criminale anti politica, va a situarsi in un percorso, che specifica a chi legge, cosa significa un patto di sangue, cosa può essere la presa di possesso di un omicidio, il ribaltare il quotidiano vivere che da idea diventa prova. Prova che cementifica i rapporti, in un gruppo, che si uniscono in un Abisso, senza luce, che amplifica il proprio Potere di Dominio, sia sui nemici, che come influenza verso chi è affine a tali pratiche.

Inoltre rende un idea di valutazione morale, come qualcosa che in quel momento cade in un vortice di dubbi e incertezze, in un pensiero troppo abituato al normale svolgersi delle cose che si leggono o sentono.

Ribalta il bene con il male, diventando il nulla nichilistico, dove non c’è un appiglio certo, perché un azione destabilizzante disintegra completamente – oh almeno in quel momento- la struttura della società.

L’omicidio, un omicidio per predominare, ma anche per cementare un vincolo associativo, è una prova, una prova che deve sperimentare, arrivare al nucleo della vita, per dare morte, per avanzare, sapendo di avere dentro se stessi, preso una vita, posseduto il suo spirito morente, omicidio che serve, come afflusso di brutale amoralità, e che spezza e infrange il dissidio con il presunto dominio della coscienza cristiana.

Con tutto questo, Io Nechayevshchina, parlo esclusivamente di metodo e fine, e non per forza di grandezza di un gruppo, specifico che l’uso brutale di un sistema, può imprimere molto a chi vi-ve queste cose, ed è anche pratica malavitosa per avanzare dentro se stessi, senza per questo essere in “mille”.

Continuiamo con l’uso strategico amorale che serve per continuare a vivere e prosperare con la propria tendenza Terrorista:

Nel momento dell’aumento delle armi nella “Banda della Magliana”, perché in guerra -o da affrontare- con altri gruppi criminali, c’era il proposito di doverle nascondere in un luogo sicuro. Uno dei componenti della “Banda”, tramite un suo conoscente, riesce ad avere un contatto con il custode del Ministero della Sanità, presso cui – tramite compenso mensile- vengono depositate le armi, in uno o più scantinati.

Custodire delle armi, in un luogo dello “Stato”, è come avere una certezza in più di colpire i nemici, nel momento di brandire le armi.

Chi andrà a pensare, che un gruppo malavitoso in espansione, ma con i membri ben conosciuti per i loro trascorsi criminali, possa tenere le armi in un luogo dello “Stato”?

Questo, quest’avvenimento, lo pongo attraverso, e ancora, sotto l’ottica dell’Egoarchia.

Non è solo “l’aggancio”, a permettere, di depositare le armi in un Ministero, ma è l’attitudine del fine con il mezzo, che porta la “Banda” ad avere questa grandiosa possibilità (nessuno di voi lettori ha un sogno come questo?).

Attitudine di amoralità verso gli altri, il prossimo, del rapporto Egoista tramite la “cagnotta” al custode, ma Ego-Arca, come utilizzo gerarchico di un Individuo rispetto a uno della moltitudine.

Nel momento in cui, a un gruppo che si definisce organizzato, e che ha precise regole al suo interno, si viene a delineare, il proposito di agire per la conquista e il dominio di un mondo o proprio mondo, a quel punto si “affaccia”, la coscienza, che se preme troppo, porta alla morte oh dei componenti, o della stessa struttura organizzativa. Con questo, specifico, che parlo come esempio,ma porto alla luce, la condotta della “Banda” , che amoralmente, sfrutta a suo vantaggio – una conoscenza, per depositare le proprie armi, e non lo fa esclusivamente come movimento tattico, ma in un più ampio disegno criminale, di strategia e sopravvivenza, agendo, di nuovo, attraverso un metodo amorale, per arrivare a un fine.

E questo il segreto che custodisce il Criminale Amorale, che ha un gruppo Terrorista: il fine, da raggiungere, modo e metodo, che sa bene, deve essere raggiunto, con tutti i mezzi, senza doversi chiedere cosa è che la moltitudine ritiene “rispettoso”.

Naturalmente sempre sotto un’ottica primariamente Egoista, per cui specificatamente accettata come il più valido metodo per arrivare a un fine. E non quindi un mezzo generico per un fine promiscuo.

Nell’avanzare nel loro dominio sulla metropoli di Roma, nell’acutizzare il proprio distacco e superamento da una logica di assuefazione alla “comoda” vita criminale, e con l’incrinarsi di rapporti, per l’avanzamento di una parte della “Magliana” rispetto a un’altra, avvengono vari omicidi, e uno tra questo, quello di un importante leader della frazione di “Acilia/Ostia”, considerato uno dei leader della Banda, ma non per questo non è affrontato e ucciso per motivi di predominio interno al “gruppo“.

A Me interessa, come questo intero capitolo, andare ad approfondire, quello che è la sperimentazione in un contesto criminale amorale, per prenderne il “Possesso” in un contesto di Setta/Gruppo Terrorista.

Nella realtà il Selis (leader della fazione “Acilia/Ostia), è ucciso in maniera strategica dato che all’incontro porta il cognato: i due si incontrano con il resto della Banda, per il contenzioso, inizialmente alla Fiera di Roma, e poi visto che il cognato si separa, una moto segue quest’ultimo, e il primo viene portato in una villa di uno dei componenti della Magliana, e la ucciso. Nel frattempo anche il cognato è ucciso (strategicamente “aveva visto troppo”), ma il corpo di Selis, è fatto sparire, e interrato, azione strategica, che permette al resto del gruppo, di non essere sottoposto a mandati di cattura, o a arresti preventivi.

Terminando questo capitolo, sui metodi e le strategie della “Banda della Magliana”, devo dire che è sola una minima parte, ma il mio, era esclusivamente, il portare un certo tipo di tecniche, per approfondire e sperimentare.

Nel frattempo, tra omicidi, alcuni pentiti,e altro, il sodalizio criminale mafioso, scompare, o occultamente, diventa più diversificato, annettendosi, ad altri emergenti criminali.

UN’INTRODUZIONE ALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE TERRORISTICHE

https://abissonichilista.altervista.org/wp-content/uploads/2019/02/KH-A-OSS-VII.pdf

Nota introduttiva: Allo stesso modo dell’intro alla Mafiosa Crew DeMeo, anche questo testo rappresenta un interessante approfondimento per quelli che come Noi, non negano l’autorità, aspetto che ha un significato dalle molteplici facce. Il termine molteplice qua usato per esemplificare, non ricade mai nell’idea di aspetto polimorfico. Dunque, è usato in maniera chiara e diretta per specificare che-chi-come Gruppo Terroristico Anti-politico, non nega l’autorità, ha una specifica connessione con essa, e ha scelto una struttura peculiare propria, che possiede e difenderà fino alla morte. Come già affermato dall’Affine Nicevscina, non c’è nessun male e nessun bene nell’uso dell’autorità, dato che come leggiamo sotto, le strutture utilizzate dai Gruppi Terroristici, ricalcano quello che abbiamo innumerevoli volte esposto: non ci sono limiti nell’agire, se un gruppo vuole attaccare a coltellate e con i machete- in maniera indiscriminata- delle persone per strada lo farà, se un gruppo vuole farsi esplodere con la propria autobomba contro l’obiettivo egoico lo farà, se i componenti di un gruppo- vogliono attaccare con armi e esplosivi il proprio obiettivo egoico e poi dopo, aspettare di essere ammazzati, lo faranno, ma nessuno può negare che se un gruppo vuole continuare ad attentare, debba per questo usare mille e una strategia, senza che questo diventi legge scritta nella pietra. Tutto è permesso e dunque non esiste nessuna verità scritta da chicchesia. Il Dibattito Amorale, innescato sull’uso dell’Autorità, ha portato in pochi anni, a ribaltare le patetiche prese di posizione degli “umanitaristi anti-autoritari”, con approfondimenti e specifiche di alto livello. Il termine molteplice, quindi è stato usato, non perchè neghiamo le specificità, ma per essere dei diretti interlocutori del testo presente. Senza parafrasi troppo complesse. Le strutture organizzative che sono poste nel testo che segue, sono molto interessanti, è anche per i“piccoli” Gruppi Terroristici Anti-politici, hanno dei buoni spunti, che possono essere usati, in contesti diversi tra di loro.

La considerazione generale è che ci siano quattro forme di strutture utilizzate dai Gruppi Terroristici: la gerarchia convenzionale, le cellule, la rete di gruppi e la resistenza senza capi. La decisione di utilizzare uno di questi modelli si basa sul compromesso sicurezza / efficienza di ciascuno di essi; la gerarchia convenzionale fornisce la sicurezza più efficiente e meno sicura, la resistenza senza capi il contrario: massima sicurezza, minima efficienza. Previamente vale la pena affermare che alcuni Gruppi Terroristici proibiscono di essere collocati in un’unica categoria; il termine “confini sfocati” è usato per descrivere quelle organizzazioni che trasgrediscono le demarcazioni dichiarate. Ad esempio, Hezbollah utilizza una gerarchia convenzionale in Libano, pur mantenendo delle reti di gruppi in Occidente.

Lo scopo di questo articolo è di spiegare brevemente queste strutture.
Per inoltre fornire alcuni esempi di come sono stati implementati da vari gruppi (il calcolo di sicurezza / efficienza presentati dopo ogni variante sono puramente indicativi).

Gerarchia convenzionale (Sicurezza: 1, Efficienza: 4)

Audrey Cronin ha sostenuto che tutti i gruppi terroristici vorrebbero, in un mondo ideale, utilizzare la struttura gerarchica convenzionale, tentando così di attraversare il confine in una piena insurrezione. Una simile struttura equivale all’imitazione della gerarchia impiegata dalle forze militari moderne: la forma piramidale è popolata in basso da soldati (semplici), gestiti dal loro ufficiale (caporale) e così via fino alla cima della piramide dove ci sono gli alti comandi (generali). L’utilizzo di una tale struttura fornisce un’organizzazione con la massima efficienza (questa forma favorisce la specializzazione delle unità dentro, ad esempio, l’intelligence, il reclutamento, nei fondi e nel supporto), facilità di trasferimento delle informazioni e consente di imporre una strategia coerente a lungo termine. Riguardo alle organizzazioni basate sull’ideologia, aiuta l’unità ideologica tra i suoi membri – una questione importante data la necessità di mantenere tale unità all’interno di questi gruppi. I punti deboli di questa struttura sono stati opportunamente discussi da Beam (un nazionalista bianco Americano), sebbene con riferimento alla sovversione dello Stato Americano.
Beam sostiene che un tale sistema è estremamente pericoloso quando è utilizzato contro uno stato, specialmente in questa era di sorveglianza elettronica: se lo stato si infiltra o comunque compromette l’organizzazione ai livelli più alti del comando, l’intera entità viene compromessa. Allo stesso modo, se l’alto comando viene ucciso o catturato, c’è una possibilità molto reale che il gruppo si disintegri. Quindi, un costrutto organizzativo più sovversivo è di maggiore utilità per un Gruppo Terroristico che cerca di rimanere in piedi di fronte alla “Guerra al terrore”: l’antico Esercito Repubblicano Irlandese (IRA) e le Tigri di Liberazione del Tamil (LTTE) forniscono buoni esempi dell’uso di questa struttura.

Cellula (Sicurezza: 2, Efficienza: 3)

La struttura della cellula incorpora una rete all’interno di una gerarchia. Ogni cellula (generalmente composta da tre a dieci individui) possiede un membro (“X”) – di solito il Capo – che mantiene il contatto con l’alto comando dell’organizzazione. Spesso solo un elemento del comando avrà contatto con X, e X non avrà generalmente conoscenza di altre cellule o di altri membri dell’alto comando. Se X è compromesso, le informazioni che è in grado di fornire sono chiaramente limitate: mentre la sua cellula sarà probabilmente resa inoperante, non sarà in grado di fornire dettagli di altre cellule, né sarà in grado di fornire dettagli dell’alto comando, oltre al comandante con cui ha avuto a che fare. Allo stesso modo, se un membro della cellula di X viene compromesso, l’unica informazione che possono fornire è quella della loro cellula e X.

Mentre l’alto comando viene rimosso dal contatto con i suoi componenti, questa struttura soffre dello stesso problema con quello della gerarchia convenzionale: se l’alto comando viene compromesso, l’intera organizzazione potrebbe cadere. Beam scrive che “il funzionamento efficiente ed efficace di un sistema di cellule … dipende […] dalla direzione centrale, che significa organizzazione imponente, finanziamento dall’alto e supporto esterno”.

Il comando centrale deve mantenere la presa su ogni singola cellula al fine di mantenere l’unità strategica e quindi rimuovere la possibilità che le cellule agiscano da sole, danneggiando potenzialmente l’organizzazione nel suo complesso.

Il comando centrale deve mantenere la presa su ogni singola cellula al fine di mantenere l’unità strategica e quindi rimuovere la possibilità che le cellule agiscano da sole, danneggiando potenzialmente l’organizzazione nel suo complesso.

Ad esempio, dire che una cellula traditrice di Al Qaida era responsabile dell’11 Settembre. Gli Stati Uniti probabilmente avrebbero risposto di nuovo con un attacco contro l’intera infrastruttura di AQ, anche se l’attacco non era partito dall’alto comando.

Rete di gruppi (Sicurezza: 3, Efficienza: 2)

Una struttura di rete organizzative comprendono numerosi nodi / cellule connesse / interconnesse in modi diversi. Le variazioni di tali reti, ciascuna con diversi livelli di sicurezza ed efficienza, possono includere:

1) Un concatenamento

Un percorso lineare: A – B – C – D – E. Affinché un messaggio arrivi da A ad E, deve passare attraverso B, C e D.

2) Un fondamento cardine

Un nodo funge da fondamento/cardine per tutti gli altri nodi: A è collegato a B, C, D e E. Ma B fino a E: non hanno alcuna connessione tra loro. Se B desidera inviare un messaggio a E, deve passare attraverso A. Questo non equivale che A sia la cellula principale, ma semplicemente la cella fondamento/cardine.

3) Riferimento centrale

Lo stesso che per la rete fondamento/cardine, ma qua ogni cellula ha un contatto con le due cellule vicine oltre a A (il nodo centrale). Quindi, a parte A, B si dovrebbe collegare con E e C; C con B e D; D con C e E; E con D e B.

4) Tutti le reti

Ogni nodo è connesso con tutti gli altri: A è collegato a B, C, D e E; B a A, C, D, E; C a A, B, D, E; ecc.

Tali strutture determinano il decentramento del processo decisionale, consentendo l’iniziativa di ogni cellula e rendendo quindi impossibile far cadere l’organizzazione in un colpo solo. Come spiegano Arquilla, Ronfeldt e Zanini, una tale struttura organizzativa può sembrare allo stesso tempo acefala (senza testa) e poliforme (a più teste).

I punti della rete dei gruppi con maggiore connettività indicano la loro importanza (quindi, ad esempio, se una rete “punto nodale” è posizionata come nell’esempio sopra, il selezionatore degli obiettivi A, può fornire il massimo effetto sulla capacità operativa).

Le strutture della rete dei gruppi, pur beneficiando di una sicurezza molto maggiore rispetto alle strutture gerarchiche / cellule convenzionali, soffrono di una scarsa efficienza data la difficoltà di diffondere un messaggio a tutti i membri della rete, con chiare implicazioni per l’unità organizzativa e la coerenza strategica. Questo, tuttavia, non toglie la pericolosità che una tale struttura pone.

Resistenza senza capi (Sicurezza: 4, Efficienza: 1)

L’ultima struttura analizzata da questo testo è la più sicura e meno efficiente. Un video di reclutamento del Fronte di Liberazione della Terra (ELF) lo descrive perfettamente: “Ricorda, l’ELF e ogni cellula al suo interno sono anonime non solo l’una all’altra ma al pubblico in generale”. Nella più vera forma di resistenza senza leader non c’è contatto tra le cellule e / o il comando centrale. Tuttavia, data la diffusione di Internet e la facilità della comunicazione internazionale, un requisito così limitato risulta indebolito (vedi le classificazioni del lupo solitario di Pantucci).
Una tale struttura (o, più appropriatamente, una mancanza di essa) pone le maggiori difficoltà alle agenzie antiterrorismo data la minima connessione tra l’organizzazione (o il propagandista dell’ideologia) e il protagonista che commette l’atto terroristico (sottoscritto all’ideologia). Come per le reti di gruppi, questa forma di struttura è incalcolabilmente aiutata dagli sviluppi nella tecnologia dell’informazione (la trasformazione del terrorismo da “vecchio” a “nuovo”, si veda Neumann).

Una tale struttura è altamente sicura; è quasi impossibile sapere quali lettori di un sito web sono stati radicalizzati e se se sono mai arrivati a commettere un atto. Ma la mancanza di controllo su tali protagonisti, può essere incredibilmente dannosa.
Se un membro di una rete ideologica commette un atto in nome di un gruppo specifico, influenzando negativamente il sostegno pubblico di detto gruppo, il gruppo non può dissociarsi dall’atto, indipendentemente dalla sua mancanza di partecipazione o sostegno, dell’atto. Inoltre, dato che l’organizzazione che diffonde l’ideologia non ha alcun controllo sul suo movimento ideologico, un simile movimento potrebbe disintegrarsi a causa della mancanza di sviluppi: queste cellule dormienti potrebbero non svegliarsi mai dal loro sonno.

Un esempio di individuo della resistenza senza capi potrebbe essere Roshonara Choudhry.