AL DIO IGNOTO

http://abyssusabyssumminvocat.torpress2sarn7xw.onion/2017/07/01/al-dio-ignoto/

Ancora, prima di partire
E volgere lo sguardo innanzi
Solingo le mie mani levo
Verso di Te, o mio rifugio,
A cui nell’intimo del cuore
Altari fiero consacrai
Chè in ogni tempo
La voce tua mi chiami ancora.

Segnato sopra questi altari
Risplende il motto “Al Dio ignoto”.
Suo sono, anche se finora
Nella schiera degli empi son restato:
Suo sono e i lacci sento,
Che nella lotta ancor mi atterrano
E, se fuggire
Volessi, a servirlo mi piegano.
Conoscerti voglio, o Ignoto,
Tu, che mi penetri nell’anima
E mi percorri come un nembo,
Inafferrabile congiunto!
Conoscerti voglio e servirti!

LO SCHIAVO CONTRO IL SIGNORE

beliars-breath: ★the Shepherd of the Damned★ by Daniel Corcuera

“Se la conoscenza, il dire sì alla realtà, è per il forte una necessità, allo stesso modo per il debole lo è la viltà, la fuga dalla realtà, l’ideale. L’uomo decadente ha bisogno della menzogna, è una delle sue condizioni di sopravvivenza”. “Vedere la morale stessa come sintomo di decadence è un innovazione, una unicità di prim’ordine nella storia della conoscenza.”

Un mondo dove l’ istinto e la volontà creatrice del singolo trovano sempre il loro limite nelle imposizioni di valori assoluti dati per certi, e dove l’artificio mentale serve per fuggire dal caos e dall’angoscia di una vita che è sostanzialmente una vita dolorosa e senza senso, è un mondo dove si determina, secondo Nietzsche, una fondamentale e patologica distorsione nell’ attribuzione dei valori; tale attribuzione sarebbe in contrasto con la natura autentica dell’uomo e all’ origine della nascita della Morale.

Continue reading

POEMA AL DIOS DESCONOCIDO

Risultati immagini per demons deviantart

“Antes de seguir mi camino
y de poner mis ojos hacia adelante,
alzo otra vez, solitario, mis manos
hacia Ti, al que me acojo,
al que en el más hondo fondo del corazón
consagraré, solemne, altares
para que en todo tiempo tu voz,
una vez más, vuelva a llamarme.

Continue reading

IL PENSIERO DANZANTE

PENSIERO DANZANTE

 

 

 

 

 

 

 

 

Il “pensiero danzante” di Nietzsche, questa sua impostazione dinamica di finitudine non-finitudine, l’essere come divenire, l’uomo inteso come transizione e tramonto per una rinascita sempre nuova: tutto ciò contrasta con la dimensione di infinitudine propria della metafisica tradizionale, che colloca nel trascendente il fine ultimo della vita.

Continue reading

IL SUPERUOMO COME CONTINUO DIVENIRE

NIETZSCHE PLIT

 

 

 

 

 

 

 

A partire dalla follia di Nietzsche, si sono susseguite numerose interpretazioni sul concetto di Superuomo e sulla dottrina della volontà di potenza. Vero è che il carattere frammentario e non lineare della sua intera opera rende di non facile comprensione il suo pensiero.

Continue reading

IL MESSAGGIO DI ZARATHUSTRA

NIETZSCHE PLIT

 

 

 

 

 

 

 

Il pensiero di Nietzsche arriva a compimento attraverso il messaggio visionario del suo Zarathustra. Non è casuale da parte dell’autore la scelta del profeta persiano vissuto nel 600 a.C.: Zarathustra fu il primo a riconoscere nella lotta tra bene e male la dialettica fondamentale dell’esistenza.

  Continue reading

CRISTIANESIMO-ETICA DEL RISENTIMENTO

NIETZSCHE PLIT

 

 

 

 

 

 

 

A proposito di cristianesimo, Nietzsche parla in particolar modo di etica del risentimento. Non quello di Gesù, da lui stesso considerato uomo attivo e nobile, propugnatore come lui stesso di un’ etica della gioia; risentimento e cattiva coscienza fanno parte invece dell’ etica di San Paolo, cioè il primo cristiano.

Continue reading

LA DIALETTICA APOLLINEO–DIONISIACO

NIETZSCHE PLIT

 

 

 

 

 

 

 

Appassionato di studi filologici e mondo antico, Nietzsche dà una personalissima interpretazione del mondo greco, cercando e trovando nell’arte classica una forma di giustificazione estetica dell’esistenza.

Continue reading