ROTTING CHRIST: “P’UNCHAW KACHUN – TUTA KACHUN”

Portando la spada – l’ammirazione – della legge dell’altare
Lascia che il sangue scorra – nella valle – di dolore infernale
Dai spettacoli di dolore – la tua forza – del mio mondo degli inferi
Lascia che la lama apra – il loro percorso – verso il mondo dell’oltretomba

Ombre dell’infiero- ombre del fuoco- ombre del morto
Ombre di nero- di fuoco- di un morto

Affilo la mia spada – il simbolo – del mio mondo oscuro
Lodatemi come un dio – come il sovrano – del vostro mondo terrorizzato
Guarda la corona – e dichiara – la tua parola desiderata
Lascia scorrere il sangue, lascia che fluisca- fallo espirare
Ombre dell’infiero- ombre di fuoco – ombre dei morti
Ombre di nero – di fuoco – di morto

Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Ombre dell’infiero- ombre dell’infiero
Dell’infiero- del morto- di fuoco
Di morto- di fuoco- dell’infiero
Di fuoco- dell’infiero- del morto
Di morto- del morto- di un morto

Supai maestro- Supai padre – Era nera- Supai maestro

Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Ombre dell’infiero- ombre del fuoco- ombre di un morto
Ombre di nero- di fuoco- del morto

_____

Bring me my sword – the awe – of the altar’s law
Let the blood flow – in the valley – of infernal woe
Leave pain shows – thy might – of my underworld
Let blade dawn – their path – to the netherworld

Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – de fuego – de muerto

I sharpen my sword – the symbol – of my obscure world
Praise me as a god – as the ruler – of your scared world
Look at the crown – and declare – your desired word
Let the blood flow – let it flow – let it blow
Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – del fuego – de muerto

Chorus
Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Sombras de infiero – sombras de infiero
Del infiero – de muerto – de fuego
De muerto – de fuego – del infiero
De fuego – del infiero – de muerto
De muerto – de muerto – de muerto

Supai master – Supai father – negra era – Supai master
Chorus
Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – de fuego – de muerto

GOATCHRIST: “IL VOLO DEL TRIUMVIRATO A NIPPUR”

Sotto una luna antica,
Un trio consultò il cielo;
“Il Signore del vento chiama dal suo ziggurat,
In questa notte tormentata “.
Magister Quiblis, saggio e previdente,
Scorgendo i suoi fratelli in una luce così sbiadita,
E così sono fuggiti.

Una stella brillante è morta al di sopra di questi tre consacrati.
I fratelli magici ha iniziato la loro odissea.

“Verso Nippur cavalchiamo”, ascolta J’amaek, meno esperto del gruppo,
All’istante, tutti montano, correndo su uno zoccolo incrinato,
Benché fosse una grande distanza dalle pianure desolate di Eshnunna,
La loro paura crebbe mentre i loro cuori si allontanavano dall’incantesimo di Tišpak.

Enlil!

“Alla possente fortezza di Fi-Irn-Bar-Sag,
Questo luogo è dove abita la nostra essenza.
Beelzebub (BAEL)
Guidaci verso la tua verità.
E benedici la nostra riverenza con gioia immacolata

Signore del Vento e dell’Aria – liberaci alla tua presenza,
Padre di Nanna e Nergal – guidaci!
Al tuo palazzo di pietra, torniamo.
Per adorarti attraverso riti più oscuri – il maestro di Ur.
Enlil-Ninlil
Zi Dingir Anna Kanpa!
Enlil-Ninlil
Agita le acque sottostanti.
Absu – TIAMAT.
Dolce e salato si fondono!
Concedici il tuo potere visivo
Beelzebub:

Di soppiatto nella notte in cui siamo vissuti,
Quiblis, J’amaek e Vvorth.
Cinque vampiri avevano attraversato i piani,
cercavano il sangue di questi maghi.
Mentre strisciavano sul caravan nel cuore della notte invernale.
Quiblis lanciò su di loro un incantesimo e li bandì dalla luce.

Una brillante stella ora brillava sopra questi tre consacrati.
I fratelli maghi avevano iniziato la loro odissea,
Proseguirono verso la città di Nippur,
Per adorare BEELZE- [BUB]; il Gran Maestro di Ur,
Harkened.

“Alla possente fortezza di Fi-Irn-Bar-Sag,
Questo luogo è dove abita la nostra essenza.
Beelzebub (BAEL)
Guidaci verso la tua verità.
E benedici la nostra riverenza con gioia immacolata