DISGUSTO (MISANTROPIA ATTIVA ESTREMA)

Ricevo e pubblico:

“Tutti sono infelici perché tutti hanno paura di proclamare il libero arbitrio.“

Ripugnanza e disprezzo

Sono un Misantropo nella metropoli

Decadenza e declino

Disgusto per l’altro, gli altri, per la massa

Turpe esemplare pronto ad assommarsi

La Mia Misantropia si nutre dell’amore dell’altro per l’odio dell’altro nell’amore nell’altro…accresco Me stesso, vivendo in mezzo alla massa

Cacofonia e disarmonia, sono l’Individuo della Misantropia Metropolitana

Osceno e magnifico, sono sinonimi che aggradano la moltitudine

Sublime odio che divora il circostante, e consuma un io dopo l’altro, dopo l’altro ancora

Saliva che scende da anfratti odorosi, annuso il circostante e sento, voglio, elaboro, il disprezzo, che si arrampica fino al fondo del vertice

Vertex!

Alterazione della psiche, rimasuglio di spettri, compresenza di statiche forme

Mutamento della negazione, che non nega ma avanza e dissemina non forme di avversione

Immagine di stratificazione, ritratto di un mondo in asfissia, moltiplicazione e riadattamento dell’uomo-razionale

Repulsione e spregio

Sono un Misantropo nella metropoli

Effluvio di distruzione, proiettando il mondo vero approssimato al mondo apparente

Abietto comporsi di incastri in anonimi cubicoli di cemento

Ghetto che permea l’enfasi che compenetra e pervade il flusso di vita

Amore per me stesso, odio per l’identico, ossessione e appartenenza

Profondo particolare, avversione singolare e specifico odio verso il genere umano

Umano senza distinzione, accumulo e consumo di apprensioni uguali una all’altra

Fenomenalità di uno spirito nel respiro morente di un apparenza opaca

Contrasto in uno sguardo, disperso tra i molti, attenzione in un relazionarsi manchevole

Realtà che corrisponde all’avversione in un atteggiamento nell’espressione edulcorata

Mutevole apparenza in un impressione di fugace sintesi: indifferenza, disinteresse, interesse per il concentrare duplicati dentro un umano entro un umano

Il vuoto dell’universo, immanente, il vuoto dell’universo, paragone e immersione nel vuoto

Sono il Misantropo, e siamo i Misantropi, siamo gli Estremi, aspiriamo energia dentro le metropoli

L’anatomia della negazione, la destrutturazione della forma improntata, plasmata, eradicata, il sintomo di unione tra approssimazione e vertigine

Disgusto, indigesto, in una spirale di rovina, devastazione, impronta che esaspera gli opposti che si avversano

Invocazione al Caos! Stella Unicista!

Uroboro che voracemente inghiotte e ingolla strati deformati di umani

Serpens qui caudam devorat

Senza interludio, nel vuoto, senza intermezzo, del vuoto,

Nuovo inizio, senza fine, in un cerchio che spande disarmonia inondante

Ciclo spezzato, ogni fine ogni inizio, ogni inizio ogni fine

Invocazione al Caos! Stella Arca!

Individuo Egoista o Individuo Humano?

Io sono il Misantropo, Io sono l’Estremo, Io Voglio tutto, Io Sono il Tutto!

Schizo

MISANTROPIA ATTIVA ESTREMA VOL.4 (TERRORISMO EGOARCA/AVYSSOS EDIZIONI)

Ricevo e pubblico:

http://terrorismoegoarca.torpress2sarn7xw.onion/2019/07/16/misantropia-attiva-estrema-vol-4-terrorismo-egoarca-avyssos-edizioni/

Misantropia Attiva Estrema vol.4

In affinità con i tipi dell’Avyssos, pubblichiamo il 4° volume di “Misantropia Attiva Estrema”. Ribadiamo, come hanno fatto altri affini, che non perseguiamo nessun fine politico, ma ci interessa l’ampliamento del caos, del terrorismo, della distruzione egoarca, è anche se sembra che gli attentati che proponiamo siano assimilati nella quotidianità, pensiamo possano dare apporto alla Misantropia estrema, è che questi attentati siano attuati per questo, per la distruzione personalistica, specifica.

Terrorismo Egoarca/Avyssos Edizioni

cultoabaddon@secmail.pro

NO EMPATHY: “VERSO L’INFINITO”

Una corrente di oscurità
Gli Spiriti infuriati
Perseguendo i sentieri
Nelle profondità più oscure
Brucia! Fiamme sinistre
Rivelaci l’Infinito
Assoluzione mentale

Occultandoci con la Maledizione
Forte come la Notte
Aprendo l’incendio del Grembo
Per liberare la Verità
Mentre la Luce diventa nera
E infetta la Ferita

Inalando le Ceneri
Il respiro della Forza iniettata
Una Forma distante che non raggiunge nessuno
Per un Mondo sconosciuto
Dove Omega è uguale a Alpha
Dove niente è tutto

____

A Current of gloom
The Spirtis unleashed
Following their Paths
Into the darkest Dephts
Burn! sinister Flames
Reveal us Infinity
Mental Absolution

Cover us with the Curse
Strong as the Night
Open the Sears of the Womb
And liberate the Truth
As the Light turns to black
And infect the Wound

We inhale the Ashes
The breathing Force injected
A distant Shape no one reaches
For a World unknown
Whre Omega equals Alpha
Whre nothing is all

VAGANDO TRA ROVINE NASCOSTE

Vago tra rovine nascoste
Attraverso notti di veglia senza fine.
Io non appartengo a nessun luogo,
e nessuna epoca
Vivo nel passato e nel presente
Bandito dal tempo,
Sono un ombra senza era,
Ho in me la forza oscura,
Per non ascendere,
Per rimanere nel profondo
Dell’inumano,
A cui appartengo …sono il Misantropo
Per essere il maestro,
Non il servo.
Verso il limite
Verso un limite
Tornando nel rifugio
In cui le candele si accendono
I muri scritti di sangue …
L’abisso si riapre …sono il Misantropo
E il male è libero
Ancora una volta…
Gli anni diventano secondi,
I secondi diventano anni,
Il sangue diventa fuoco,
Il fuoco diventa sangue,
L’oscurità diventa luce,
La luce diventa oscurità,
Divento tutto,
Divento nulla,
Niente è casuale.
Tutto ha uno scopo.
Tutto ha un significato.
Come gli spiriti indomabili,
Erro, non appartengo a nessun luogo e non ho tempo.

SANGUE E ODIO MISANTROPICO

Sono rimasto nella melma sulla cima della collina
Osservando i Cieli che crollavano
L’inferno è scaturito da lacerazioni intessute nelle profondità delle terre
Soffocando la luna e il sole in un velo cremisi
L’aria era acre come il sangue che consumava i mari agitati
Corpi disseminati dalla marea in declino che si insinuavano nelle profondità
Molto simile alla vita che un tempo lottava in questo mondo ormai in decadenza
Una teodicea bruciata
Quando gli dei senza volto si destreggiavano col fuoco
E ora tutto ciò che è rimasto di un tale abominio
È avvolto da una coltre di lacrime e cenere che non risorgerà mai.

INVOCAZIONE ALLA CAOSÓFIA

Ricevo e pubblico:

http://regresando.altervista.org/ajajema-no-5/

Urlando, OH! Mia madre senza nome, con la sua voce silenziosa dove si formò una barriera e un drago con le ali invisibili, alzando il mio spirito imprigionato.
Abbracciami con le tue fiamme, divorami e rendimi un tutt’uno con te.
Il mio desiderio è una semplice forma, il mio odio, un’illusione e il mio amore solo un sogno.
Tu e solo tu sei l’essenza dell’essere, che hai realizzato la fiamma divina che porto dentro.
Ti chiedo, con il mio silenzio e le mie lacrime, di mettere da parte le tue catene e i pensieri, e con gli occhi chiusi, per ammirare la mia bellezza.
Tutte le parole sono state affermate a scapito del tuo potere, tutti i sentimenti mi portano lontano dal tuo percorso e tutti i pensieri negano la tua verità!
Perciò, mi lancio senza paura nell’oscurità sconosciuta, lasciando che la fiamma senza forma, che brucia dentro di me, esploda e mi porti nell’aldilà, dove c’è il tuo regno immortale!
Tu sei tutto ciò che non è, dunque, questo è tutto ciò che voglio essere!
Il suo silenzio sembra un tuono, e porta la fiamma oscura del mio spirito,
La tua assenza mi ha aperto gli occhi, dato che la vita è solo un’agonia senza senso.
Tu sei uno, questo è tutto, sei il nulla e solo in te posso trovare la pace eterna!
Tu sei tutto ciò che non è, ebbene, sono tutto ciò che voglio essere!
Tu sei il caos che è al di là di tutto!
Sei il caos che sarà in tutti!
Sono innamorato del caos, è l’intelligenza e la saggezza per liberare lo spirito!
Tu sei quello che era, ed è, e continuerà ad essere per sempre!

Preso da “LiberAzerate”

DECADENZA

Decay

 

Intrappolato nel ventre decadente della civilizzazione

Il sole non si vede mai

I nostri corpi si immergono nella luce soffusa dell’ideologia

Nessuna speranza, nessun futuro, nessuna uscita

CACOTOPIA (MISANTROPIA ATTIVA ESTREMA)

Ricevo e pubblico:

“Era una gioia appiccare il fuoco. Era una gioia speciale vedere le cose divorate,      vederle annerite, diverse..”

Cacotopia
Vuoto, vortice, un vessillo che brucia senza più speranza
Sanguina, la razza umana, sangue e disgrazia
Precipitando, nella decadenza, in rivoli nel tramonto
Crepuscolo, sul declino della pace
Obscurum- ombre, scheggia nascosta, nel nulla assoluto, del codice di un mondo cupo
                                                                                                                                                   Freddo crescente, dell’oscurità manifesta del non-essere

Cacotopia
Per Dominare il mondo, spargendo Terrore, destabilizzare il cardine dell’esistenza
Sul Promontorio, orrore che mi prega, che si fonde, che è reale
In Dissoluzione, combattere per il decadere, per l’emergere di un ombra manifesta
Irritante permanenza, in un attesa spastica, grumo nel sangue caduto attorno a me
La razza umana si riversa e si sparge, svuotando l’energia di corpi scomodi 

Cacotopia
Per strascinare il Caos, verso il Terrore!
Il massacro, l’affondo, che rende l’attesa tramutandola in esacerbazione
Nella perdizione, per la rovina e l’angoscia insofferente, in uno spasmo
Per il culto di Abaddon:
Il fuoco che brucia fino alla distruzione
Chiamami-il Distruttore!
Malvagio, rovina e ancora rovina, in fondo dell’abbandono
L’incendio che arde in uno sprofondo Infernale

Cacotopia
Predatore di tutti i valori
Erga omnes- etica della reciprocità
L’errore è l’umano, l’errore e la debolezza, l’umano che sanguina
Abominio e ribrezzo, il fuoco annientatore, per il vacillare, per l’abbattere
Chiamami-il Distruttore:
Alla guerra! Per la guerra!
Ricercando la raffigurazione di un essere libero, ricalca la certezza più sommersa, nel sentiero di un Inferno manifesto

Sovra-umano, nel sangue, con il sangue, per la nostra razza…

Consumato, nella fine di un ciclo, periodo eo sequenza
Deiezione di un nuovo idolo- feticcio-immagine
Oltre il nulla, voglio inabissarmi, in un desideri marginis

Cacotopia
La fine, la società, nuove esplosioni di decadenza, di degrado e imbarbarimento
Frammenti rotti in immagini abbandonate per mutare la breccia
Universo nero, pece disgustosa che distende il ciglio alterato dell’esistenza
Distesa sterminata di ferite, nessun rimargina-mento, cadaveri che fluttuano in strati di cemento
Rituale remoto, il mito della moralità, che precipita dentro un fosso, più profondo del cielo

Cacotopia
Il fuoco indistruttibile scorre alto e vasto sugli scheletri dei retti
Impeto, l’ultimo uomo, che percorre selciati divelti, da distruzioni ossessive
L’oscurità dell’abisso, il vuoto e l’isolamento, l’oscurità del flagello e della disgrazia
Niente e nessuno sarà destato, niente e nessuno verrà liberato, in una dimora angusta
Il nero del negativo assoluto, il buio del non-essere
Blasfemia che riecheggia, in una costellazione di fenditure demoniache

Chiamami-il Distruttore!

Schizo

Verano, Quartiere San Lorenzo, Caput mundi

ROTTING CHRIST: “P’UNCHAW KACHUN – TUTA KACHUN”

Portando la spada – l’ammirazione – della legge dell’altare
Lascia che il sangue scorra – nella valle – di dolore infernale
Dai spettacoli di dolore – la tua forza – del mio mondo degli inferi
Lascia che la lama apra – il loro percorso – verso il mondo dell’oltretomba

Ombre dell’infiero- ombre del fuoco- ombre del morto
Ombre di nero- di fuoco- di un morto

Affilo la mia spada – il simbolo – del mio mondo oscuro
Lodatemi come un dio – come il sovrano – del vostro mondo terrorizzato
Guarda la corona – e dichiara – la tua parola desiderata
Lascia scorrere il sangue, lascia che fluisca- fallo espirare
Ombre dell’infiero- ombre di fuoco – ombre dei morti
Ombre di nero – di fuoco – di morto

Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Ombre dell’infiero- ombre dell’infiero
Dell’infiero- del morto- di fuoco
Di morto- di fuoco- dell’infiero
Di fuoco- dell’infiero- del morto
Di morto- del morto- di un morto

Supai maestro- Supai padre – Era nera- Supai maestro

Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Ombre dell’infiero- ombre del fuoco- ombre di un morto
Ombre di nero- di fuoco- del morto

_____

Bring me my sword – the awe – of the altar’s law
Let the blood flow – in the valley – of infernal woe
Leave pain shows – thy might – of my underworld
Let blade dawn – their path – to the netherworld

Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – de fuego – de muerto

I sharpen my sword – the symbol – of my obscure world
Praise me as a god – as the ruler – of your scared world
Look at the crown – and declare – your desired word
Let the blood flow – let it flow – let it blow
Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – del fuego – de muerto

Chorus
Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Sombras de infiero – sombras de infiero
Del infiero – de muerto – de fuego
De muerto – de fuego – del infiero
De fuego – del infiero – de muerto
De muerto – de muerto – de muerto

Supai master – Supai father – negra era – Supai master
Chorus
Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai – Supai

Sombras del infiero – sombras de fuego – sombras de muerto
Sombras de negro – de fuego – de muerto

ANTINOMISMO (ORDINE MISANTROPICO LUCIFERIANO)

Ricevo e pubblico:

“La misantropia e il disprezzo della società sono anch’essi elementi essenziali del vero Satanismo.”

Nota introduttiva: Portiamo alla luce, ancora una volta, materiale, che appartiene all’Estremistico Ordine Misantropico Luciferiano, è pensiamo, come si leggerà sottostante, che sia un testo preciso e diretto, ma “in linea”, con i progetti Terroristici e Anti-politici, che sono emersi da parecchio tempo. In linea, precisiamo, non significa nella totalità dell’attentato amorale per far sprigionare in menti pazze, il Caos che vuole affondare la società e distruggere l’esistente. L’affinità egoista, la “base” della feroce Unione degli Egoisti, in questi anni, è stata appresa e sperimentata da un numero risicato di individui, del nostro milieu e di quelli affini, ma che con parole e azioni distruttive, hanno creato qualcosa di originale, influenzando altri estremisti, direttamente/indirettamente, è che hanno agito per scatenare il Caos Terroristico e amorale. Per cui la nostra- verso queste “linee di condotta”- è affinità egoista, materiale che può essere preso, e da dove possiamo apprendere, possedendolo egoisticamente a nostro piacimento. E pur non essendo Satanisti Anti-cosmici (per abbreviare), siamo affini alle parole estremiste espresso sotto. Un altro appunto, che vogliamo fare, è che già abbiamo in parte esplicato, è che rispettiamo totalmente la metafisica satanica/esoterica dell’ Ordine Misantropico Luciferiano, come totalmente rispettiamo il Paganesimo Eco-Estremista, perché per Noi, l’uomo è un animale metafisico. Abbiamo già in breve specificato che significato gli diamo (e magari uscirà un approfondimento/testo) ma quando parliamo di questo, intendiamo l’individuo che nega e discrimina la “base materiale”, che ha appreso nella società umana (questo non può essere negato pensiamo), è che eleva e promuove lo scorrere recondito dell’agire occulto, primordiale, dell’azione, che anche se esplicata in superficie, contiene la sotto-superficie, è che tutto questo oltrepassa, e va al di là del bene e del male, in un inesplorabile attentare estremistico/metafisico.

Ex Editori della Rivista Misantropica Attiva Estrema KH-A-OSS

____

1. Sii come un lupo mannaro, un lupo assetato di sangue camuffato da pecora umana; poiché potrai cacciare liberamente tra i tuoi nemici solo quando riuscirai a nascondere il tuo vero io.

2. Un’azione forte vale più di mille parole vuote.

3. Lucifero è il nostro ideale, quindi dobbiamo essere noi stessi i portatori di rivoluzione, saggezza e liberazione.

4. Nel mondo dei sognatori i ridestati sono dei.

5. Una società si forma quando dei sufficienti umani deboli, si uniscono, creano leggi e regole per proteggersi dall’ira dei forti. Quindi, rendi il tuo obiettivo, quello di essere sempre il nemico numero uno della società.

6. La Luce brillante di Lucifero rimarrà sempre oscurità negli occhi dei ciechi.

7. La menzogna offre conforto ai deboli, mentre la triste verità libera e rende divino il forte.

8. Menti agli altri se devi, ma piuttosto che iniziare a mentire a te stesso, perdi la tua vita.

9. Lascia che la tua Volontà sia l’unica legge e punisca senza pietà ogni trasgressione.

10. L’élite non può mai degradarsi e sprofondare al livello della feccia indegna, la democrazia deve quindi essere sempre combattuta da tutti noi e con ogni mezzo necessario.

11. Solo attraverso il terrore, la minoranza d’élite può farsi capire, per il lamento della maggioranza subumana.

12. Colui che è il più illuminato forma l’ombra più oscura ed è quindi considerato dagli stolidi come il portatore di tenebre.

13. Solo i subumani sono limitati dalla moralità illusoria e dalle leggi dello status quo. Il Satanista, che ha trasceso queste illusioni, è libero ed è al di là del bene e del male.

14. Fai la guerra contro la pace e combatti per la guerra stessa. Perché solo nel fervore della battaglia i lupi saranno separati dalle pecore.

15. Impara a conoscere te stesso; solo attraverso l’identificazione dei tuoi limiti imparerai a trascendere tutte le tue imperfezioni. La conoscenza di sé è quindi l’unica chiave per la perfezione.

16. Il seme della conoscenza può crescere solo in un terreno fertile e deve essere annaffiato con l’acqua di Azoth. Solo allora la saggezza oscura spezzerà le forme e le strutture stagnanti e farà prosperare il Caos.

17. È attraverso la rappresentazione e l’agire come i nostri Dei Oscuri, che possiamo avanzare ed elevarci ai Loro troni e diventare una cosa sola con la Loro essenza.

18. Entrando senza paura nell’oscurità dell’ignoto troveremo la nostra Luce interiore di Lucifero.

19. Le difficoltà e gli ostacoli che non ci uccidono, ci temprano solamente, e il più temprato tra di noi è colui che è vicino a Satana.

20. Nulla purifica i forti così bene come il sangue versato dei loro nemici.

21. In tempo di pace prosperano solo i parassiti.

22. Sii spietato e senza clemenza, distruggi tutto e tutti quelli che ti ostacolano, perché la pietà e la compassione sono le stimmate dei più deboli.

23. L’adempimento di una vita Satanica è il modo in cui muore un satanista. Perché l’ultima vittoria del forte è morire in battaglia.

24. La nostra Volontà è la legge e la nostra legge è il Caos.

Page 1 of 12
1 2 3 12