OLTRE L’ASSOLUTO-VERSO L’IM-POSSIBILE

 NON ESISTE

«Poiché dell’eterno ritorno aveva la visione che conosciamo, per l’intensità dei sentimenti Nietzsche rideva e tremava insieme. Pianse troppo: erano lacrime di esultanza. Percorrendo la foresta lungo il lago di Silvaplana, si era fermato vicino a una enorme roccia che si elevava a forma di piramide, non lontano da Surlej. Immagino di arrivare io stesso alla sponda del lago, e, immaginandolo, piango.

Continue reading

L’ASPIRAZIONE AL CULMINE

ASPIRAZIONE AL CULMINE

 

 

 

 

 

 

La bontà creatrice altro non è che la volontà di potenza, una bontà che si affaccia al di là del bene (inteso come principio morale), in vista del recupero di una radicale immanenza, che si regge sulla comunicazione interindividuale, consentita dal lavorio del negativo.

  Continue reading

ANARCHISM AND THE POLITICS OF RESSENTIMENT:SLAVE MORALITY AND RESSENTIMENT

risentimento 4

 

 

 

 

 

 

 

ANARCHISM AND THE POLITICS OF RESSENTIMENT

 “A word in the ear of the psychologists, assuming they are inclined to study ressentiment close up for once: this plant thrives best amongst anarchists . . . ”

Of all the nineteenth century political movements that Nietzsche decries — from socialism to liberalism — he reserves his most venomous words for theanarchists. He calls them the “anarchist dogs” that are roaming the streets of European culture, the epitome of the “herd-animal morality” that characterizes modern democratic politics.

  Continue reading