ABSCONDITUS: “HYBRIS SUL BORDO DEL PRECIPIZIO”

Un luogo di perdizione, prodotto dalla geenna mentale
Ripidi rilievi di visioni spettrali e paure abissali

Si innalza una cattedrale di fango, vittoriosa
Le frecce ornate con polverose e familiari chimere

O tu, Titano dell’odio, ascolta il mio grido di sgomento
La tua esistenza è il crudele stigma della mio fallimento

Il vigliacco assurdo riemerge dal nulla
Per vedere erodere la certezza del passato
I vermi brulicano e minacciano il mio sacerdozio
Schiacciato sotto il peso del malvagio colosso

La sete di Mercurio eccita l’arroganza di Zolfo
La spada di fuoco si muove a metà
Tagliando la carne dal mistero delle ceneri
Che rivela le mie abiette ossa rosicchiate dall’attrito

Condivido il destino del figlio di Prometeo
Senza avere il potere dell’affronto
Il seminatore sta aspettando il mio ritorno
Nutrendo le speranze dei parassiti affamati

Congiungendo queste pietre erose
Pensando di costruire un monumento di gloria
Ma è una tomba sempre più profonda
Che ho scavato nella sofferenza delle notti in esilio

Rotto dalla resilienza della chimera e dal regno dell’afflizione negli inferi
Sulla bocca spalancata, grotta di disprezzo, riecheggia un grido sinistro:

”Sic transit gloria mundi…”

________

Un lieu d’égarement, produit de la géhenne mentale
Reliefs escarpés de visions spectrales et de peurs abyssales

Une cathédrale de fange s’érige, victorieuse
Les flèches ornées de poussiéreuses et familières chimères

Ô toi, Titan de haine, entends mon cri d’effroi
Ton existence est le stigmate cruel de ma faillite

Les absconses lâchetés resurgissent dans le néant
Pour venir éroder la certitude d’antan
Les vers grouillent et menacent mon sacerdoce
Écrasé sous le poids du regard malfaisant du colosse

Ta soif de Mercure excite l’arrogance du Soufre
Ton glaive de feu opère la moitié d’un tour
Tranchant la chair par le mystère des cendres
Et révèle mes tristes os rongés par l’attrition

Je partage le destin du fils de Prométhée
Sans assumer la puissance de l’affront
La semeuse d’étoiles attend mon retour
Nourrissant les espoirs de la vermine affamée

En assemblant ces pierres érodées
J’ai cru édifier un monument de gloire
Mais c’est une tombe toujours plus profonde
Que j’ai creusée dans la détresse des soirs d’exil

Brisé par la résilience de la chimère, et le règne de l’affliction aux Enfers
Sa gueule béante, caverne de mépris, fait résonner un sinistre cri:

”Sic transit gloria mundi…”

SAI CHI SONO…?

Ricevo e pubblico da SatanikhoNikilista:

https://www.facebook.com/Gnosis-Luciferiana-y-Qayinitica-768893656626275/?ref=py_c

Hai paura di me, perché ti HANNO INSEGNATO A RIFIUTARMI. Mi marginalizzi e mi allontani da ciò che gli altri hanno detto di me. Ti è stato detto che sono pazzo, che sono un assassino, che ho stregato gli uomini per costringerli a commettere atti terribili, che i miei affini sono persone senza cuore, dominate dalla violenza e dall’odio, che sono falso, bugiardo, impostore, malvagio, demoniaco, disgiunto da tutto ciò che è buono e umano.

Eppure, sei curioso di me. Perché non sai chi sono.

Perché ti hanno addestrato a scappare, anche se non sai con certezza da dove stai scappando. Perché non vieni a scrutarmi? Perché non osi guardarmi come sono? Parla con quelli che mi conoscono, con quelli che hanno familiarità con la mia essenza.

Dopo potrai decidere da solo se mi odi davvero. Puoi ragionare sulla causa del tuo rifiuto, della tua discrepanza, della tua rabbia. Se sono davvero un nemico, il tuo dovere è conoscermi. Tuttavia, non lo fai.

Hai paura di scoprire che sono peggio di quanto pensi? No. Hai paura di scoprire che abbiamo più cose in comune di quanto pensi. Beh, non temere. Pensa per te stesso e scegli il tuo percorso. Se hai intenzione di combattermi, fallo con coerenza. Ma se l’unica cosa che ti impedisce di essere al mio fianco è che temi di camminare con me e di essere solo, non dovresti esitare. Quelli che mi accompagnano non sono molti, ma sono liberi e leali. Piacere di conoscerti.

Atte: il portatore di luce; la luce che ti mostra ciò che è nascosto nella tua oscurità, la luce che ti mostra la strada.

Lucifero

L’INVOCAZIONE DEL CANCELLO DI NERGAL

Ricevo e pubblico da SatanikhoNikilista:

Spirito del Pianeta Rosso, Ricorda!

NERGAL, Dio della Guerra, Ricorda! NERGAL, Dominatore dei Nemici, Comandante della Moltitudine, Ricorda!

NERGAL, Uccisore di Leoni e di Uomini, Ricorda!

Nel Nome del Patto autentico tra Te e la Razza degli Uomini, Ti invoco! Ascolta e ricorda!

Dal Gran Cancello del Signore SHAMMASH, la Sfera del Sole, Ti invoco!

NERGAL, Dio del Sacrificio di Sangue, Ricorda!

NERGAL, Signore del Sacrificio in Battaglia, Saccheggiatore delle Città dei Nemici, Divoratore della carne degli Uomini, Ricorda!

NERGAL, Dominatore della Possente Spada, Ricorda!

NERGAL, Signore delle Armi e degli Eserciti, Ricorda!

Spirito del Fervore nel Campo di Battaglia, Apri il tuo grande Cancello!

Spirito che Accede alla Morte, Apri il tuo Cancello! Spirito della Lancia a Vela, la Spada, la Roccia Volante. Apri il Cancello della tua Sfera a Colui che non ha paura!

Cancello del Pianeta Rosso, Aperto!

Cancello del Dio della Guerra!

NO EMPATHY: “VERSO L’INFINITO”

Una corrente di oscurità
Gli Spiriti infuriati
Perseguendo i sentieri
Nelle profondità più oscure
Brucia! Fiamme sinistre
Rivelaci l’Infinito
Assoluzione mentale

Occultandoci con la Maledizione
Forte come la Notte
Aprendo l’incendio del Grembo
Per liberare la Verità
Mentre la Luce diventa nera
E infetta la Ferita

Inalando le Ceneri
Il respiro della Forza iniettata
Una Forma distante che non raggiunge nessuno
Per un Mondo sconosciuto
Dove Omega è uguale a Alpha
Dove niente è tutto

____

A Current of gloom
The Spirtis unleashed
Following their Paths
Into the darkest Dephts
Burn! sinister Flames
Reveal us Infinity
Mental Absolution

Cover us with the Curse
Strong as the Night
Open the Sears of the Womb
And liberate the Truth
As the Light turns to black
And infect the Wound

We inhale the Ashes
The breathing Force injected
A distant Shape no one reaches
For a World unknown
Whre Omega equals Alpha
Whre nothing is all