THE SELF-OVERCOMING OF NIHILISM:FROM LIBERALISM TO EGOISM

KEIJJI

 

 

 

 

 

 

The curtain came down on ancient history when the world ceased to be seen as divine. The self as spirit became master of the world and conquered it as its own possession. There God appeared as theHoly: “Al l things have been delivered to me by my Father” (Matthew 11 :27) [po 941102] . Thus the self became master of the world but did not become master of its own ideal, since the spirit was sacralized as “Holy Spirit.” A Christian “without the world” could not yet become a person “without God.” If the battle during the ancient period had been waged against the world, the medieval Christian battle was fought against the self itself. The battleground shifted from outside the self to within it.

  Continue reading

ARCHISTS-ANARCHISTS AND EGOISTS

stirner 7

 

 

 

 

 

 

“I am an anarchist! Wherefore I will not rule

And also ruled I will not be.”

    — John Henry Mackay

 ”What I get by force I get by force, and what

I do not get by force I have no right to.”

  — Max Stirner

In his book Max Stirner’s Egoism John P. Clark claims that Stirner is an anarchist, but that his anarchism is “greatly inadequate”. This is because “he opposes domination of the ego by the State, but he advises people to seek to dominate others in any other way they can manage…Stirner, for all his opposition to the State…still exalts the will to dominate.”

  Continue reading

ESTASI DELLA COSCIENZA INTERNA DEL TEMPO

NIHILISMUS

 

 

 

 

 

Come abbiamo accennato precedentemente, la percezione è sì coscienza originale della cosa, dell’oggetto spaziale, ad esempio il tavolo che ho di fronte; tuttavia, è non meno evidente che ciò che mi è realmente «dato», in carne ed ossa, è solo un lato dell’oggetto, precisamente il suo lato anteriore (SP, 34).

Continue reading

RIDUZIONE PRIMORDIALE E INTERSOGGETTIVITÀ APERTA

SOL (2)

 

 

 

 

 

Nella V Meditazione cartesiana, che tuttora rappresenta un accesso privilegiato alla conoscenza della fenomenologia husserliana dell’intersoggettività, il concetto della «riduzione primordiale» è forse quello più delicato e nevralgico, proprio per l’essenziale funzione strategica che svolge nel processo argomentativo.

Se, infatti, Husserl dedica uno sforzo notevole all’individuazione di una sfera solipsistico-trascendentale, è per illustrare in modo sistematico le strutture noetico-noematiche dell’esperienza dell’estraneo, le funzioni intenzionali che si mettono in moto nella mia coscienza trascendentale non appena un «alter ego» (o, meglio, ciò che si dirà poi l’«altro io») vi faccia, in qualche maniera, il suo ingresso.

  Continue reading

Page 14 of 14
1 12 13 14