CONVULSING “UNDICI SIGILLI”

Respiro dell’eone
Echi attraverso le stanze
L’ombra si risveglia
Possedendo

Vieni fuori, Apollyon!
Nel rito antico ti convoco!
Alzati ora, caduto!
Undici sigilli incisi nella mia carne!

Passaggio aperto nell’ombra
L’odio perfetto che si manifesta

Respiro del caos
Mi sussurra parole perdute di dolore
Servo del dolore e alla morte

PRECARIA: “EVANGELIZZARE CON VELENO NICHILISTA”

Predicare il nichilismo nella culla di ogni congregazione,
assassina gli alti comandanti ecclesiastici di fronte ai fanatici credenti.
Con saggezza e superiorità pratica l’odio per la religione
e avvelena l’umanità con la realtà …

Il parrocchiano ascolta il Vangelo e lo segue come un cieco verso il cane,
l’anacoreta scrive con il suo sangue
vivendo in penitenza e bevendo per penuria …

Le convinzioni della sporca massa
sono l’insopportabile febbre che arriva a portare tragedia
e con esso una spirale di manipolazione.
Il vaccino è creato da misantropi isolati
e lo iniettiamo nelle nostre lingue per renderlo noto
dove siamo già liberi dalla peste con l’ombra di un crocifisso

Senti il pianto dei bambini che vengono battezzati da Caino,
mentre la sua innocenza era Abele …

Bagnato nelle menzogne e asciugato con i panni dell’ipocrisia,
immerso dalle braccia dell’abominio e nominato con
la voce dell’ingannatore, che li unifica con la rozza acqua santa,
benedetto da afflizione controproducente.

Evangelizza tutti loro con conoscenza, con veleno nichilista …

PDF: “IL DISTRUTTORE DELL’UNIVERSO”

Ricevo e pubblico:

http://avyssos.altervista.org/pdf-il-distruttore-delluniverso/

p9k5m4dnew3sjxkda6o

Abbiamo deciso di pubblicare su PDF lo scritto di Nichilismo indiscriminato/schizofrenico dell’affine Nechayevshchina. Uno scritto di difficile lettura, di verbosità eclettica, che sperimenta quella che esso stesso definisce il “sistema della conoscenza”, dove il sangue, viene lasciato sulle strade lastricate delle città, enormi necropoli, infestate da non-morti. È uno scontro solipsista, contro la realtà della società morale. Definire in maniera logica questo scritto, non è possibile, se non sperimentando. Anche se dobbiamo specificare che l’affine, parla di in-esistenza, di mondo creato da lui stesso, di questi punti di assioma, che non distinguono l’oggetto o il soggetto, ma sono da esso stesso creati. Questo è un punto critico e di difficile lettura e di “comprensione”, ma che pone per chi lo leggerà, un dibattito amorale, su cosa è la realtà, e di quanto l’individuo unicista combatta contro di essa, qualunque cosa possa essere in senso veritiero.

Uomo-Mostro/Edizioni Nichilistiche “Ávyssos”

[Centro di Firenze-Ultimo ideale terreno nichilistico]

PDF: “MISANTROPIA ATTIVA ESTREMA”

Ricevo e pubblico:

http://avyssos.altervista.org/pdf-misantropia-attiva-estrema/

j7gf4zx3dvb7hqs4j8q7

PROSPETTIVISMO GNOSEOLOGICO E PROSPETTIVISMO MORALE

Uno degli aspetti del pensiero di Nietzsche che nel tempo ha catalizzato l’attenzione di molti studiosi è costituito dal tema del ‘prospettivismo’, una ‘metafora visiva’ che egli utilizza prima di tutto in riferimento alla dimensione epistemica, ma che comporta profonde conseguenze ermeneutiche e pratiche. Questa nozione è stata per lo più assunta per indicare una delle ‘teorie fondamentali’ della filosofia nietzscheana, malgrado essa compaia quasi esclusivamente nella fase matura della sua attività e, in questo arco temporale, in un numero estremamente limitato di luoghi (se si considerano i soli testi pubblicati). Il motivo della rilevanza di questo tema è dovuto al fatto che esso viene comunemente sovrapposto alle osservazioni gnoseologiche che occupano uno spazio ben più ampio nella produzione di Nietzsche. Si pensa spesso, infatti, che il termine ‘prospettivismo’ non sia altro che una diversa formula con la quale egli definisce in maniera sintetica e – per certi aspetti – più efficace la teoria della conoscenza che andava elaborando sin dal periodo basileese. Alla massima, tratta dal principale appunto cui si fa riferimento per definire il prospettivismo nietzscheano, secondo cui «non ci sono fatti, ma soltanto interpretazioni», si attribuisce così il più delle volte un valore pressoché esclusivamente teoretico, sottolineando il fatto che essa sia rivolta contro la pretesa positivistica di attribuire valore alla dimensione fenomenica.

In questa nota Nietzsche mette in effetti in discussione la possibilità di conoscenza del mondo, ma spinge anche la propria riflessione oltre a questo. Egli scrive infatti:

In quanto la parola ‘conoscenza’ abbia senso, il mondo è conoscibile; ma esso è interpretabile in modi diversi, e non ha dietro di sé un senso, ma innumerevoli sensi. ‘Prospettivismo’. Sono i nostri bisogni, che interpretano il mondo: i nostri istinti e i loro pro e contro. Ogni istinto è una specie di sete di dominio, ciascuno ha la sua prospettiva, che esso vorrebbe imporre come norma a tutti gli altri istinti.

Pur nella sua costitutiva sinteticità, l’appunto contiene una grande quantità di spunti rilevanti che rendono impossibile una completa riduzione del tema del prospettivismo alla sola questione gnoseologica. Una nozione come quella di ‘interpretazione’, sulla quale molto si è scritto, porta già di per sé il discorso sul piano della morale e dell’etica, soprattutto nel momento in cui la si leghi al problema dell’attribuzione di senso al mondo. Ma ancora di più fanno il relativismo implicato dalla moltiplicazione dei punti di vista e l’egoismo che segue dalla tendenza a imporre la propria prospettiva che Nietzsche individua quale caratteristica fondamentale degli istinti; entrambi, infatti, hanno notevoli conseguenze sul piano della filosofia pratica. Con questo, non si vuole certo negare che in Nietzsche esista una profonda relazione del modello prospettico con la teoria della conoscenza. Essi sono anzi strettamente legati, ma senza che sia possibile realizzare una loro completa sovrapposizione. Si può piuttosto sostenere che il prospettivismo derivi dalle tesi gnoseologiche che Nietzsche elabora nel periodo giovanile e su cui riflette in modo particolare all’inizio degli anni ’80, ma occorre precisare che nel periodo più tardo questa tematica assume contorni del tutto propri.

Il prospettivismo è in particolare legato al cosiddetto ‘falsificazionismo’ di Nietzsche, e cioè alla tesi secondo cui la relazione dell’uomo con il mondo sia mediata tanto dall’organismo quanto dalla ragione, attraverso un processo di elaborazione del dato sensibile che ne semplifica la complessità e lo riduce a uno schema gestibile. Da tale posizione segue l’idea che il contenuto conoscitivo che il nostro intelletto ci restituisce non possegga i tratti di una perfetta corrispondenza con lo stato di cose, ma solamente quelli di una ‘verità’ pragmatica. La posizione per cui si può parlare di verità solo nei termini di funzionalità di comunicazione e di azione obbliga Nietzsche a riconsiderare la stessa dicotomia verità-errore, che egli ridefinisce proprio nei termini di utilità pratica. La determinazione del carattere ‘erroneo’ della conoscenza come tratto distintivo della nostra specie è uno degli aspetti che si trova trattato nei quaderni preparatori di FW, e in connessione al quale Nietzsche introduce per la prima volta in maniera esplicita il tema del prospettivismo:

La nostra conoscenza non è conoscenza in sé, e in generale non è tanto un conoscere quanto una catena di deduzioni e di ragnatele: è la grandiosa deduzione, che si accresce da millenni, da tutta una serie di necessari errori ottici – necessari, posto che in generale vogliamo vivere –, errori, nel caso che tutte le leggi della prospettiva debbano essere errori in sé […]. La scienza descrive la potenza finora esercitata dall’uomo, e continua essa stessa ad esercitarla – la nostra potenza poetico-logica di fissare le prospettive per tutte le cose, mediante la quale ci conserviamo in vita.

Questa nota testimonia la connessione del prospettivismo nietzscheano con questioni di carattere gnoseologico, ma rappresenta anche il nucleo di una posizione che, come detto, si sviluppa oltre la sfera puramente teoretica. Le osservazioni di Nietzsche su verità ed errore trovano infatti sviluppo nelle pagine di JGB, prima opera pubblicata in cui egli adotta la nuova terminologia. In JGB 4, Nietzsche ribadisce la propria idea che «la falsità di un giudizio non [sia] ancora un’obiezione contro di esso», e che anzi «noi siamo propensi ad affermare che i giudizi più falsi (ai quali appartengono i giudizi sintetici a priori) sono per noi i più indispensabili» ai fini della conservazione della specie e del suo ulteriore sviluppo. Ed è proprio in relazione al discorso sulla fede nei giudizi sintetici a priori che nel §11 di questa stessa opera Nietzsche chiama in causa l’«ottica prospettica della vita», all’interno della quale rientra la necessaria credenza nella loro verità. Il recupero delle tesi elaborate nei primi anni ’80 continua nella sezione successiva, in cui Nietzsche ribadisce l’idea che «l’erroneità del mondo, in cui crediamo di vivere, [sia] l’aspetto più sicuro e più saldo di cui possono ancora impadronirsi i nostri occhi», per poi dichiarare:

Che la verità abbia maggior valore dell’apparenza, non è nulla più che un pregiudizio morale […]. Non ci sarebbe assolutamente vita, se non sulla base di valutazioni e di illusioni prospettiche; e se si volesse con il virtuoso entusiasmo e la balordaggine di alcuni filosofi togliere completamente di mezzo il ‘mondo apparente’, ebbene, posto che voi possiate far questo, – anche della vostra ‘verità’, almeno in questo caso, non resterebbe più nulla! Sì, che cosa ci costringe soprattutto ad ammettere una sostanziale antitesi tra ‘vero’ e ‘falso’? Non basta forse riconoscere diversi gradi di illusorietà, nonché, per così dire, ombre e tonalità complessive, più chiare e più oscure, dell’apparenza?

Sulla base di questi testi si può concludere che, nel momento in cui Nietzsche rende pubblico il discorso relativo al prospettivismo, parlando appunto di un’«ottica prospettica» quale carattere fondamentale della vita, egli ha alle spalle una riflessione gnoseologica che non esaurisce la ricchezza di questa nuova nozione. È infatti possibile mostrare come il prospettivismo nietzscheano riguardi per buona parte la questione della posizione di valori. Questo aspetto trova conferma nei numerosi passi in cui Nietzsche si sofferma sulla questione dell’interpretazione del mondo in termini morali. È con riferimento a tali questioni che si può parlare di un vero e proprio prospettivismo morale, la cui massima potrebbe essere individuata nell’osservazione contenuta in JGB 108: «Non esistono affatto fenomeni morali, ma soltanto una interpretazione morale di fenomeni…».

Come accade nel caso della verità, secondo Nietzsche il carattere morale di un’azione non appartiene intrinsecamente alla stessa, non ne è un in sé, ma deriva da un’interpretazione successiva di quanto accaduto. Una stessa azione può così avere molte interpretazioni morali, ciascuna delle quali dipende dalla prospettiva assunta da chi giudica, ma nessuna di esse potrà mai valere in senso assoluto. Ogni valutazione (Wertschätzung), consiste in effetti nel valutare (schätzen) il valore (Wert) di qualcosa, ed essa è sempre formulata secondo una determinata prospettiva. Non vi è quindi un bene in sé, contrariamente a quanto invece sostiene Platone. Secondo Nietzsche (JGB, Prefazione), è stato lui a introdurre nella filosofia questa idea, come il suo errore più nocivo, persistente e dogmatico, in quanto a partire da esso si è disconosciuto il carattere fondamentalmente prospettico della vita stessa.

La connessione del tema del prospettivismo a quello della morale è testimoniato da una notevole quantità di appunti postumi, che dipingono un quadro in cui la questione teoretica gioca un ruolo decisamente secondario. Nietzsche ad esempio parla di «Bene e male [Böse] come prospettivistici [perspectivisch]», osserva che «l’azione buona e quella cattiva non si possono dire buona e cattiva in sé, ma solo nella prospettiva delle tendenze di conservazione di certe specie di comunità umane», e infine individua come proprio fine quello di «mostrare l’assoluta omogeneità in ogni accadere e far vedere come l’uso della distinzione morale sia solo condizionato prospetticamente».

Da quanto si può vedere, il lascito postumo di Nietzsche rappresenta un luogo particolarmente fertile per quanto riguarda la questione del prospettivismo morale. Come accade nel caso della tematica gnoseologica, e contrariamente a quanto sostenuto da un pregiudizio comune, Nietzsche non manca però di affrontare la questione nelle opere pubblicate (per quanto in maniera sintetica e
non sistematica). Il seguente passo tratto da GD offre in questo senso una formulazione chiara, precisa e sintetica della posizione di Nietzsche:

È noto quel che esigo dai filosofi, porsi, cioè, al di là del bene e del male – avere sotto di sé l’illusione del giudizio morale. Questa esigenza consegue a una idea che è stata da me formulata per la prima volta: che non esistono per nulla fatti morali. Il giudizio morale ha in comune con quello religioso la credenza in realtà che non lo sono. La morale è soltanto una interpretazione [Ausdeutung] di determinati fenomeni, o per parlare con maggior precisione, una falsa interpretazione [Missdeutung]. Al pari di quello religioso, il giudizio morale appartiene a un grado di ignoranza al quale manca ancora il concetto stesso del reale, la distinzione del reale e dell’immaginario: cosicché, a un tal grado, ‘verità’ designa semplicemente cose che noi oggi chiamiamo ‘chimere’. In questo senso, il giudizio morale non è mai da prendersi alla lettera: sempre, in quanto tale, esso non racchiude che un controsenso.

Negare l’esistenza di fenomeni morali significa, secondo Nietzsche, negare la possibilità che un’azione sia in sé morale. Il carattere morale, dunque, non è stato incontrato o scoperto, ma è stato introdotto nell’azione dall’uomo. Qui ci troviamo di fronte alla problematica del Sinn hineinlegen, ossia, la ‘introduzione del senso’ che ha a che fare con entrambi i tipi di prospettivismo (gnoseologico e morale). La natura è sempre priva di valore, scrive Nietzsche in FW, siamo noi «a fare realmente e continuamente qualcosa che non esiste: tutto il mondo […] di valutazioni, colori, pesi, prospettive». Inoltre, ci riferiamo a queste valutazioni, come se esse possedessero un valore assoluto di realtà. Ma è proprio la presa di coscienza di questa mancata assolutezza (oltretutto oggetto specifico di GD) a caratterizzare la proposta filosofica del Nietzsche maturo. Alla ricerca di un senso del o nel mondo, comune alla filosofia prima di lui, egli contrappone la creazione del senso, accompagnata dalla consapevolezza che, in mancanza di una prospettiva assoluta, i punti di vista sul mondo si moltiplichino ora infinitamente.

È a questo nostro nuovo infinito che Nietzsche si riferisce in FW 374. Qui Nietzsche si muove su un piano differente rispetto a quanto esposto in JGB, e per certi aspetti anche rispetto a FW 354, in cui parla del «vero fenomenalismo e prospettivismo». In FW 374 Nietzsche torna a parlare del «carattere prospettico dell’esistenza» evidenziandone il valore universale, che coinvolge la stessa determinazione del soggetto come interpretante (in altre parole, il fatto che questa stessa definizione sia un’interpretazione). Nel fare questo, egli amplifica le potenzialità ermeneutiche dell’individuo e, come aveva fatto nella prefazione di MA, non si riferisce semplicemente alla validità di una schematizzazione teoretica, ma tocca piuttosto la questione qualitativa del ‘senso’ dell’esistenza. Il
mondo si svuota così di tutti i significati che gli sono stati attribuiti, o meglio li mantiene uno accanto all’altro, senza che nessuno possa godere di una preminenza ontologica tale da renderlo ‘vero’. Un nuovo infinito è quello che si pone ora di fronte all’uomo, un campo di possibilità illimitato, ciascuna delle quali ha eguale valore e può ambire a imporsi sulle altre in un modo meramente relativo. Espresso in questi termini, il discorso sul prospettivismo può
solo forzatamente essere confinato nel ristretto ambito di una teoria della conoscenza. Per quanto – è utile ripeterlo – esso sia profondamente connesso con quest’ultimo, il suo valore all’interno della filosofia di Nietzsche riguarda in primo luogo la dimensione pratica. Ancora di più, si potrebbe ipotizzare che il mutamento terminologico che porta Nietzsche a parlare di una ‘visione
prospettica’ venga compiuto proprio nel momento in cui egli passa da una semplice considerazione teoretica della modalità di relazione dell’organismo con l’ambiente esterno all’applicazione di queste riflessioni all’ambito dell’etica. Il prospettivismo rende così evidente quanto per Nietzsche questi due ambiti siano collegati e come una filosofia morale possa – o forse debba – essere edificata a partire da una riflessione epistemologica.

TETRAGRAMMACIDE: “PRIMAL INCINERATORS OF MORAL MATRIX”

01. Hyper-Spatial Mandala Of Intuitive Latencies
02. The Prognosticators Of Trans-Yuggothian Meta-Reasoning
03. Radicalized Matrikavyeda Operation: Militarized Cosmogrids Destabilization (Heralding Absolute Contraction)
04. Cyberserking Strategic Kalpa-Terminator (Advanced Acausality Increment Mechanism)
05. Transcranial Ka’abatronic Stimulation Collapse
06. Intra-Dimensional Vessel Of Were-Robotics, N-Logics And Assorted Lattice Intelligences
07. Meontological Marga Of Misanthropic Computation & Extensive Backwards Physics
08. Imperial Cyanide Voltigeurs (Quantum Threshold Leapers Of Hatha-Sorcery)
09. Dismal Ramification Of Metamathematical Marmas And Sandhi

(PROPAGANDA): ”KH-A-OSS-Misantropia Nichilistica” IV

Ricevo e pubblico

KH-A-OSS IV

INDICE

– Senza mediazioni etiche (Schizo)

– Terrorismo Criminale: Notte di fuoco a Torpignattara (Roma): incendio distrugge 9 auto e uno scooter

-Terrorismo Criminale: Bruciate nella notte quattro auto a Settimo Torinese

– Caos e divenire-Nietzsche interprete di Anassagora (da Abisso Nichilista)

– Intervista con Jon Nödtveidt dalla prigione (Reinkaos.net)

– Viscerale (su Renzo Novatore)

LA DISSOLUZIONE DELLA RAGIONE

La concezione di Nietzsche dei limiti della scienza, la sua interpretazione della verità, intesa come ciò che può apparire, e il circolo – che riappare in forme sempre nuove – di un annientamento, per così dire, suicida di tutto ciò che è vero, che non mette in dubbio la ragione in generale.

Che si tratti della morale, della morte di Dio o della verità, tutto confluisce in un perdersi nel nulla. Ma, all’interno di tali estremi, Nietzsche vuole raggiungere, nel vero senso, l’essere. Questo non è accessibile come la ragione; per questo motivo, cerca di ottenerlo per mezzo della dissoluzione della stessa o per mezzo dell’agire e dell’attacco.

Nietzsche attacca la ragione in quattro modi:

1. Contro l’affermazione che la verità sta nel pensare, applica la sua teoria dell’interpretazione e, con essa, l’apparente carattere di ogni cosa pensata. Questa è la logica peculiare di Nietzsche. Le categorie di pensiero sono inganni necessari per la vita; sono utili e sono strumenti per afferrare qualcosa (6, 22). Se uno non credesse in loro, il genere umano soccomberebbe (16, 20). Ma non sono la verità, ma finzioni. In realtà, la sua origine non è nell’essere, ma è la condizione che ci permette di pensare che sia così. Una tale condizione è che qualcosa è identico a se stesso. Solo se pensi all’identità (casi identici, ciò che rimane uguale a te stesso) questo sarà l’oggetto del pensiero. L’ammissione di un’entità identica a se stessa “è necessaria per pensare ed essere in grado di stabilire; la logica fornisce solo formule per ciò che rimane nell’identità “(16, 30). Nietzsche sviluppa questi pensieri nei seguenti passaggi:

Il pensiero dell’identità richiede il principio di contraddizione. Anche questo, entro l’orizzonte ingannevole di un intelletto che cerca di essere, costituirà una finzione.

“Affermando e negando la stessa cosa, falliamo.” Tale affermazione e negazione sono solo una proposizione dell’esperienza soggettiva: non esprime alcun “bisogno”, valido per essere se stesso, ma solo un’impotenza della nostra capacità di pensare . “La proposizione non contiene alcun criterio di verità, ma un imperativo su ciò che dovrebbe essere vero” (16, 28 mq).

L’identità e il non essere in grado di contraddirsi l’un l’altro hanno la loro radice ultima, secondo Nietzsche, nell’Io, che è uguale a se stesso ed è come se fosse costante. Ma, per esso, non c’è nessun io, fuori da questa posizione. Ciò che l’idealismo tedesco aveva pensato con la logica del sé, inteso come coscienza del pensiero in generale, venne approvato da Nietzsche; ma impiegato come mezzo per il suo attacco. Il prospetto su cui poggia il movimento della ragione – quella che sarebbe la nostra “fede nell’io” – costituisce un limite: “il nostro pensiero presuppone quella fede; abbandonarlo significherebbe non poter continuare a pensare “(16, 15).

Il fatto che l’io, l’identità e l’impossibilità della contraddizione siano collegati l’un l’altro, costituisce il circolo in cui la facoltà di pensare, come un’interpretazione sempre fittizia dell’essere, ha luogo nel corso della vita.

Ora, poiché tutte le altre categorie (cosa, sostanza, soggetto, oggetto, predicato, causalità, meccanicismo e altre) si riferiscono solo a un essere identico che non contraddice se stesso e anche all’essere della differenza, tutti sono postulati dall’intelletto e messi al servizio della vita, che richiede qualcosa di costante come condizione per essa. Sono solo finzioni in un’entità. Dai frammenti di Nietzsche, si potrebbe presentare una teoria delle categorie ampiamente sviluppate.

Mostrerebbe, in una ripetizione monotona, che ogni categoria porta quel carattere di identità, ecc., E che ognuno di essa è al servizio della vita e della volontà di potenza.

Il risultato della logica nietzscheana, costantemente confermata, è che l’intelletto è un mezzo per vivere, sebbene l’intelletto non possa catturare l’essere della vita nel suo stesso senso, cioè quello di un costante divenire.

“Il nostro intelletto non è fatto per concepire il futuro: si sforza di dimostrare una rigidità generale” (12, 23). “Ma il carattere del mondo che diviene” non è “formulabile”; è “falso”, “contraddittorio”, logicamente incommensurabile. “La conoscenza e il divenire sono esclusi … un certo tipo di divenire deve creare l’inganno dell’e-n-t-e” (16, 31); cioè, di un essere sussistente, identico a se stesso. Tale inganno è possibile solo attraverso il circolo del pensiero che si chiude su se stesso. Il significato ultimo di tali esposizioni, basato sulla teoria di tutta la vita pensante, inteso come interpretazione, è nella limitazione della ragione all’intelletto, e nel superamento della sua pretesa di verità, raggiunta da una richiesta di verità di un significato diverso e che si muove in un piano completamente diverso ..

Per la vita dell’uomo, la ragione è inutile, pericolosa e impossibile. È inutile:

“La mancanza di ragione di una cosa non è un fondamento contro la sua esistenza; piuttosto, ne costituisce una condizione “(2, 369). È pericolosa. Sembra che presuma di sapere tutto, ed è anche deleteria.

Alla domanda: “La ragione, che fino ad ora ha immaginato di sapere tutto, è conservata o piuttosto distrutta?” (12, 156), Nietzsche risponde con queste parole: “se l’umanità agisce davvero secondo ragione, vale a dire, secondo il fondamento del pensiero soggettivo e della conoscenza, sarebbe dovuta crollare da molto tempo, “(12,157). È l’impossibile. Non c’è verità della ragione, capace di fondare tutte le cose e attraverso la quale la totalità dell’uomo può essere compresa.

Se, per esempio, i predicatori tolleranti della ragione avessero fondato tutto sull’intelletto razionale, mostrerebbe che essi escludono sempre alcune coppie di “verità fondamentali” e, rispetto a loro, non ci sarebbe alcuna tolleranza. “Sarebbe bello attenersi alla ragione, finché c’era una ragione. Ma il tollerante deve diventare dipendente dalla sua ragione, dalla sua debolezza “(12, 172).

In realtà, non esiste una tale ragione, sulla quale possa essere fondata l’esistenza data dell’uomo.

Cosa significano tali attacchi sulla fede nella ragione? Nietzsche mette in discussione, del perché questa verità appare come qualcosa di sussistente, cercando di fondare, all’origine, la verità della coscienza dell’essere, propria dell’esistenza umana, che è come se fosse l’unica cosa che ha validità universale, suscettibile di essere pensata da tutti e da tutti assimilata, essendo, in tal modo, in grado di sostenere la vita in comune di tutti. Nietzsche mette in discussione, del perché la verità cela se stessa: questa sostiene l’Esistenza. Nel suo filosofare, interroga questa profonda verità. Se, con il nome di “verità fondamentali”, Nietzsche trova solo gli errori che condizionano la vita, questo domandarsi sarà una mera indicazione; in esso il pensiero sarà limitato per un istante, e Nietzsche stesso non è rassicurato da esso.

3. Alla domanda metafisica se la ragione domina il mondo, la risposta, all’interno del pensiero filosofico, è sempre stata affermativa in un certo senso, per quanto sia stata differita. Nietzsche, d’altra parte, nega una tale ragione metafisica del tutto. “L’unica cosa razionale che conosciamo è la particella della ragione dell’uomo” (10, 414). Il vortice delle forze del mondo non ha motivo. “Il fatto che il mondo non sia l’insieme di un’eterna razionalità può essere dimostrato in modo definitivo, perché la parte del mondo che conosciamo – la nostra razionalità umana – non è troppo razionale” (3, 190). Infatti: “Anche tra i più saggi, la ragione rimane l’eccezione. Il caos, il bisogno e il vortice delle stelle: ecco la regola “(12, 243). E “tra tutte le cose, c’è qualcosa di impossibile: la razionalità.

Certamente un piccolo motivo è sparso da una stella all’altra: questo è mescolato con tutte le cose “(6, 243). Per Nietzsche, è sorprendente che la ragione esista in generale. Come è venuta al mondo? “Come è giusto, in un modo non razionale, per caso. Dovremo contare su di essa, come un enigma “(4, 125).

La fede metafisica in una ragione che prevale nel mondo, dipende dalla fede in Dio o è identica ad essa. Per Nietzsche entrambi sono caduti. La fede nella verità era solo una conseguenza della fede in “che Dio è la verità e che la verità è divina … Ma come sarebbe possibile una tale circostanza, se diventa sempre più incredibile, se nulla viene mostrato come divino, per errore, cecità e menzogne, se Dio stesso si è dimostrato la nostra menzogna più duratura? “(5, 275 mq).

Con un tale attacco, Nietzsche vuole respingere la fede e la fiducia nella ragione oggettiva del tutto, intesa come la credenza in un principio pensabile e intelligibile. Mettere una tale ragione come assoluta sarebbe, per lui, rendere l’io invisibile. L’aggressività nasconde, in sé, il richiamo rivolto all’origine dell’uomo, che deve acquisire una vera certezza di sé e non essere mascherata dalla presunta razionalità universale dell’esistenza data e di se stessa.

PDF: “FRANGERE III- SUL TERRORISMO INDISCRIMINATO E IL MISANTROPISMO-ARCA”

Ricevo e pubblico

https://avyssos.altervista.org/pdf-frangere-iii-sul-terrorismo-indiscriminato-e-il-misantropismo-arca/

v7h5gldos03ksqrthn

PDF: “LA NOSTRA È UNA GUERRA SENZA RICORSO”- INTERVISTA A NICEVSCINA

Ricevo e pubblico:

https://avyssos.altervista.org/pdf-la-nostra-e-una-guerra-senza-ricorso-intervista-a-nechayevshchina/

8nq2s5fnd870ofkaka

Page 1 of 4
1 2 3 4