MYSTICUM: “ANNIENTAMENTO”

Svegliati nelle tenebre e temi ciò che sta arrivando
Strillanti sirene del caos che ululano
Gente frenetica ovunque, in ginocchio e in lacrime
Strisciando nella disperazione, gli umani muoiono

La marcia inter-dimensionale avanza …
Il proposito di magia nera è ora attorno,
la popolazione umana senza valore
L’unica soluzione, l’annientamento.

Il frastruono dei terrestri si è finalmente fermato
Il suono di ossa e teschi che esplode
Sotto le cinture di ferro che rotolano
Dalla massa di umani cadono gli angeli
Il rumore dei terrestri si è finalmente fermato
E sopra l’ammasso umano sta il falso angelo

La marcia inter-dimensionale avanza …
Il proposito di magia nera è ora attorno,
la popolazione umana senza valore
L’unica soluzione, l’annientamento

Ali che sbattono, demoni che battono le mani
Per il padre stanno attaccando
Con forza infernale e potenza eterna
Angelo di luce, Lucifero brilla luminoso!

Svegliati nelle tenebre e temi ciò che sta arrivando
Strillanti sirene del caos che ululano
Gente frenetica ovunque, in ginocchio e in lacrime
Strisciando nella disperazione, gli umani muoiono

BLAKK OLD BLOOD: “BRUCIANDO LE CHIESE”

Patetico Impero, caduta dalle fiamme

Il Fuoco dell’Inferno pulisce il mondo

Percependo il calore di una notte fredda-Cielo Oscurato illuminato di rosso

Costruzioni di un dio debole – Estinte dal fuoco!
L’odore seducente di benzina-Impregna l’aria di mezzanotte
Pronto per l’attacco finale-la forza di dio cade nel fuoco

Chiese che ardono – su tutto l’orizzonte
Chiese che ardono – il segno della vittoria
Chiese che ardono – su tutto l’orizzonte
Chiese che ardono – il segno della vittoria

Patetico Impero, caduta dalle fiamme

Il Fuoco dell’Inferno pulisce il mondo

Chiese che ardono – su tutto l’orizzonte
Chiese che ardono – il segno della vittoria
Chiese che ardono – su tutto l’orizzonte
Chiese che ardono – il segno della vittoria

Gesù Cristo cade a pezzi – dalle fiamme eterne dell’Inferno
La croce dello stupido-Divorato da un calore infernale
Pronto per l’attacco finale-la forza di dio cade nel fuoco

Bruciando le chiese
Bruciando le chiese
Bruciando le chiese
Bruciando le chiese

THEURGIA: ”ANTI PERPETUO”

Anima-Vorace, ti consegno la mia lugubre passione
La mia calma ardente, il mio fervore tremolante
Vene aperte, confusione tenue
Che notte, austera la mia esistenza.

Oggi sono l’aborto
Dei tuoi dogmi
Il nulla, il nemico
Di me e tutto questo
Anti tutto
Anti Perpetuo

Anima-bestia oggi io sono quello che odi
La speranza suicida dell’essere.
Qui non ci sono dei fra le nubi spesse
Non c’è niente qui.

Distruttore
Con odio e paura
Essere caos e salvezza
L’epurazione rancida della non-esistenza
Le vecchie fauci

Anima-serpente,
Nemico di tutto questo
Che dorme nel cosmo.
Il simbolo dell’ascesa spirituale
Che giunge ai confini della realtà
E cade nel suo stesso crepuscolo

HIC IACET: “RITUALE II: PROFEZIA DEL DESTINO”

Sopra lo sguardo impuro della luna
Gli arcani fatali
Esecuzione dell’ombra
Occhio morto in una vita devastante
Enigma della morte
Potere magico della risurrezione
L’odio di Horus
Crematorio per il falso Dio
Rivelazioni apocrife
Tirannia del sole nero
Caduta di Cristo
Cieli coperti di sangue
Apocalisse profetizzata
Per la luce bianca
Entità occulte
Proclama il suo arrivo

IRKALLIAN ORACLE: “RIFLESSIONI”

Deserto e vortice insonne, brividi alla deriva e stelle sparse nel cielo e il mare.

Gli specchi in frantumi riflettono la confusione in innumerevoli echi persi negli abissi della distanza in frazione e dell’amore.

Con la coda dell’occhio / percepisco ciò che non può essere percepito come me stesso, noto solo l’assenza di Certezza, un fantasma che perseguita l’esilio al di fuori del mio cuore.

Desiderio e appartenenza, testimonianza e visione.
Come se ancora cercassero i loro stessi nomi mentre sfuggono dalle loro stesse labbra.

E un miliardo di assiomi fluttua attorno al fuoco di Moloch.
Come pianeti senza vita grigi che volteggiano su un sole che flagella
Urlando per wahdat al-wujud.

Le stelle del deserto volteggiano insonni, affondando profondamente nel cielo e nel mare alla deriva.

Raggiungendo la bocca di mezzanotte che è diventata un guscio aperto e in un disagio eonico in esso, si formeranno le più strane perle.

(E improvvisamente;) In assenza di Dio, è dove si trova il cuore di Dio
Che in questo preciso istante viene trafitto dalla luce satanica
Come un terribile segreto caduto dalla lingua dell’Infinito
In un unico mondo.