VALIGETTA-BOMBA (ITS/TENDENZE TERRORISTICHE ANTIPOLITICHE)

https://archive.org/details/MaletnBomba

https://abissonichilista.altervista.org/wp-content/uploads/2019/02/KH-A-OSS-VII.pdf

* Questa valigetta-bomba, può contenere solo un tubo galvanizzato, per l’esplosione, ma in questo caso ne useremo due; è un po’ più complicato a causa della quantità di cavi usati, ma approfondendo bene il meccanismo, si può creare una valigetta con 3 o 4 tubi galvanizzati, in modo che l’esplosione sia mortale.

-2 Tubi galvanizzati

-Filo ricotto

-Cartone solido

-Una valigetta (può essere auto-costruita, rubata, comprata o qualsiasi altra cosa; noi raccomandiamo di realizzarla in maniera semplice con il cartone solido)

-Due piccole lampadine per auto o quelle che si usano per gli alberi di natale (queste devono essere riempite con polvere di fiammiferi)

-Silicone

-2 pile da 9 v

-Nastro isolante

-Cavi elettrici

Procedimento:

La prima cosa da fare è una scatola rettangolare con cartone solido, simile a una valigetta.

Per questo, i lati della valigetta devono essere tagliati con misure uniformi in modo che siano il più dritti possibili.

Si consiglia di iniziare a montare l’ordigno esplosivo quando si ha la base della valigetta pronta.

Come negli altri esempi precedentemente descritti (pacco-bomba e busta-incendiaria), la valigetta-bomba è composta da un semplice circuito elettrico, costituito da tre cavi, il primo collegato dalla lampadina con polvere di fiammiferi (che va dentro il tubo) alla pila, il secondo che va dalla pila verso null’altro, e il terzo che va dalla lampadina con la polvere di fiammifero (dentro il tubo) come prima, verso null’altro.

Quando questo “nulla” cessa di esistere, i poli si uniscono generando la detonazione dell’esplosivo. Come viene mostrato nell’immagine qui sotto:

Per illustrare meglio il meccanismo utilizzato nella valigetta-bomba, lo illustriamo in questo modo:

In questo caso, abbiamo esclusivamente posto un circuito elettrico per illustrarlo meglio, e perché al terrorista si dia un’idea basica, prima di proseguire, e spiegare come la valigetta-bomba possa essere composta da due tubi o anche più, questo per una maggiore capacità distruttiva, anche se per provare il dispositivo si consiglia di realizzarlo in modo semplice, come è apprezzato nell’immagine.

Come si vede nel disegno non professionale di Paint, la valigetta deve avere un’apertura in cui si inserisce il manico falso (questo deve essere composto da cartone solido, ma se si può ottenerne uno di plastica per dare più “realismo”, è molto meglio), che deve essere “libero” e non fisso, in modo che quando lo sventurato/a, lo solleva, subirà ferite, al collegare involontariamente i fili che attivano la lampadina all’interno del tubo, generando l’esplosione.

* Ricordati di coprire le mani con i guanti per manipolare qualsiasi materiale che inserisci nell’esplosivo.

* Raschia via con un trapano le matricole dei tubi in modo che non sia così facile rintracciarti.

* Utilizza silicone liquido, colla o nastro isolante per fissare i cavi alla valigetta, in modo che non si muovano per evitare incidenti.

* Questo meccanismo è molto sicuro, se lo fissi e lo assicuri molto bene non darà alcun problema.

* Ti consigliamo, quando sei pronto a posizionare qualsiasi dispositivo elettrico per il tuo obiettivo, di NON passare vicino a generatori di energia o aree con torri ad alta tensione o trasformatori, in quanto le onde elettromagnetiche generate possono far esplodere accidentalmente l’ordigno.

Ora passiamo al diagramma che mostra una valigetta-bomba con due tubi:

Come mostrato nell’immagine, utilizziamo due tubi galvanizzati collegati a due batterie.

I tubi sono legati con filo ricotto in modo che non cadano, uno è più grande dell’altro in modo che rimangano fissi, i tubi e la pila sono attaccati alla base della valigetta, con silicone liquido, ma è possibile mettere anche la colla.

I tappi dei tubi devono essere forati con un trapano per estrarre i cavi.

Anche se vedi un sacco di cavi, non è troppo difficile montare questo esplosivo con due cariche, devi solo stare attento a NON posizionare i poli opposti nella stesso carica, perché se viene fatto questo si corre il rischio che esploda quando lo si sta manipolando. Ricorda che i poli similari, anche se si toccano, non trasmettono carica elettrica.

Tutto questo può essere visto in questa immagine, che indica la posizione corretta del circuito:

In breve, se si posiziona (per esempio) il filo rosso della prima batteria sul lato positivo e il verde sul lato negativo, c’è il rischio che se i fili si toccano con quelli della seconda batteria, l’esplosione possa essere generata su di te, quindi raccomandiamo al terrorista di prestare tutta l’attenzione nell’assemblaggio dell’esplosivo per evitare incidenti.

Quando l’ordigno esplosivo è completato, deve essere coperto con l’altro lato della valigetta, incollandolo adeguatamente in modo che i tubi non si stacchino e che i cavi non oscillino.

Terrore e morte per gli iper-civilizzati!

ITS

image_pdfScaricare PDFimage_printStampare testo
(Visited 74 times, 1 visits today)